Keystone
SVIZZERA / STATI UNITI
10.12.20 - 09:460
Aggiornamento : 14:22

Deprezzamento del franco: la Svizzera rischia di figurare tra i manipolatori di cambi

La mole di capitali impiegati dalla BNS nell'operazione supera di molto la soglia limite fissata dagli Stati Uniti.

BERNA / WASHINGTON - La Svizzera potrebbe presto figurare nell'elenco americano degli Stati che manipolano i cambi. Lo afferma l'agenzia Reuters, che si rifà a fonti informate anonime americane.

Secondo gli addetti ai lavori, il nostro Paese dovrebbe rientrare nei criteri per essere classificato da Washington come un manipolatore. Appare quindi probabile che la Svizzera compaia in un rapporto sul tema che dovrebbe essere pubblicato nelle prossime settimane dal Dipartimento del tesoro.

Contattata da Reuters, la Banca nazionale svizzera (BNS) non ha voluto esprimersi sul tema e nemmeno il Dipartimento americano del tesoro ha commentato le indiscrezioni. L'inserimento della Svizzera nell'elenco - diffuso a ritmo trimestrale - non ha un effetto diretto, ma serve come base al governo americano per orientale la sua politica commerciale internazionale e può costituire un avvertimento riguardo a possibili sanzioni e dazi doganali.

Come noto, quest'anno la BNS è intervenuta massicciamente sul mercato valutario per evitare un apprezzamento del franco, giudicato economicamente dannoso. «Un ulteriore rafforzamento del franco, la cui quotazione è già elevata, si sarebbe infatti tradotto in ulteriori difficoltà per la nostra economia», aveva detto il presidente della direzione Thomas Jordan in giugno. Il movimento al rialzo della moneta nazionale è una diretta conseguenza della crisi del coronavirus, che ha spinto gli investitori a fuggire dai mercati finanziari cercando beni rifugio.

Nei soli primi sei mesi dell'anno la BNS è intervenuta con 90 miliardi di franchi: un ammontare che è molto di più del 2% del prodotto interno lordo (in Svizzera: circa 700 miliardi), soglia oltre la quale gli Stati Uniti parlano di manipolazioni dei cambi. Con un'eccedenza delle importazioni bilaterali di oltre 20 miliardi di dollari e un surplus delle partite correnti di oltre il 2% la Svizzera soddisfa anche gli altri due criteri che stanno alla base dell'orientamento americano.

La Svizzera si è finora difesa sostenendo che gli interventi della banca centrale sul mercato dei cambi sono motivati esclusivamente dalla politica monetaria e che di conseguenza il Paese non mira a ottenere vantaggi commerciali. L'obiettivo - si argomenta a Berna - è quello di evitare le conseguenze negative, per la stabilità dei prezzi e per l'economia, causate da un franco sopravvalutato.

Occorre anche ricordare che da quasi sei anni la BNS tiene il suo tasso d'interesse di riferimento in territorio ampiamente negativo (-0,75%). L'istituto parla inoltre peraltro tuttora di «valutazione persistentemente elevata del franco».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
17 ore
Nel Regno Unito potrebbe mancare l'alcol per Natale
Un "cocktail perfetto" sta rallentando la distribuzione di superalcolici e bollicine, rendono attenti gli specialisti
SVIZZERA
2 gior
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
3 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
3 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
3 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
3 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
4 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
4 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
4 gior
Che sprint per il settore della costruzione
Il fatturato del terzo trimestre è il più elevato degli ultimi tre decenni, ma la SSIC mette in guardia
GIAPPONE
4 gior
Giappone, budget miliardario per i semiconduttori
Le anticipazioni di Nikkei parlano di uno stanziamento pari a 4,87 miliardi di franchi per rilanciare i settori chiave
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile