Depositphotos (zebrik)
La pandemia di coronavirus e le relative restrizioni continuano a incidere pesantemente sul ramo delle costruzioni in Svizzera.
SVIZZERA
25.11.20 - 10:070

Costruzioni, la pandemia riporta il settore al 2015

Già persi 1,2 miliardi di franchi di ricavi dall'inizio dell'anno

ZURIGO - La pandemia di coronavirus e le relative restrizioni continuano a incidere pesantemente sul ramo delle costruzioni in Svizzera: nel terzo trimestre il giro d'affari del ramo è sceso dell'11% su base annua. Per l'insieme dell'anno è atteso un ritorno ai livelli del 2015.

A causa del Covid-19 il settore principale della costruzione ha già perso 1,2 miliardi di franchi di ricavi dall'inizio del 2020, afferma in un comunicato odierno la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC). A questo fattore si aggiungono poi i costi per le misure di sicurezza e la minore produttività.

Sulla base dell'indice pubblicato insieme a Credit Suisse l'organizzazione stima che il 2020 si chiuderà con un fatturato complessivo di circa 19 miliardi, il 7% in meno del 2019. Si tratterebbe del valore più basso da cinque anni a questa pare.

La SSIC ricorda che a soffrire in modo particolare è stato il comparto dell'edilizia residenziale, che nel secondo trimestre ha subito un drammatico calo del 27%, a 1,3 miliardi di franchi. Nel terzo trimestre vi è stato un certo recupero, ma su base annua la flessione è ancora del 18%.

Si possono comunque individuare altri primi timidi segnali di ripresa del mercato. Anche i committenti commerciali hanno mostrato una maggiore fiducia tra luglio e settembre, cioè prima della seconda ondata del coronavirus. Hanno dato mandato per un maggior numero di commesse edili (+11%) e hanno riavviato i progetti di costruzione temporaneamente fermi, di modo che il ramo dell'edilizia commerciale è riuscito più o meno a stabilizzare il proprio fatturato, subendo nel terzo trimestre una lieve contrazione del 3% (dopo il -17% della seconda parte dell'anno).

Con un piano in cinque punti i committenti pubblici sono stati motivati ad accelerare i lavori di pianificazione, le procedure per le licenze edilizie e l'assegnazione degli appalti. Tuttavia secondo la SSIC talune entità sono ancora riluttanti a sostenere l'economia con l'aggiudicazione dei mandati. Dall'inizio dell'anno, le nuove commesse sono ancora al di sotto del 3,5% rispetto al livello dell'anno precedente. Soprattutto nell'importante settore del genio civile pubblico il calo è significativo, pari al 5,5%.

Stando alla SSIC, gli enti cantonali possono ammortizzare l'impatto della recessione e salvaguardare gli impieghi accelerando i lavori di pianificazione, le procedure per le licenze edilizie e l'assegnazione dei lavori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
4 ore
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
7 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
7 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
9 ore
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
12 ore
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
14 ore
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
1 gior
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
1 gior
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
1 gior
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile