Depositphotos (zebrik)
La pandemia di coronavirus e le relative restrizioni continuano a incidere pesantemente sul ramo delle costruzioni in Svizzera.
SVIZZERA
25.11.20 - 10:070

Costruzioni, la pandemia riporta il settore al 2015

Già persi 1,2 miliardi di franchi di ricavi dall'inizio dell'anno

ZURIGO - La pandemia di coronavirus e le relative restrizioni continuano a incidere pesantemente sul ramo delle costruzioni in Svizzera: nel terzo trimestre il giro d'affari del ramo è sceso dell'11% su base annua. Per l'insieme dell'anno è atteso un ritorno ai livelli del 2015.

A causa del Covid-19 il settore principale della costruzione ha già perso 1,2 miliardi di franchi di ricavi dall'inizio del 2020, afferma in un comunicato odierno la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC). A questo fattore si aggiungono poi i costi per le misure di sicurezza e la minore produttività.

Sulla base dell'indice pubblicato insieme a Credit Suisse l'organizzazione stima che il 2020 si chiuderà con un fatturato complessivo di circa 19 miliardi, il 7% in meno del 2019. Si tratterebbe del valore più basso da cinque anni a questa pare.

La SSIC ricorda che a soffrire in modo particolare è stato il comparto dell'edilizia residenziale, che nel secondo trimestre ha subito un drammatico calo del 27%, a 1,3 miliardi di franchi. Nel terzo trimestre vi è stato un certo recupero, ma su base annua la flessione è ancora del 18%.

Si possono comunque individuare altri primi timidi segnali di ripresa del mercato. Anche i committenti commerciali hanno mostrato una maggiore fiducia tra luglio e settembre, cioè prima della seconda ondata del coronavirus. Hanno dato mandato per un maggior numero di commesse edili (+11%) e hanno riavviato i progetti di costruzione temporaneamente fermi, di modo che il ramo dell'edilizia commerciale è riuscito più o meno a stabilizzare il proprio fatturato, subendo nel terzo trimestre una lieve contrazione del 3% (dopo il -17% della seconda parte dell'anno).

Con un piano in cinque punti i committenti pubblici sono stati motivati ad accelerare i lavori di pianificazione, le procedure per le licenze edilizie e l'assegnazione degli appalti. Tuttavia secondo la SSIC talune entità sono ancora riluttanti a sostenere l'economia con l'aggiudicazione dei mandati. Dall'inizio dell'anno, le nuove commesse sono ancora al di sotto del 3,5% rispetto al livello dell'anno precedente. Soprattutto nell'importante settore del genio civile pubblico il calo è significativo, pari al 5,5%.

Stando alla SSIC, gli enti cantonali possono ammortizzare l'impatto della recessione e salvaguardare gli impieghi accelerando i lavori di pianificazione, le procedure per le licenze edilizie e l'assegnazione dei lavori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Francese
1 ora
Big John è stato battuto all'asta per 6,6 milioni di euro
È il più grande triceratopo mai rinvenuto. Vissuto 66 milioni di anni fa, oggi ha trovato la sua nuova casa
STATI UNITI
4 ore
Elon Musk potrebbe essere il primo “trilionario” della storia
A permettere al magnate americano di superare la soglia dei dodici zeri la crescente fortuna della sua SpaceX
STATI UNITI
7 ore
Più di Instagram e WhatsApp, l'offerta "monstre" è per Pinterest
PayPal starebbe valutando l'acquisizione del social network fotografico per circa 39 miliardi di dollari.
SVIZZERA
8 ore
Decathlon aprirà a Zermatt la sua prima filiale di montagna
L'attività di noleggio di sci e biciclette costituirà una parte centrale del business
CANTONE
11 ore
Vestirsi a tema “Squid Game” per Halloween rischia di essere molto complicato
Perché la produzione dei costumi è iniziata tardi, la negoziante luganese: «Ce li chiedono, ma sarà per Carnevale»
STATI UNITI
1 gior
Scavalcati i 66mila dollari: nuovo massimo storico per i Bitcoin
L'esordio dell'ETF sulla criptovaluta a Wall Street ha fatto segnare un nuovo record
REGNO UNITO
1 gior
Burberry "scippa" il Ceo a Versace
Si tratta di Jonathan Akeroyd, che riceverà un ricco regalo di benvenuto: sei milioni di sterline
Regno Unito
1 gior
Come distruggere Big Tobacco, il Regno Unito ci sta pensando
Un nuovo emendamento chiede di scrivere su ogni sigaretta "Fumare uccide" e di alzare l'età legale da 18 a 21 anni
SVIZZERA
1 gior
Roche, trimestre a nove zeri per i test Covid
Il giro d'affari del colosso farmaceutico ha raggiunto, nei primi nove mesi del 2021, i 13.3 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 gior
Facebook starebbe pensando di cambiare nome
L'azienda (non il social) potrebbe cambiare marchio, forse anche tentando di lasciarsi alle spalle critiche e problemi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile