KEYSTONE
La Posta Svizzera ha chiuso il primo semestre del 2020 con un utile di 30 milioni di franchi, in calo di 163 milioni rispetto all'anno precedente. I
SVIZZERA
27.08.20 - 11:340

La pandemia pesa sui conti della Posta

La crisi ha accelerato importanti tendenze già in atto, come il calo dei volumi nel settore delle lettere

BERNA - La Posta Svizzera ha chiuso il primo semestre del 2020 con un utile di 30 milioni di franchi, in calo di 163 milioni rispetto all'anno precedente. In una nota odierna, l'azienda cita la pandemia come principale causa della flessione: il suo impatto pesa sui conti per circa 120 milioni di franchi.

La crisi ha accelerato importanti tendenze già in atto, come il calo dei volumi nel settore delle lettere e nel traffico dei pagamenti allo sportello, così come l'aumento del volume di pacchi, si legge nel comunicato, nel quale viene sottolineato il ruolo rilevante della Posta per il servizio universale svizzero, in particolare a livello logistico.

«Anche il secondo semestre risentirà dal punto di vista finanziario degli effetti di questa crisi. Considerando l'attuale andamento della pandemia, al momento ipotizziamo che gli effetti negativi dell'emergenza coronavirus saranno più blandi rispetto a quelli registrati nel primo semestre», afferma Alex Glanzmann, responsabile Finanze, citato nella nota.

Record di pacchi - Il risultato d'esercizio (EBIT) nel primo semestre è stato di 61 milioni di franchi, con un calo di 208 milioni rispetto al 2019. I volumi nel mercato dei pacchi sono aumentati del 22% circa. Da gennaio a fine giugno la Posta ha trattato quasi 87 milioni di pacchi, contro i 71 milioni dell'anno precedente. Solo ad aprile 2020 ne sono stati trattati 17 milioni: record mensile mai raggiunto prima nei 170 anni di storia dell'azienda.

Nel primo semestre, PostLogistics ha conseguito un risultato d'esercizio pari a 108 milioni di franchi, 40 milioni in più rispetto all'anno precedente. A consentire l'aumento sono stati da un lato il volume aggiuntivo di pacchi, dall'altro le liquidazioni dell'assicurazione e degli accantonamenti in relazione alla rapina a un furgone portavalori avvenuta nel 2019.

Meno lettere - In questo periodo si è intensificata la tendenza alla digitalizzazione e quindi anche il calo nel settore delle lettere (-7,8% per quelle indirizzate). Soprattutto gli invii pubblicitari hanno subito una flessione significativa. Tra lettere indirizzate e invii senza indirizzo si è così arrivati a una contrazione dei ricavi pari a 72 milioni di franchi. Nel primo semestre del 2020 PostMail ha realizzato un risultato d'esercizio di 110 milioni di franchi, arretrando così di 84 milioni rispetto al valore dell'anno precedente.

Anche RetePostale per via del coronavirus ha registrato delle perdite nel settore delle lettere (-11%) e nel traffico dei pagamenti presso le filiali (-15%). Swiss Post Solutions ha da parte sua conseguito un risultato di esercizio sull'ordine degli 8 milioni di franchi, scendendo di 9 milioni sotto al valore dell'anno scorso.

Meno passeggeri - Gli effetti del Covid-19 si sono fatti sentire anche su AutoPostale, che è tuttora ben lontana dal numero consueto di passeggeri. La domanda e il fatturato hanno subito un calo significativo, facendo diminuire i ricavi derivanti dai trasporti del 17,8% rispetto all'anno precedente.

Tassi bassi - Il risultato d'esercizio di PostFinance è dal canto suo sceso di 86 milioni su base annua, attestandosi a 60 milioni. Il calo è imputabile principalmente ai minori proventi da interessi che a causa della persistenza di tassi bassi hanno registrato una riduzione pari a 31 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
7 ore
I dipendenti Google rimarranno ancora a casa
Il rientro in ufficio, che era stato pianificato per gennaio, è stato nuovamente rimandato
STATI UNITI / SVIZZERA
10 ore
USA: la Svizzera non è più considerata «manipolatore di cambi»
Il Dipartimento del tesoro continuerà però a guardare con occhio critico gli interventi della Banca Nazionale Svizzera
MONDO
14 ore
Per più di metà dei manager, «il telelavoro incrementa la produttività»
Lo sostengono circa il 57% di oltre 4'000 manager di 26 Paesi, interpellati durante un sondaggio della società PwC
STATI UNITI / CINA
16 ore
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
18 ore
Roche, tre nuovi test per individuare la variante Omicron
I prodotti sono stati sviluppati dalla sua controllata TIB Molbiol
SVIZZERA
1 gior
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
1 gior
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
1 gior
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
1 gior
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
1 gior
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile