Depositphotos (denisismagilov)
Il coronavirus avrà un impatto duraturo sul mercato degli spazi commerciali, secondo gli esperti del settore.
SVIZZERA
23.08.20 - 12:490
Aggiornamento : 13:37

La domanda di uffici subirà un arresto duraturo a causa della pandemia

Entro la fine del 2020 la domanda diminuirà di 600'000 m2 rispetto all'anno scorso

Il coronavirus avrà un impatto duraturo sul mercato degli spazi commerciali. Secondo gli esperti del settore intervistati da Le Matin Dimanche, la domanda di uffici subirà probabilmente un arresto duraturo. Visto il calo dell'occupazione e le nuove abitudini di telelavoro, molte aziende cercheranno di risparmiare sugli spazi di lavoro.

«Sono prevedibili distorsioni del mercato e un aumento delle superfici vacanti», riassume la Banca Cantonale di Zurigo (ZKB), che ha appena pubblicato uno studio sull'argomento. Entro la fine del 2020 la domanda diminuirà di 600'000 m2 rispetto all'anno scorso e a medio termine caleranno anche gli affitti, secondo gli esperti.

Questa evoluzione è già visibile sui portali specializzati. A febbraio su Homegate venivano proposti poco più di 2 milioni di metri quadrati di locali commerciali, mentre oggi l'offerta è salita a 2,4 milioni, con un incremento del 17,5%, sottolinea Ursina Kubli Burgauer, economista della ZKB.

«Gli effetti della pandemia sono visibili solo in misura limitata nei dati trimestrali perché generalmente i contratti sono di lunga durata, ma il crollo della domanda e l'incertezza per gli sviluppi economici nei prossimi mesi porterà a un aumento dei locali vuoti e a una pressione sugli affitti», gli ha eco Daniel Stocker, della società di consulenza specializzata Jones Lang LaSalle (JLL).

Le pigioni per gli uffici in Svizzera sono già diminuite in modo significativo nel secondo trimestre. «Con il calo dell'occupazione legato al Covid, la domanda di spazi per uffici ha subito una brusca e probabilmente duratura battuta d'arresto. Di conseguenza, nel primo trimestre abbiamo visto un calo sia degli affitti che del valore di molte proprietà», afferma Marie Seiler, responsabile della consulenza immobiliare di PwC.

Il coronavirus, oltre a causare una contrazione dell'occupazione, ha dimostrato che il telelavoro funziona. Le imprese, che normalmente investono circa il 5% del budget per l'affitto di locali, saranno quindi spinte a risparmiare su questa voce di spesa.

Non tutti i settori del mercato immobiliare risulteranno perdenti. Gli esperti del Credit Suisse Fredy Hasenmaile e Alexander Lohse, che hanno appena pubblicato uno studio sul "Swiss Office Real Estate Market 2020", credono che oltre all'eccesso di offerta vi sarà anche una mancanza di spazi. Ci sono, ad esempio notevoli, differenze fra le superfici commerciali nelle città, per le quali la richiesta è sempre alta, e quelle nelle periferie, che faticano a trovare inquilini già da anni.

Inoltre la pandemia ha avuto un effetto inaspettato: i prezzi delle case di vacanza, che dal 2012 scendevano, hanno ricominciato a salire. L'aumento è iniziato prima del Covid, ma si è rafforzato con l'avanzare del virus. È un'evoluzione legata anche alla diffusione del telelavoro, che permette di essere attivi anche da una casa di vacanza. "Quando si vede l'interesse degli svizzeri per le località di montagna durante le vacanze estive, si può supporre che questo mercato si rafforzerà", affermano gli specialisti.

Il telelavoro potrà favore anche la costruzione di spazi di coworking laddove ancora non ce ne sono, ad esempio vicino alle zone residenziali, e di spingere la richiesta di appartamenti più grandi per destinare una stanza a uso ufficio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Disà 1 anno fa su tio
Sinceramente che brutta lezione di economia , la bella ragazza in copertina , gli affitti che si alzano per la speculazione che avanza nei nuovi campi che si aprono , gli spazi che si svuotano per incrementare gli utili , e la scusa del telelavoro per giustificare il " 5% " di spesa del budget che è troppo elevata e va tagliata . Ma dove andate .
Orso 1 anno fa su tio
Bene cosi. A chiasso la meta dei negozi sono vuoti e piuttosto che abbassare gli affitti li tengono cosi. Affitti troppo alti, costi del personale alti e clienti che vanno in italia. Ma chi è cosi scemo da aprire un negozio nel mendrisiotto. Lugano ancora peggio con affitti che arrivano a toccare le stelle.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
ITALIA / SVIZZERA
8 ore
Garage Italia ceduta in Lussemburgo, ecco perché Lapo Elkann si è dimesso
Emergono nuovi dettagli sulla decisione dell'imprenditore di lasciare: una cessione ai lussemburghesi
GERMANIA
11 ore
L'aeroporto di Francoforte-Hahn è in insolvenza
È da anni che il numero di passeggeri era in calo, ancor prima della crisi legata al coronavirus
REGNO UNITO
14 ore
Commercio internazionale, Londra non respingerà Pechino
L'apertura del premier Boris Johnson alla Cina in occasione del "Global Investment Summit". Ma «non saremo ingenui»
SVIZZERA/ITALIA
15 ore
Lapo Elkann ha dato le dimissioni dall'ormai "svizzera" Garage Italia
Non sarà più il Presidente del Cda di Garage Italia Customs, di proprietà della basilese Youngtimers
CINA
17 ore
Dopo il terremoto Evergrande, la Cina rallenta e si scopre un po' più fragile
Crescita azzoppata e molte nubi all'orizzonte, la Repubblica Popolare scampa alla recessione Covid ma cede a sé stessa
FOTO
STATI UNITI
1 gior
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
REGNO UNITO
1 gior
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
2 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
2 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
2 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile