Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
04.07.20 - 17:230

Il ceo di Lufthansa difende gli aiuti di Stato destinati a Swiss nonostante gli utili

Lufthansa intende rimborsare il denaro il prima possibile, ma una data ancora non c'è

BERNA - Il Ceo di Lufthansa Carsten Spohr difende l'aiuto statale accordato a Swiss dalla Confederazione, nonostante anni di utili milionari realizzati dalla controllata elvetica del gruppo tedesco. In un'intervista di oggi alla Neue Zurcher Zeitung, Spohr ha sottolineato che Swiss non si limita a trasferire denaro alla centrale di Francoforte ma ne riceve anche.

«Grazie agli investimenti la filiale di Lufthansa dispone della flotta più moderna del gruppo», ha dichiarato Spohr. Swiss è ora più grande di quanto lo fosse Swissair quando è fallita nel 2002.

Il Ceo di Lufthansa ha sottolineato che la Confederazione non ha ancora versato a Swiss gli 1,275 miliardi previsti. Prima di poter ricevere il denaro, il Fondo di stabilizzazione del governo tedesco dovrà approvare il credito.

Lufthansa intende rimborsare il denaro il prima possibile. Tuttavia, Spohr non ha indicato una data precisa. Lufthansa non sarà libera da debiti fino al 2023, ma il gruppo preferisce ricevere prestiti sul mercato per rimborsare il denaro dei contribuenti in Svizzera, Germania e Austria. «Preferiamo essere indebitati con i mercati dei capitali piuttosto che con i contribuenti».

Tassa su biglietto aereo neutra per concorrenza - Riguardo al progetto svizzero di imporre una tassa sui biglietti aerei, Spohr ha affermato che sarebbe neutra dal punto di vista della concorrenza. La domanda diminuirà sicuramente, ma la cosa più importante è che la concorrenza non venga distorta, ha detto. Le compagnie aeree nazionali saranno fortemente colpite perché sono quelle con il maggior numero di partenze dal Paese. Se la tassa sul CO2 è concepita in modo da tener conto della destinazione finale, tutti i biglietti aerei subiranno lo stesso aumento di prezzo.

Il Parlamento ha recentemente votato a favore di una tassa sulle emissioni di CO2 sui biglietti aerei tra i 30 e i 120 franchi, a seconda della classe e della distanza. Per Spohr, il trasporto aereo avrà un futuro solo se sarà accettabile dal punto di vista della politica climatica.

Per quanto riguarda le vacanze estive e il turismo, Spohr ha sottolineato che sia Lufthansa che Swiss registrano attualmente un traffico continentale e intercontinentale inferiore alle attese. Il mercato più importante è quello degli Stati Uniti, che rappresenta più della metà dei voli a lungo raggio e Spohr spera che la situazione inizi a normalizzarsi a partire da settembre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 ora
Nei negozi un'inflazione limitata
L'aumento dei prezzi dovrebbe mantenersi in media sull'1,2 per cento quest'anno in Svizzera
IRLANDA
8 ore
Meno emissioni di Co2? EasyJet accelera
Il vettore ha lanciato un nuovo obbiettivo intermedio: ridurle del 35% entro il 2035
SVIZZERA
10 ore
Stipendi da capogiro nel settore edile
I salari sono in aumento, un operaio guadagna in media 6'204 franchi svizzeri, secondo un sondaggio del SSIC.
SVIZZERA
12 ore
Forte crescita metalmeccanica, ma non senza timori
C'è infatti preoccupazione per il "cocktail tossico" di problemi, tra pandemia e inflazione
MONDO
22 ore
Più miliardari (e sempre più ricchi) negli anni del Covid
573 individui sono entrati a far parte del club dei super ricchi negli ultimi due anni.
SVIZZERA
1 gior
Un albergo su due ha aumentato i prezzi
Il trend potrebbe rafforzarsi a causa dell'inflazione e della carenza di personale
SVIZZERA
1 gior
Axpo, i proprietari vogliono rinunciare ai dividendi
Parte della somma dovrebbe essere investita nel campo delle energie rinnovabili, ha annunciato l'azienda
CINA
2 gior
Xiaomi ha raggiunto Samsung e Apple
Il gigante tecnologico cinese ha superato quota 500 milioni di smartphone venduti
ITALIA
2 gior
Per chi vola dall'Italia verso l'Europa «questa sarà l'estate del caro-aereo»
Per alcune mete si parla di aumenti fino al +91%. L'allarme del Codacons italiano riguarda anche i traghetti
UNIONE EUROPEA
2 gior
La BCE a muso duro contro le cripto: «Non valgono nulla, ci vuole una regolamentazione»
Le posizione netta e severa, attraverso Christine Lagarde in un momento di altissima volatilità delle e-valute
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile