Keystone
SVIZZERA
11.06.20 - 13:580

«La disoccupazione dopo il Covid-19 crescerà e ci accompagnerà per anni»

Parola dell'esperto di Swiss Re Jérôme Haegeli: «Questo sarà un secolo asiatico»

ZURIGO - Malgrado sembri passato il peggio sul fronte del coronavirus i lavoratori non possono ancora tirare un sospiro di sollievo: la disoccupazione strutturale in Europa e negli Stati Uniti è destinata ad aumentare, afferma Jérôme Haegeli, capo economista presso bei Swiss Re, che vede anche all'orizzonte una diminuzione della globalizzazione a fronte di un'ulteriore crescita della potenza asiatica.

«La disoccupazione naturale sarà più alta dopo la crisi rispetto a prima, perché nella nuova realtà sarà difficile eguagliare lo sfruttamento delle capacità economiche che era stato raggiunto in precedenza», afferma Haegeli in un'intervista pubblicata dal portale Cash.

Se si guarda al ciclo economico il peggio dovrebbe essere superato, ma a livello strutturale i problemi sono ancora grandi. «Dovremo lottare con queste difficoltà ancora per diversi anni», sottolinea l'esperto.

«I prestiti concessi alle imprese in difficoltà devono essere rimborsati: e questo in tempi di crisi economica. Perché questa è la peggiore recessione che abbiamo vissuto dai tempi della Grande Depressione degli anni Trenta».

Come spiegare allora il buon andamento delle borse? «Una cattiva situazione economica non è negativa per i mercati finanziari, fintanto che le banche centrali intervengono su una scala senza precedenti», risponde lo specialista che ha lavorato anche per Julius Bär, il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca nazionale svizzera (BNS).

Il fenomeno dell'interventismo degli istituti centrali non è una novità, lo si è visto dalla crisi finanziaria globale: «Nuovo è il fatto che ora i banchieri centrali non solo danno il ritmo, ma suonano anche la musica: questo spiega perché i mercati sono al livello attuale».

Secondo Haegeli le banche centrali si sono messe in una situazione definita "impossibile". «Sono praticamente costrette a far parte dell'orchestra, perché la politica non è riuscita a promuovere le riforme strutturali volte ad aumentare la crescita». È stato mancato il momento giusto per uscire dalla politica monetaria ultra-espansiva.

Il mondo sta però cambiando sotto diversi aspetti. «Credo che abbiamo superato l'apice della globalizzazione», si dice convinto il dirigente di Swiss Re: «Il Covid-19 accentua le tendenze macroeconomiche già evidenti in precedenza. Il populismo, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, l'aumento delle disuguaglianze economiche e la crisi del coronavirus stanno portando a un ripensamento. Anche le aziende internazionali rivaluteranno le loro catene di approvvigionamento».

Il centro del pianeta si sta inoltre spostando in Asia: «Stiamo vivendo un grande momento storico», sottolinea l'esperto «Il 21esimo sarà un secolo asiatico. Il fatto che l'Asia stia affrontando la crisi meglio dell'Europa e degli Stati Uniti accentua la tendenza».

La Cina si appresta a vivere uno sviluppo importante e questo vale anche per il comparto assicurativo, in cui opera Swiss Re: «Prevediamo che il mercato cinese sarà il più grande del mondo entro la metà del 2030». Ma c'è di più: chi decide, in Asia e in Cina, ha una visione a lungo termine e sta cercando di migliorare la resilienza economica della propria economia, sostiene Haegeli. «L'Asia è molto ben posizionata per il 21esimo secolo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
6 min
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
2 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
3 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
5 ore
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
8 ore
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
10 ore
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
20 ore
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
21 ore
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
1 gior
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile