Keystone (archivio)
SVIZZERA
05.06.20 - 20:270

Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti

Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.

BERNA - La decisione di permettere a PostFinance di concedere crediti e ipoteche sta suscitando reazioni contrastanti. Il mondo bancario ha accolto la decisione in modo differenziato, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri è decisamente contraria.

In una prima reazione a caldo, l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) dice di voler «esaminare la revisione di legge in dettaglio con i suoi membri e commentarlo nella procedura di consultazione».

Più positiva la reazione del Gruppo Raiffeisen: il terzo gruppo bancario elvetico ritiene che i clienti del mercato creditizio e ipotecario potranno beneficiare della «forte concorrenza di numerosi fornitori e di una più ampia gamma di prodotti».

L'Unione delle Banche Cantonali Svizzere ha una posizione più netta e «respinge la proposta del Consiglio federale». Nel settore del credito e delle ipoteche prevale un mercato ben funzionante con un'intensa concorrenza tra numerosi fornitori locali, nazionali e internazionali. Un nuovo concorrente rischia di indebolire le banche regionali e la stabilità della piazza finanziarie.

Un forte rifiuto arriva anche dall'Unione svizzera arti e mestieri (USAM), che in una nota parla di una «decisione sbagliata. Trasformare Postfinance in banca è un'enorme ipoteca a spese del contribuente».

Contrari anche i sindacati: l'Unione sindacale svizzera (USS) accoglie con favore la fine del divieto di concedere prestiti e ipoteche per Postfinance. L'USS esprime tuttavia dubbi sulla possibilità che un nuovo concorrente che arriva in ritardo su un mercato altamente competitivo possa generare margini di profitto.

Per Syndicom, è «incomprensibile» collegare l'accesso al mercato ipotecario e creditizio con una parziale privatizzazione della Posta. La parziale privatizzazione «indebolisce il servizio pubblico ed è contraria all'obiettivo dell'apertura annunciata», scrive in una nota il sindacato dei media e della comunicazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gigipippa 1 anno fa su tio
Già malgrado una posizione di privilegio non riescono più a far bene il loro lavoro, cosi potranno colmare le future perdite prestando alla gente, denaro a spese della gente che è capace di risparmiare. Io ho già chiuso il mio conto presso la posta
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Già oggi postfinance vende ipoteche, solo che usa i soldi di una banca partner (non ricordo quale). Non penso che l’entrata sul mercato cambierà qualcosa a livello di concorrenza. I tassi sono comunque bassissimi, solo che ne possono approfittare solo persone che sono già benestanti. Ottenere un’ipoteca non è evidente, per potersi permettere un debito di 500k bisogna guadagnare almeno 110-115’000 chf lordi e non avere altri debiti. In Ticino il salario mediano è di circa 5’000 chf al mese e oggi con 600’000 chf ti puoi comprare al massimo un appestamento da 3.5 locali.
francox 1 anno fa su tio
Piacerà di sicuro ad azionisti e manager. Swisscom insegna.
Arrosto72 1 anno fa su tio
Sbagliatissimo, andiamo nella direzione opposta a ciò che serve alla gente. Privatizzare = perseguire il guadagno a tutti i costi (sociali inclusi). Un servizio pubblico non può essere privatizzato e che la posta faccia quello che deve fare, invece di giocare a fare la banca.
Thor61 1 anno fa su tio
@Arrosto72 La posta gioca a fare la banca perchè usa il denaro pubblico per finanziarsi e che anche in caso di perdite queste verranno toppate sempre con denaro PUBBLICO, tutte le ex regie federali. posta compresa di privato non hanno NULLA.
tip75 1 anno fa su tio
si sono dimenticati come e’ successo che falli l islanda e tutto ciò che ne è seguito. privatizzare privatizzare e’ vergognoso, l uomo ha la memoria corta gli si appanna con i soldi...un po’ come tenere le distanze a causa della pandemia, passato un mese già dimenticato quanto successo
francox 1 anno fa su tio
@tip75 Non penso si siano dimenticati dell'Islanda, piuttosto si ricordano che a pagare è stata la gente mentre i capi aziende e gli azionisti si sono fatti le pa..le d'oro. Esattamente come Swissair.
Corri 1 anno fa su tio
Almeno rimane un concorrente Svizzero. Concretamente le banche hanno paura del colosso giallo, perché magari con tutti i suoi clienti forse si abbasseranno i prezzi sul mercato.
Thor61 1 anno fa su tio
@Corri NO, il motivo vero è che loro sanno che la posta usa il denaro pubblico per finanziarsi e che anche in caso di perdite queste verranno toppate sempre con denaro PUBBLICO, questi della posta di privato non hanno nemmeno le unghie.
Heinz 1 anno fa su tio
@Corri Concorrenza tra banche in Svizzera a favore del cliente??? Mai vista!
francox 1 anno fa su tio
Nella mia ignoranza non lo trovo giusto. Domani secco il mio conticino.
sedelin 1 anno fa su tio
@francox me too
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
CANTONE
1 ora
Vestirsi a tema “Squid Game” per Halloween rischia di essere molto complicato
Perché la produzione dei costumi è iniziata tardi, la negoziante luganese: «Ce li chiedono, ma sarà per Carnevale»
STATI UNITI
16 ore
Scavalcati i 66mila dollari: nuovo massimo storico per i Bitcoin
L'esordio dell'ETF sulla criptovaluta a Wall Street ha fatto segnare un nuovo record
REGNO UNITO
18 ore
Burberry "scippa" il Ceo a Versace
Si tratta di Jonathan Akeroyd, che riceverà un ricco regalo di benvenuto: sei milioni di sterline
Regno Unito
21 ore
Come distruggere Big Tobacco, il Regno Unito ci sta pensando
Un nuovo emendamento chiede di scrivere su ogni sigaretta "Fumare uccide" e di alzare l'età legale da 18 a 21 anni
SVIZZERA
23 ore
Roche, trimestre a nove zeri per i test Covid
Il giro d'affari del colosso farmaceutico ha raggiunto, nei primi nove mesi del 2021, i 13.3 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 gior
Facebook starebbe pensando di cambiare nome
L'azienda (non il social) potrebbe cambiare marchio, forse anche tentando di lasciarsi alle spalle critiche e problemi
ITALIA / SVIZZERA
1 gior
Garage Italia ceduta in Lussemburgo, ecco perché Lapo Elkann si è dimesso
Emergono nuovi dettagli sulla decisione dell'imprenditore di lasciare: una cessione ai lussemburghesi
GERMANIA
1 gior
L'aeroporto di Francoforte-Hahn è in insolvenza
È da anni che il numero di passeggeri era in calo, ancor prima della crisi legata al coronavirus
REGNO UNITO
1 gior
Commercio internazionale, Londra non respingerà Pechino
L'apertura del premier Boris Johnson alla Cina in occasione del "Global Investment Summit". Ma «non saremo ingenui»
SVIZZERA/ITALIA
1 gior
Lapo Elkann ha dato le dimissioni dall'ormai "svizzera" Garage Italia
Non sarà più il Presidente del Cda di Garage Italia Customs, di proprietà della basilese Youngtimers
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile