Keystone
Il rifugio di Solalex, come molti altri, attende l'arrivo dei turisti.
SVIZZERA
03.06.20 - 08:090
Aggiornamento : 09:00

Soffre anche la Svizzera: PIL elvetico in forte calo

Dal lato del settore alberghiero e della ristorazione si registra un terribile -23,4%

BERNA - La pandemia di coronavirus e le restrizioni imposte per limitarla hanno pesato fortemente sull'economia svizzera nel primo trimestre: il prodotto interno lordo (Pil) si è ridotto del 2,6%, a fronte di una crescita dello 0,3% nei tre mesi precedenti.

Un calo massiccio si osserva nel commercio (-4,4%) e nel settore alberghiero e della ristorazione (-23,4%), che ha dovuto fare i conti, già da inizio marzo, con la diminuzione degli ospiti dall'estero, informa la Segreteria di stato dell'economia (Seco) in un comunicato odierno.

Il ramo trasporti e comunicazioni (-5,1%) ha fatto registrare la maggiore perdita degli ultimi 30 anni, a causa della soppressione di gran parte dei voli e dei collegamenti ferroviari.

Un impulso negativo di dimensioni storiche è arrivato inoltre dal settore sanitario (-3,9%), dato che molti trattamenti sono stati temporaneamente sospesi. Hanno invece sorretto il PIL l'amministrazione pubblica (+0,8 %) e il settore finanziario (+2,3%). Complessivamente sono però diminuite sia le esportazioni (-4,4%) sia le importazioni (-1,2%) di servizi.

Le misure di contenimento e la grande insicurezza hanno portato alla massiccia diminuzione dei consumi privati (-3,5%): la chiusura dei negozi a partire dal 17 marzo ha determinato un forte calo nell'acquisto di mobili e abbigliamento, ma pure le spese per la mobilità, il tempo libero e la salute sono nettamente diminuite.

Anche gli investimenti nelle costruzioni si sono sviluppati al ribasso (-0,4%), così come quelli nei beni di equipaggiamento (-4,0%). Il consumo dello Stato (+0,7%) è stata l'unica componente della domanda interna a sostenere la congiuntura. In conclusione, la domanda finale interna (-2,7%) ha subito la contrazione più marcata degli ultimi decenni.

L'industria manifatturiera (-1,3%) ha fatto registrare il maggiore calo dopo quello dovuto la rimozione del tasso di cambio minimo tra franco ed euro a inizio 2015. A causa del cedimento congiunturale a livello mondiale vi è stata una sensibile diminuzione delle esportazioni in molti settori industriali.

Si è in compenso sviluppata positivamente la voce dell'export - molto importante - dei prodotti chimico-farmaceutici che, insieme a quella del commercio di transito, ha portato all'aumento del totale delle esportazioni di merci, oggetti di valore esclusi (+3,4%). Le importazioni di merci (-1,1%) sono invece diminuite, dato il calo della domanda interna.

La Seco ha anche rivisto i dati sul Pil del 2019: la crescita reale è stata dell'1,0% invece del +0,9% indicato in precedenza. Al netto delle manifestazioni sportive risulta un +1,4%.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
streciadalbüter 1 anno fa su tio
E chissenenfrega del Pil.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
16 ore
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
1 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
1 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
1 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
1 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
2 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
2 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
2 gior
Che sprint per il settore della costruzione
Il fatturato del terzo trimestre è il più elevato degli ultimi tre decenni, ma la SSIC mette in guardia
GIAPPONE
2 gior
Giappone, budget miliardario per i semiconduttori
Le anticipazioni di Nikkei parlano di uno stanziamento pari a 4,87 miliardi di franchi per rilanciare i settori chiave
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 gior
Ecco cosa ci aspetta per il Black Friday
A causa dei problemi di fornitura, i rivenditori hanno dovuto adattare le offerte
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile