Keystone
SVIZZERA
27.04.20 - 12:470

Commercio al dettaglio tra i settori maggiormente colpiti

Le vendite online dovrebbero invece aumentare del 30%, con un progresso di circa 3 miliardi di franchi rispetto al 2019

BERNA - Il commercio al dettaglio elvetico rientra nel novero dei settori maggiormente colpiti dalla crisi del coronavirus. Ma, stando a uno studio del Credit Suisse, le conseguenze sono diverse a seconda dei comparti: quello delle vendite di derrate alimentari dovrebbe attestarsi in linea con i livelli dello scorso anno, mentre la chiusura temporanea dei negozi comporta per il segmento non-food una perdita di fatturato di circa il 20%.

Il lockdown darà inoltre un vero e proprio impulso al commercio online, che quest'anno dovrebbe registrare un aumento delle vendite di circa il 30%, indicano gli esperti del Credit Suisse in una nota odierna.

L'allentamento delle misure prese per far fronte alla propagazione del coronavirus in vigore da oggi consente a negozi di fiori e centri "fai da te" e giardinaggio di riaprire i battenti per i consumatori. Ma questo barlume di speranza non significa ancora una ripresa del settore, precisa lo studio. Si dovrà attendere l'11 maggio per vedere la riapertura di ulteriori comparti del commercio al dettaglio. Per il segmento che non vende generi alimentari, la contrazione del fatturato annuo complessivo dovrebbe essere di almeno il 15%.

Gli effetti secondari, come il peggioramento del clima di fiducia dei consumatori, l'andamento meno dinamico dei salari nominali e il rallentamento dei flussi migratori depongono inoltre a favore di un andamento ancora più negativo dei fatturati e per un'evoluzione ancora più negativa dei ricavi del -20% (previsione all'inizio del 2020: -0,2%) per questo comparto, si legge nella nota.

33 mila negozi costretti a chiudere

Uno sguardo alle statistiche delle strutture aziendali dell'Ufficio federale di statistica indica che in Svizzera quasi 33 000 negozi al dettaglio sono stati costretti a chiudere temporaneamente i battenti. Dal lockdown sono stati quindi direttamente interessati circa 173 000 lavoratori, pari a oltre la metà (56%) delle persone impiegate nel settore del commercio al dettaglio.

Nonostante il ricorso diffuso al lavoro ridotto, già a fine marzo è stato peraltro registrato un incremento di quasi il 15% del numero di disoccupati nel commercio al dettaglio rispetto soltanto a febbraio, pari a un aumento in cifre assolute di 1162 persone. Gli economisti di Credit Suisse prevedono che questo dato sia destinato a crescere ulteriormente.

Commercio online col vento in poppa

Secondo lo studio, a seguito del lockdown il commercio online ha beneficiato di una notevole spinta. La quota delle vendite in Internet rispetto al fatturato complessivo è inoltre destinata a crescere ancora. Le vendite online dovrebbero aumentare di circa il 30%, con un progresso di circa 3 miliardi di franchi rispetto al 2019 - ipotizzando che nei mesi di marzo, aprile e maggio le vendite online si collochino su livelli analoghi a quelli pre-natalizi.

Le proiezioni degli esperti indicano che a fine 2020 la componente di vendite online sarà pari a quasi il 15%. Se si ritiene inoltre che la quota online non solo è aumentata dopo le misure di confinamento, ma mostrerà anche un livello più alto in futuro, la quota dovrebbe essere addirittura superiore al 15%.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
GERMANIA
11 ore
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
13 ore
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
1 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
1 gior
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
1 gior
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
ITALIA
1 gior
Alitalia: ieri sera l'ultimo volo
La storia della compagnia aerea si è conclusa giovedì sera nella capitale, con l'arrivo dell'ultimo aereo alle 23.22
FOTO
INDONESIA
1 gior
L'isola di Bali si apre ai turisti, ma per ora non ce n'è neanche uno
L'isola era rimasta in lockdown da aprile, nei prossimi giorni non sono ancora previsti voli internazionali
CINA
2 gior
Microsoft ha chiuso LinkedIn in Cina
Quello che resterà sarà una bacheca digitale, senza funzioni social. La decisione arriva dopo pressioni governative
SPAGNA
2 gior
Bolletta della luce: un aumento del 44% in un anno
Il Governo spagnolo sta intanto valutando le possibili misure per limitare l’impatto del rincaro dell'energia
SVIZZERA
2 gior
Gli orologi svizzeri, guidati dalla Cina e dai giovani
I brand stanno valutando le loro strategie sulla base della sensibilità ambientale delle nuove generazioni...
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile