Archivio Keystone
Jean-François Rime, Presidente dell'Usam.
SVIZZERA
15.04.20 - 15:380

«È necessario riaprire in modo graduale e intelligente, tutelando i gruppi a rischio»

Lo sostiene l'Unione Svizzera delle arti e mestieri (Usam), che vuole ridurre i possibili danni sia umani che economici

BERNA - Una «ripartenza intelligente» a partire dal prossimo 27 aprile per permettere alla maggioranza della popolazione di riprendere progressivamente le attività, in funzione della situazione epidemiologica.

È quanto chiedono diverse associazioni professionali coordinate dall'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), secondo cui misure restrittive e divieti devono essere gradualmente allentati.

«La Svizzera deve trovare un equilibrio tra gli obiettivi legittimi della politica sanitaria e gli interessi altrettanto legittimi della popolazione e dell'economia», indica in una nota odierna l'Usam, aggiungendo che questo "smart restart" rappresenta un mezzo per ridurre i danni economici e umani derivanti da questa situazione straordinaria.

Oltre il 26 aprile, ovvero la data limite fissata dal Consiglio federale per le attuali misure volte a contrastare l'epidemia di coronavirus, l'organizzazione raccomanda «una logica di protezione mirata» per le persone più a rischio, che permetta però alla maggioranza della popolazione di ritornare gradualmente al lavoro.

I gruppi considerati a rischio, secondo l'Usam, sono tenuti al rispetto delle misure di protezione definite dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Inoltre, le persone che presentano sintomi o sono risultate positive al test del coronavirus sono chiamate a rimanere in quarantena e in isolamento.

Approccio "bottom up" - Per i gruppi non a rischio per i quali si chiede un graduale ritorno alla normalità, l'Usam propone un sistema di monitoraggio basato su delle applicazioni, che permettano di controllare questa "logica di protezione mirata" su base volontaria e di responsabilità personale.

Inoltre, i settori professionali che richiedono un maggiore contatto con la clientela devono poter definire autonomamente le misure appropriate, secondo un approccio "Bottom up", ovvero dal basso verso l'alto, spiega l'Usam. Queste misure dovrebbero consentire di riprendere le attività, assicurando nel contempo la protezione della salute di clienti e dipendenti.

Misure supplementari - Per favorire un lento ritorno alla normalità tramite la riapertura di negozi, commerci e altre attività professionali, l'Usam propone di applicare per determinati settori alcune misure già adottate attualmente tra i grandi distributori - come Migros e Coop - e nelle farmacie. Ad esempio, per il commercio al dettaglio e per i rivenditori di articoli sportivi e di calzature si potrebbero controllare gli accessi e fare in modo che i clienti passino a ritirare gli articoli precedentemente comandati on line.

L'Usam cita inoltre esempi riguardo a meccanici, parrucchieri e palestre di fitness per permettere uno "smart restart" a più livelli garantendo misure di igiene e di distanziamento sociale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
È ORA DI RIAPRIRE TUTTO, ADESSO.
tazmaniac 1 anno fa su tio
morti in Ticino rispetto allo stesso mese (marzo) degli ultimi anni, +40%.... direi che parecchi blogger faranno bene a piantarla di minimizzare, per evitare, ogni volta, di fare figure da poverini.
MIM 1 anno fa su tio
Per proteggere lo 0.2% della popolazione, rinchiudiamo il 95% della gente?
miba 1 anno fa su tio
@MIM ...e tu pensi che tanta gente si renda conto di ciò? Io ne dubito fortemente... La maggior parte ripete semplicemente a tam tam quello che sente dai social e dai canali Mediaset....
F/A-18 1 anno fa su tio
@MIM 100x100 ragione ti do! E vorrei aggiungere che forse dietro a questa frange corsa per salvare i nostri malati forse c’è un secondo fine. Ad esempio in America dove chi non ha la grana non vale nulla, i morti li raccolgono per strada e li accatastano col trax in fosse comuni, neanche fossero palette FFS.
sedelin 1 anno fa su tio
@MIM é il "ragionamento" di chi non cogita.
tazmaniac 1 anno fa su tio
@MIM da dove prendi la statistica dello 0.2%?
Hubelius 1 anno fa su tio
@F/A-18 sicuramente, ci sono più secondi fini. O vogliamo credere che a qualche losco istituto internazionale come l' OMS interessi sei ci ammaliamo o no?
F/A-18 1 anno fa su tio
@Hubelius Infatti vedremo poi la fattura finale sotto forma di aumento del premio della cassa malati che pagheremo in futuro!
Don Quijote 1 anno fa su tio
Certo, adesso fermiamo il mondo per evitare anche i morti sulle strade e sul lavoro. Hai paura? Resta a casa, non lavorare e non parlare con nessuno, però se almeno noi normali andiamo a lavorare lo stato può regalarti il cibo, le cure e in estremo anche il funerale.
Lore62 1 anno fa su tio
@Don Quijote Haha... Giusto!! ;-)
Dioneus 1 anno fa su tio
Ma che apri e apri
senzapretese53 1 anno fa su tio
in più a posteriori siamo tutti intelligenti.
Doda 1 anno fa su tio
Fate più tamponi invece di pensare ad aprire tutto senza accertamenti veri sulla popolazioni..i dati non sono esatti senza tamponi a tutti ma solo ai semi morti se non ai morti!
miba 1 anno fa su tio
@Doda Purtroppo uno stato non può finanziare in maniera illimitata in denaro e nel tempo l'intera economia... Finora la Svizzera è sempre riuscita malgrado tutto a stare in piedi con le proprie gambe e nel limite del possibile vorrebbe evitare che i costi elevatissimi sostenuti a causa del covid19 poi si ripercuotano in maniera inesorabile nel tempo. Preferisco la strada dell'USAM a quella di altri stati europei che prolungano e prolungano un confinamento (che chiamano lockdown), facendo debiti miliardari per poi trovarsi in una spirale dalla quale non riescono nemmeno più ad uscire e penso che la Grecia e l'Argentina siano stati recentemente degli ottimi esempi a questo proposito
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
34 min
Licenzia 900 dipendenti su Zoom, poi si scusa
«Ho fallito nel mostrare rispetto e apprezzamento per gli individui coinvolti», ha detto Vishal Garg
SVIZZERA
5 ore
Con il Covid non si viaggia più come prima
Sono mutate le destinazioni e anche il mezzo di trasporto preferito è cambiato
SVIZZERA
7 ore
Swisscom, il TF "congela" l'ampliamento della fibra ottica
I giudici vodesi hanno respinto la richiesta di sospensiva presentata dal colosso elvetico delle telecomunicazioni
SVIZZERA
9 ore
Aldi testa la consegna a domicilio
Per ora il servizio è disponibile solamente a Zurigo, ma è previsto l'ampliamento della copertura
Stati Uniti
11 ore
Salute mentale, Instagram introduce la funzione Take a Break
Un'analisi ha tuttavia dimostrato che la misura non è sufficiente
STATI UNITI
1 gior
La nuova compagnia social di Trump è già sotto indagine
Il Trump Media and Technology Group nell'occhio dell'ente che sorveglia la finanza. Il motivo? Pochissima chiarezza
ITALIA
1 gior
La grappa italiana va alla grande (anche all'estero)
È in particolare notevole l'aumento del commercio online, attività quasi triplicata
EMIRATI ARABI UNITI
1 gior
Il weekend sarà sabato e domenica anche negli Emirati
Il Governo ha annunciato l'introduzione di una nuova settimana lavorativa, di 4,5 giorni
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Disoccupazione stabile in Svizzera, lievemente su in Ticino
Secondo l'ultimo rapporto della Seco continuano a calare i disoccupati, dopo il boom del 2020
Stati Uniti
1 gior
È in vendita la primissima voce di Wikipedia sotto forma di NFT
Con lei, il fondatore dell'enciclopedia online hanno messo all'asta l'Imac strawberry con cui lavorava all'epoca
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile