Keystone
SVIZZERA
27.03.20 - 14:410

Per quanto riguardo la produzione la Svizzera dipende troppo dalla Cina: «Meglio fare qui da noi»

E la crisi coronavirus ha messo in risalto questa grande debolezza, secondo gli esperti sarebbe meglio un "rimpatrio"

ZURIGO - La pandemia di coronavirus e gli effetti paralizzanti sulle attività produttive hanno messo in risalto la forte dipendenza per alcune aziende elvetiche dalla Cina. Dopo anni di delocalizzazioni in questo Paese, diversi esperti si chiedono se non sia più conveniente rimpatriare parte delle attività in Europa.

A prescindere dal campo o dal settore economico, beni e servizi prodotti in Svizzera sono generalmente meno cari rispetto alla Cina in una prospettiva a lungo termine, secondo Suzanne de Treville della Facoltà di economia dell'università di Losanna.

Per la specialista, a partire dal momento in cui la produzione ritorna ad essere un operazione di servizio, la Svizzera è particolarmente attrattiva. Un esempio? Le imprese orientate verso i prodotti ingegneristici.

Dall'inizio della crisi epidemica, le imprese più reattive possono guadagnarci, in particolare le piccole e medie imprese che mantengono una produzione flessibile. Queste ultime partono avvantaggiate rispetto alle grandi società, perché i processi decisionali sono più veloci.

Suzanne de Treville cita quale esempio certe imprese tessili capaci di confezionare vestiti su misura il mattino per poi passare alla fabbricazione di articoli standard nel pomeriggio. Una simile flessibilità non è possibile quando viene fatto un ordinativo in Cina per il mercato svizzero, dove un ipotetico cliente deve acquistare merce in grandi quantità.

Secondo l'economista, le società farmaceutiche in particolare avrebbero più interesse a produrre i propri medicamenti in Svizzera, proprio perché le imprese elvetiche sono più flessibili a questo livello.

A detta della ricercatrice, a breve termine è senz'altro meno costoso produrre in Cina, ma sul lungo termina la Svizzera risulta vantaggiosa. La specialista fa notare inoltre un altro fenomeno interessante: negli ultimi cinque anni le imprese che delocalizzano non scelgono più la Cina, bensì optano per Paesi come la Polonia o l'Ungheria.

Per Gero Jung, economista per la banca Mirabaud Asset Management, il problema di far rimpatriare parte della produzione in Svizzera si porrà con maggiore urgenza in futuro.

Ma al momento si pensa a gestire le situazioni di crisi. La Svizzera dipende dalla congiuntura globale in qualità di economia aperta e, nel breve periodo, bisognerà concentrarsi su come superare l'indebolimento previsto dell'economia mondiale. Una preoccupazione condivisa da economiesuisse e da altri esperti, secondo cui a soffrire di questa situazione sarà in particolare l'industria

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
UNIONE EUROPEA
7 ore
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
REGNO UNITO
9 ore
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
12 ore
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
14 ore
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
17 ore
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
TICINO / SVIZZERA
20 ore
I lingotti ticinesi di PAMP si fondono... con MKS
La nuova azienda impiegherà circa 270 persone in tutta la Svizzera, di cui 200 in Ticino
Francia
1 gior
Wish è stato bannato dai motori di ricerca
La decisione arriva in seguito al rilevamento di un numero ingente di prodotti non conformi alla legge e pericolosi
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey non è più a capo di Twitter
Il creatore del celebre social abbandona la poltrona di Ceo sostituito dal CTO Parag Agrawal
SVIZZERA
1 gior
Black Friday, quest'anno meno acquisti rispetto al 2020
Le difficoltà di approvvigionamento possono aver pesato sul più grande evento promozionale dell'anno
SVIZZERA
1 gior
Domanda alta, offerta bassa: schizzano i prezzi di beni e servizi
I prezzi sono cresciuti, e pesano in particolare i combustibili: la benzina fa registrare un +26,3% su base annua
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile