Depositphotos (dolnikov)
Il mercato immobiliare non dovrebbe andare in crisi a causa del coronavirus.
SVIZZERA
24.03.20 - 12:520

Mercato immobiliare: il coronavirus non lo farà crollare, ma lascerà qualche segno

Non è attesa una perdita importante di rate ipotecarie, secondo il Credit Suisse

ZURIGO - Il mercato immobiliare svizzero non dovrebbe crollare a causa del coronavirus, ma non ne uscirà nemmeno indenne.

I timori di una crisi immobiliare imminente non sono giustificati, afferma il Credit Suisse nel suo ultimo rapporto "Monitor Svizzera" pubblicato oggi. Soprattutto il segmento residenziale rappresenta infatti una stabile ancora.

Grazie agli aiuti d'emergenza decisi dal Consiglio federale le perdite di guadagno delle economie domestiche svizzere dovrebbero essere notevolmente ridotte, scrivono gli economisti della grande banca. Non bisogna quindi attendersi un'importante perdita di rate ipotecarie e pertanto nemmeno un moltiplicarsi di vendite forzate.

Niente calo dei prezzi - Per chi sogna la proprietà immobiliare gli esperti avvertono che non dovrebbe verificarsi un calo dei prezzi a causa della crisi del coronavirus. Ciò perché i bassi tassi d'interesse sostengono i prezzi delle abitazioni e al contempo l'attività edilizia diminuisce, riducendo l'offerta.

La crisi avrà comunque degli effetti sul mercato immobiliare: a soffrire maggiormente dovrebbero essere i promotori di abitazioni di proprietà nuove, ritengono gli esperti del Credit Suisse. Difatti, se la situazione dovesse perdurare oltre il previsto, la vendita di nuove unità abitative rallenterà notevolmente e condurrà a problemi di liquidità per i promotori.

La ripresa? Potrebbe essere rapida - Una volta che l'epidemia decrescerà il mercato delle abitazioni di proprietà dovrebbe però riprendersi abbastanza in fretta, a eccezione del segmento del lusso, considerando che la forte correzione sui mercati dei capitali non dovrebbe essere compensata tanto rapidamente.

In cambio i prezzi degli appartamenti offerti in locazione dovrebbero scendere quest'anno dell'1,5-2%, in quanto l'incertezza economica pesa sulla domanda e l'immigrazione diminuisce con le frontiere chiuse. Ciò accresce anche il numero delle abitazioni sfitte.

Saranno invece maggiori i contraccolpi per gli spazi commerciali: soprattutto nel commercio al dettaglio stazionario e nel ramo alberghiero gli economisti della grande banca si attendono una serie di insolvenze, chiusure e rimpicciolimenti. Entrambi i settori sono già indeboliti da cambiamenti strutturali.

Recessione inevitabile - Nel "Monitor Svizzera" gli economisti del Credit Suisse reiterano le nuove stime congiunturali pubblicate mercoledì scorso: per il 2020 si attendono una variazione annua del prodotto interno lordo (PIL) del -0,5%, contro il +1,0% ipotizzato a inizio mese. Ciò partendo dal presupposto che la situazione straordinaria duri solo fino a metà maggio e poi migliori progressivamente. In tal caso la crescita accelererebbe fortemente verso la fine dell'anno. Per il 2021 è atteso un +2,0%. Ma se l'epidemia dovesse persistere le conseguenze sarebbero più gravi, ribadiscono gli esperti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 1 anno fa su tio
Visto che le banche non danno interessi, chi ha grana costruisce palazzi che restano vuoti. Siamo pieni di stabili vuoti. Chissenefrega di un mercato che non ci appartiene. Salviamoci la pelle. Almeno proviamoci.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI / CINA
1 ora
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
3 ore
Roche, tre nuovi test per individuare la variante Omicron
I prodotti sono stati sviluppati dalla sua controllata TIB Molbiol
SVIZZERA
20 ore
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
22 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
23 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
1 gior
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
1 gior
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
1 gior
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
1 gior
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
1 gior
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile