Archivio Keystone
SVIZZERA
13.03.20 - 11:180

Unia chiede 4 miliardi al Consiglio federale: servono misure per tutelare i lavoratori

Il sindacato sostiene la necessità di garantire i salari e proteggere dai licenziamenti

All'ente pubblico viene chiesto di seguire cinque approcci per affrontare l'attuale situazione d'emergenza

BERNA - Unia ha chiesto al Consiglio federale di stanziare almeno 4 miliardi di franchi per garantire i salari e proteggere dal licenziamento i lavoratori minacciati dal coronavirus.

Il maggiore sindacato svizzero ha inoltre annunciato che si aspetta determinate misure per gli ultra 50enni, programmi di stabilizzazione per i settori più toccati e provvedimenti per garantire la loro salute.

«La situazione straordinaria richiede misure straordinarie», ha affermato Unia in un comunicato. Sottolineando che sono particolarmente a rischio i lavoratori precari e i dipendenti scarsamente retribuiti del settore dei servizi: la crisi e la sua gestione non devono pesare sulle loro spalle. Per proteggerli le autorità sono invitate ad agire immediatamente adottando le misure giuste e fornendo i necessari finanziamenti. 

Secondo Unia, l'ente pubblico deve creare un fondo di almeno 4 miliardi di franchi per finanziare cinque approcci che devono essere seguiti:

  • Innanzitutto occorre garantire i salari: sì quindi al lavoro ridotto, ma anche a un intervento dello stato per garantire lo stesso livello degli stipendi.
  • Vanno evitati i licenziamenti, mettendo liquidità a disposizione delle aziende toccate dalla crisi.
  • Il governo deve adattare le prestazioni delle assicurazioni sociali alla situazione straordinaria. In particolare nell'assicurazione disoccupazione è necessario aumentare di 200 giorni il diritto alle prestazioni per gli ultra 50enni.
  • Serve un programma di stabilizzazione per settori particolarmente colpiti come il turismo, i servizi alla persone, la cultura o gli eventi. Al tempo stesso, la Banca nazionale deve perseguire una politica monetaria attiva per combattere la sopravvalutazione del franco. Nel medio termine sono inoltre necessari investimenti nel settore sanitario e per dare una svolta ecosostenibile all'economia.
  • I dipendenti devono avere voce in capitolo sulla tutela della salute. Le autorità devono invitare i datori di lavoro di tutti i settori e le imprese a coinvolgere il personale e i sindacati nella pianificazione di queste misure.
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Altri che ragliano chiedendo allo stato. Stessa cosa Quadranti che non trova di meglio , che in una situazione critica, si preoccupa delle riunioni online del gran consiglio o delle commissioni. Abbiamo fallito ( i politici li abbiamo ahimè eletti noi) in una situazione che richiedeva grande prudenza. Ora diamo fiducia ai sanitari e ai medici e che i politici stiano zitti. Seguiamo le raccomandazioni, per uscirne non troppo ammaccati
jena 1 anno fa su tio
non é che i disoccupati ticinesi stanno meglio...
Mag 1 anno fa su tio
UNIA sta facendo il suo lavoro sociale. Che lo facesse anche qualcun'altro rivendendo dalle fondamenta il sistema sanitario che, davanti a una epidemia di un virus non mortale (lo è solo per l'85% delle persone ad alto rischio di salute), se la sta facendo addosso tanto da chiedere al mondo intero di fermarsi; sarebbe come se il Comune chiedesse ai cittadini di non mangiare più perché c'è tropo umido da smaltire.
tazgana 1 anno fa su tio
Vediamo di uscirne va. Possibile che non si capisce che il problema è ben più grave, dai UNIA chiudi gli uffici e ascolta le autorità, poi quando ne usciremo vedremo cosa è rimasto
Clo 62 1 anno fa su tio
UNIA è il momento semplicemente di tacere, non è il momento dei facili proclami ma sempre con il fondoschiena altrui. Prima si spegne l’incendio poi si pensa a ricostruire
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
12 ore
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
15 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
15 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
17 ore
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
20 ore
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
22 ore
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
1 gior
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
1 gior
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
1 gior
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile