Immobili
Veicoli
Reuters
MONDO
24.01.22 - 18:000
Aggiornamento : 19:09

Criptovalute sotto pressione, bruciati 130 miliardi

A pesare, le incertezze macroeconomiche a livello mondiale

NEW YORK - Il mercato delle criptovalute ha bruciato 130 miliardi di dollari di valore nelle ultime 24 ore, con Bitcoin ed Ether in forte calo.

Il Bitcoin ha perso il 6,6% ed è scivolato sotto i 34'000 dollari, continuando il trend in calo degli ultimi giorni. Ether ha ceduto il 7,6% a 2'201 dollari, toccando i minimi da luglio.

Le criptovalute di recente hanno iniziato a muoversi in tandem con Wall Street, che vive una seduta in profondo rosso dopo aver archiviato la sua peggiore settimana dal 2020. A pesare sono le tensioni geopolitiche e la Fed falco che spinge gli investitori a riposizionare i loro portafogli in vista della battaglia contro l'inflazione. I sostenitori del Bitcoin sostengono da tempo che la criptovaluta protegge dal rischio di inflazione: una teoria che però di recente non trova riscontro soprattutto fra i nuovi investitori, che la considerano più come un asset tecnologico.

Sul trend al ribasso pesano anche i timori sulle nuove regole che potrebbero essere imposte sul mercato delle valute digitali. La scorsa settimana, ad esempio, la Russia ha vietato l'uso e il mining di valute digitali. L'amministrazione Biden si prepara invece a pubblicare l'iniziale strategia del governo per gli asset digitali e a incaricare le agenzie federali a valutarne i rischi e le opportunità.

Gli analisti prevedono che il Bitcoin continui la sua parabola di calo e guardano già alla soglia dei 30'000 dollari, ormai sempre più vicina e che con la prossima riunione della Fed potrebbe rivelarsi a portata di mano.

«Il bitcoin dovrà affrontare venti contrari per risalire, almeno fino a quando le condizioni macroeconomiche non cambieranno», ha confermato all'agenzia Reuters Mark Elenowitz, presidente di Horizon, una società dedita allo scambio di titoli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
3 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
4 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
18 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
20 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
21 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile