Immobili
Veicoli
Keystone
CINA
20.01.22 - 06:000

Cina, carbone e promesse di un calo delle emissioni non rispettate

A metà 2021 il governo di Xi Jinping ha messo in atto delle misure drastiche che hanno retto solo fino a ottobre

PECHINO - «Non si può raggiungere il picco delle emissioni di carbonio e raggiungere la neutralità dall'oggi al domani». Così il leader cinese Xi Jinping ha giustificato l'aumento dell'estrazione di carbone nel 2021, nonostante le promesse sull'abbattimento delle emissioni. Lo scorso anno è stato estratto il 4,7% di carbonfossile in più rispetto al 2020.

Il patto del governo cinese con sé stesso, era raggiungere la neutralità carbonica entro il 2060. Ed effettivamente degli sforzi sono stati fatti. Ma Pechino non aveva valutato la ripresa economica, perché se nella prima metà del 2021 aveva chiuso, con una misura drastica, un centinaio di miniere di carbone, a ottobre, a causa di blackout diffusi e carenza energetica generalizzata, ha chiesto ai siti in funzione di aumentare le estrazioni. Così, invece di andare verso una diminuzione, è stato estratto il 4,7% in più di carbonio rispetto all'anno precedente. Solo a dicembre la produzione è aumentata del 7%, con una massa di prodotto pari a 385 milioni di tonnellate.

Per giustificare i dati rilasciati all'inizio della settimana, il leader Xi Jinping, ripreso dalla Cnn, ha spiegato che non è possibile «raggiungere il picco delle emissioni di carbonio e raggiungere la neutralità dall'oggi al domani. Ciononostante, la Cina perseguirà una riduzione graduale e costante, anche attraverso misure solide, dell'energia tradizionale ricercando attivamente una sostituzione affidabile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
3 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
3 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
17 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
19 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
21 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile