Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (Seth Wenig)
STATI UNITI
18.01.22 - 14:300

Quelle antenne 5G fuori dagli aeroporti che preoccupano le compagnie Usa

Rischiano di interferire con radar e altimetri, rendendo l'atterrare col maltempo difficile: «Rischiamo lo stop totale»

NEW YORK - Una richiesta congiunta, da parte di 10 compagnie aeree americane è stata spedita al Dipartimento dei trasporti dell'Amministrazione Biden affinché si ritardi l'installazione di antenne 5G nei pressi di diversi dei maggiori aeroporti degli States.

La lettera, giunta in possesso e citata dalla CNN, riporta una diffusa preoccupazione riguardante i possibili effetti nefasti delle onde 5G sull'operatività dei voli stessi. A rischiare malfunzionamenti, riporta l'appello, addirittura i radar e gli altimetri a bordo degli stessi aerei. Strumenti «fondamentali in caso di atterraggi con il maltempo e scarsa visibilità».

«Non è escluso che le ripercussioni, sia nel settore cargo sia in quello passeggeri, siano tanto importanti da portare a uno stop a livello nazionale», scrivono le compagnie. In particolare United Airlines, attivissima con i suoi voli interni agli Usa, aveva parlato di «possibile impatto devastante».

Una prima fase delle installazioni delle antenne 5G, che era stata ritardata fino a gennaio, dovrebbe iniziare proprio a partire da questa settimana. 

Dal canto suo l'Amministrazione federale dell'aviazione americana (FAA) ha confermato di lavorare «in stretto contatto con l'industria dell'aviazione e le compagnie di telecomunicazioni per provare a limitare i disagi causati dalle tecnologie 5G».

Al momento la FAA ha confermato l'idoneità al volo di circa il 45% della flotta commerciale e che su 48 delle 88 piste d'atterraggio interessate si potrà atterrare anche in caso di scarsa visibilità. Malgrado ciò, non si esclude che «i voli in alcuni scali possano risultare difficoltosi», riporta il comunicato delle autorità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
RUSSIA
1 ora
Conto sequestrato, Google Russia verso la bancarotta
La filiale del colosso del web continuerà tuttavia a fornire gratuitamente i suoi servizi nel Paese
STATI UNITI
6 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
7 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
21 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
23 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
1 gior
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile