keystone-sda.ch (Joe Giddens)
MONDO
13.10.21 - 19:070
Aggiornamento : 14.10.21 - 17:08

«Il sistema comincia a mostrare problemi in tutti i suoi angoli»

La crisi globale dell'approvvigionamento per ora non ci riguarda ma c'è chi sostiene che presto potrebbe peggiorare

LONDRA - Mancano i “pezzi“ per fare le cose, manca l'energia per produrle e mancano i mezzi di trasporto per prenderle dai porti affollati e consegnarle nei negozi. Viviamo in un momento difficile a livello globale - e fortunatamente un po' meno a livello locale - per quanto riguarda la produzione, il trasporto e la distribuzione delle merci.

I motivi sono diversi, alcuni di carattere endemico e legati a come alcune materie prime vengono prodotte (soprattutto riguardo ai chip, che sono molto difficili da realizzare e vengono prodotti in una manciata di stabilimenti attorno al mondo) e trasportate (in questo senso i vincoli sono spesso moltissimi e vengono sopportati da una fascia di professionisti che lavorano duramente tutto l'anno). Altri sono però legati alla pandemia che ha frenato tutto ovunque - e continua a farlo - ostacolando tanto le fabbriche quanto navi e camion.

A questo freno è poi seguita la voglia di ripartire globale, istantanea e non graduale, dopo il primo lockdown. Una volta esauriti gli stock, ci si è finalmente resi conto che qualcosa non andava. Che tanto le auto quanto le console e i telefonini non si potevano assemblare perché, semplicemente, non era possibile. Con ulteriori freni alla produzione, frustrazioni e rischio licenziamento per decine di migliaia di lavoratori.

Una situazione difficile, dicevamo che al momento però non ci tange. Non ci manca la benzina, il gas non rincarerà e nei negozi gli scaffali non si stanno svuotando. Non è chiaro se, e per quanto, questa situazione potrà continuare e se la Svizzera, e l'Europa, potranno uscirne indenni recuperando il gap prima che questo possa farsi sentire.

Non ne sono convinti gli analisti di Moody's, secondo i quali la crisi globale dell'approvigionamento «dovrà peggiorare ancora prima di migliorare», scrive la Cnn, «il sistema globale inizia ora a mostrare tutta una serie di problemi in tutti i suoi angoli». Una versione che non convince, invece, la banca americana JP Morgan Chase che sostiene come tutto tornerà presto alla normalità.

Come spesso capita con queste cose solo il tempo potrà confermare ma alcuni indicatori possono farci capire dove gli effetti potrebbero farsi sentire un po' di più e dove meno. Uno di questi potrebbe essere il tasso di intasamento dei porti, dove milioni di container sono stoccati, in attesa di disbrigo.

Al primo posto - riporta Bloomberg nel suo report periodico - c'è quello di Los Angeles, Long Beach, con tempi di ritardo superiori ai 6 giorni. Si tratta della struttura più in difficoltà al mondo, e ha attirato anche l'interesse del presidente Joe Biden. Segue Shanghai (5 giorni) e Rotterdam (4 giorni), e quest'ultimo forse ci riguarda un po' più da vicino visto che molte merci che arrivano da noi vengono proprio da lì.

Non in classifica, ma comunque in grande difficoltà c'è il porto Felixstowe, non lontano da Londra, dove sono bloccate merci per 1.5 miliardi di sterline e che sono attese nei negozi per Natale. In questo caso, come negli altri, il vero anello debole si sono rivelati i camionisti: troppo pochi (anche perché molti hanno alzato bandiera bianca) per un fabbisogno che invece non è affatto calato, anzi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 1 mese fa su tio
Ecco che si palesa la famosa crisi di cui parlavamo un anno e mezzo fa. Ora vedremo chi voleva restrizioni quasi totali cosa dirà quando nei prossimi anni aumenterà il prezzo di tutto. Se non sbaglio oggi mancano carta, petrolio, elettricità ''verde'' (il vento germanico), metano, legno, ossigeno e componenti elettronici (quindi auto, elettrodomestici, telefoni, ...). Vedremo quale sarà la prossima carenza.
Elisa_S 1 mese fa su tio
@Mattiatr se servirà a ridisegnare al nostro modo di consumare ...e ad orientarci verso una vita più green...allora benvenga
cle72 1 mese fa su tio
Sappiamo chi bisogna ringraziare per questo...
francox 1 mese fa su tio
Mica dobbiamo ridimensionarci e rallentare? Et voilà.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
15 ore
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
18 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
19 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
20 ore
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
23 ore
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
1 gior
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
1 gior
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
1 gior
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
1 gior
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile