Immobili
Veicoli
Reuters
Scozia
13.10.21 - 16:410

L'energia pulita non scalza la Co2 e i governi non stanno facendo abbastanza per raggiungere le zero emissioni

L'International energy agency lancia un avviso prima della Cop26, «serve vera determinazione»

GLASGOW - I governi non stanno facendo abbastanza. È quanto si evince dalle nuove linee guida dell'International energy agency (Iea). Di questo passo, entro il 2050 non si raggiungerà l'obiettivo zero emissioni, al contrario scenderanno solo del 40%. Secondo l'agenzia è necessario che le politiche cambino e siano più determinanti.

C'è molta caparbietà nello status quo. Anche se negli ultimi anni, e soprattutto nel 2020, l'utilizzo delle rinnovabili si è affermato nel settore dell'energia, con una forte crescita del mercato dei veicoli elettrici, ad esempio, «il 2021 sta assistendo a un grande rimbalzo nell'uso di carbone e petrolio. In gran parte per questo motivo, sta anche assistendo al secondo maggior aumento annuo delle emissioni di Co2 della storia». E questo nonostante il fatto che la «recessione indotta dal Covid dello scorso anno mette a dura prova parti del sistema energetico odierno, innescando forti aumenti dei prezzi nei mercati del gas naturale, del carbone e dell'elettricità».

Ciò che sta succedendo, si spiega nel rapporto, è che «la spesa pubblica per l'energia sostenibile nei pacchetti di ripresa economica ha mobilitato solo circa un terzo degli investimenti necessari per spingere il sistema energetico su una nuova serie di binari». Questo vuol dire che i governi non stanno ancora spingendo abbastanza e in modo decisivo verso una transizione economia verso le energie pulite. E infatti, il gruppo dell'Iea, critica il fatto che i propositi previsti dagli stati in vista della Cop26 non sono sufficienti a raggiungere l'obiettivo zero emissioni, al contrario l’inquinamento non scenderebbe che del 40%.

L'agenzia ha quindi redatto delle linee guida per ridurre del 60% le emissioni entro il 2050. Secondo i loro calcoli, la spesa necessaria a colmare il divario del 20% sarebbe di 4 bilioni di dollari, un numero a dodici zeri, da investire nei prossimi dieci anni. Il 70% di questi andrebbero a confluire nei mercati emergenti e nei Paesi in via di sviluppo.

Fatih Birol, direttore amministrativo dell'Iea ha dichiarato al Guardian che gli piacerebbe «vedere i leader mondiale unirsi in un unico messaggio determinato a volere un futuro con energia pulita. Dovrebbero dire che se investi in vecchie risorse energetiche e sporche, stai perdendo i tuoi soldi. Mentre se investi nell'energia verde, farai grandi profitti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
KOSOVO
12 ore
Kosovo in tackle sul Bitcoin, svendita e fuga dei "minatori"
Lo stato balcanico ha annunciato un blocco delle criptovalute per alleviare la crisi energetica
REGNO UNITO
1 gior
Unilever offre 50 miliardi di sterline per GSK Consumer Healthcare
Se dovesse andare in porto si tratterebbe di una delle operazioni più grandi per la piazza di Londra
SVIZZERA
1 gior
Denner aumenta gli stipendi
Nuovo record di fatturato nel 2021. La catena premia i dipendenti
MONDO
2 gior
Là dove il Bitcoin non è il benvenuto
La controversa regina delle cripto è valuta "non grata" in alcune nazioni. Vediamo quali.
Dal Mondo
2 gior
Pagina del fumetto di Spider-Man venduta per 3'360'000 dollari
Venduta anche una copia del debutto di Superman nel numero 1 di "Action Comics"
SVIZZERA
2 gior
Dodici mesi da record per le saline svizzere
Le consegne complessive del 2021 toccano quota 630mila tonnellate
THAILANDIA
2 gior
Da aprile i turisti diretti in Thailandia dovranno pagare una tassa d'entrata
Il governo utilizzerà i soldi ricavati per mettere a nuovo le strutture e sviluppare nuove attrazioni turistiche
CINA
2 gior
Un materiale per le stampanti 3D che uccide virus e batteri
I suoi realizzatori assicurano che è in grado di debellarli nel giro di 20 minuti. Coronavirus compreso
GIAPPONE
3 gior
Toyota nuovamente in vetta, supera Volkswagen
L'azienda nipponica ha venduto nel corso del 2021 quasi dieci milioni di modelli
FRANCIA
3 gior
La guerra delle baguette, i panettieri contro E.Leclerc
La catena di supermercati ha abbattuto il prezzo del tradizionale pane francese, facendolo scendere da 90 a 29 centesimi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile