Immobili
Veicoli
Keystone
MONDO
28.09.21 - 00:030

C'è penuria anche di carta igienica e si teme un rincaro globale dei prezzi

La materia prima per la produzione è diventata più cara del 68% dallo scorso gennaio, la pandemia c'entra ma non solo

Dalla carta igienica passando per il cartone dei pacchi fino ai libri, i settori più colpiti dalla nuova crisi

PARIGI/NEW YORK - C'è penuria di tutto. I mercati del mondo stanno combattendo contro i ritardi, le catene di approvvigionamento spezzate e i lockdown qui e là. Ma se in fondo i chip e le scarpe non sono considerati beni di prima necessità, la carta lo è. Soprattutto quella utilizzata in bagno.

In Francia i distributori di carta igienica stanno incontrando non pochi problemi. E prevedono di dover alzare i prezzi del prodotto in modo considerevole. Un esempio è il gruppo svedese Essity che nell'esagono gestisce Lotus, Okay e Tena, e che si sta confrontando a un aumento del 30% nei costi di produzione della carta. Ma anche delle salviette igieniche, degli assorbenti, come dei dischetti di cotone.

Dallo scorso gennaio il prezzo della polpa cartaria, la materia prima di carta igienica o assorbente, per esempio, è salito del 68%. «Dobbiamo spendere di più per garantire uno stock sufficiente e per tenere al sicuro il nostro approvvigionamento», ha spiegato a Les Echos il vice presidente di Essity France Arnaud Lafleur. «L'impatto è talmente forte che la grande distribuzione deve accettare la situazione e fare lo sforzo di aiutarci, prendendo sotto di sé una parte degli aumenti».

La società ha 2'500 impiegati e otto stabilimenti in Francia. Ciò a cui non vuole arrivare è il licenziamento di una parte del personale. Si è quindi impegnata nella ricerca di una materia prima alternativa alla polpa cartaria, come anche al risparmio sugli imballaggi. Questo per fare in modo che i prezzi per i consumatori non si alzeranno.

Diversi problemi di approvvigionamento si sono verificati anche negli Stati Uniti, scrive Bloomberg, con carenza di cartone per scatole e imballaggi così come della carta solitamente utilizzata per i cataloghi. Un bel (doppio) problema, considerando l'inizio della stagione autunno-inverno che porta all'inesorabile corsa verso il Natale.

«Quando telefoni incessantemente e ti ripetono “non c'è più carta” allora inizi a preoccuparti», conferma al portale un'imprenditrice di San Francisco che gestisce un'azienda di abbigliamento che vende per corrispondenza, «in generale nel nostro settore il panico è abbastanza palpabile».

Fra i settori interessati c'è anche l'editoria che si trova in un momento di forte domanda, anche grazie al ritorno a scuola e la necessità di nuovi diari e libri di testo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
11 ore
Thomas Oetterli scende dall'ascensore e se ne va
Il CEO di Schindler ha annunciato le proprie dimissioni «con effetto immediato»
UNIONE EUROPEA
17 ore
Unione Europea, niente etichetta di “energia verde” per il nucleare
Lo hanno deciso gli esperti. Il motivo? È a emissioni zero, ma non impatto zero. Bocciato (con riserva) il gas naturale
STATI UNITI
19 ore
Rallenta la crescita degli abbonati, tonfo di Netflix a Wall Street
A pesare è anche l'agguerrita concorrenza e la riapertura dell'economia
SVIZZERA
20 ore
Galaxus aggiunge Decathlon al suo assortimento
Durante la pandemia è cresciuta la domanda di articoli sportivi, ha spiegato il rivenditore
STATI UNITI
1 gior
Instagram e la nuova offerta a pagamento
È in fase di test una funzionalità che permette agli utenti di abbonarsi a dei profili e accedere a contenuti esclusivi
FRANCIA / GERMANIA
1 gior
Il nucleare? «Non è un'energia né sostenibile né economica»
Il segretario di stato tedesco per l'ambiente Stefan Tidow ha espresso la propria contrarietà
MONDO
1 gior
Twitter, un bollino rosso contro le fake news Covid
Arriva l'etichetta "Fuorviante" per contraddistinguere i contenuti «indiscutibilmente falsi o ingannevoli»
STATI UNITI
1 gior
L'improvviso interesse di Google per le criptovalute
La compagnia ha annunciato di aver creato una nuova divisione blockchain, guidata dal vicepresidente Venkataraman
CINA
2 gior
Cina, carbone e promesse di un calo delle emissioni non rispettate
A metà 2021 il governo di Xi Jinping ha messo in atto delle misure drastiche che hanno retto solo fino a ottobre
MONDO
2 gior
WEF, sale il pressing per "carbon tax" e uno stop ai sussidi
Al meeting virtuale si alzano le voci per la svolta nelle politiche climatiche. Le parole di Bill Gates e John Kerry
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile