Keystone
CINA
24.09.21 - 14:250

La Cina ha reso «illegale» ogni transazione in moneta virtuale

Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto

PECHINO - La Cina torna a stringere le viti contro i Bitcoin e, più in generale, contro le criptovalute, e questa volta con una mossa drastica.

La Banca centrale cinese (People's Bank of China, Pboc) ha oggi infatti definito «illegali» tutte le transazioni e le attività «in valuta digitale» (ad esempio servizi di trading, emissioni di token), e promette «una ferma repressione». D'ora in poi è dunque praticamente vietato far circolare monete virtuale sul mercato cinese.

Lo ha riportato la rivista Bloomberg, sulla base di una nota rilasciata dallo stesso istituto bancario. Nel comunicato si può leggere come il Governo «reprimerà in modo risoluto la speculazione legata alle valute virtuali, le attività finanziarie correlate e il comportamento scorretto, al fine di salvaguardare le proprietà delle persone e mantenere l'ordine economico, finanziario e sociale».

Nel comunicato è poi stato spiegato che verrà anche rafforzato il controllo degli istituti di credito e delle società di pagamento, per impedire loro di facilitare il commercio di criptovalute.

La decisione ha messo sotto pressione tutti i titoli legati alle criptovalute e alla blockchain, colpendone anche il valore. Il Bitcoin è sceso di oltre il 6%, a 42'000 dollari. Anche altre cripto sono crollate: Ether, ad esempio, è precipitato del 10%.

Recentemente, lo ricordiamo, la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Riforma (NDRC) ha lanciato «una profonda pulizia» a livello nazionale del mining di criptovalute. Tali attività «contribuiscono poco alla crescita economica della Cina, generano rischi, consumano un'enorme quantità di energia e ostacolano gli obiettivi di neutralità del carbonio», aveva dichiarato a riguardo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 1 mese fa su tio
Le criptovalute, o valute farlocche, potrebbero anche non esistere e staremmo bene lo stesso
Dalu 1 mese fa su tio
Se non possono controllarlo lo rendono illegale… ma è davvero questo il mondo che vogliamo? Perché la Cina ha iniziato… altri lo faranno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
10 ore
«Prima costavano 80 centesimi, adesso anche 300 franchi»
La crisi dei chip raccontata dall'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».
ITALIA
12 ore
Ita Airways, atterraggio non consentito in caso di nebbia
Lo prevedono le norme internazionali per le compagnie durante il periodo di "rodaggio"
MONDO
15 ore
Harvard, MIT, Stanford: ecco le migliori università al mondo
Il Politecnico federale di Zurigo è il quinto istituto in Europa e il 26esimo su scala globale
SVIZZERO
17 ore
Posta nel mirino, Cirillo si difende
Il numero uno del gigante giallo risponde alle accuse per le recenti acquisizioni aziendali
STATI UNITI
19 ore
Mai nessuno è stato ricco tanto quanto Elon Musk
Merito dell'exploit di lunedì, con l'annuncio dell'acquisto di 100mila Tesla da parte di Hertz
SVIZZERA
21 ore
Logitech, fatturato oltre le attese
Cala però la redditività nel terzo trimestre, con più spese per il marketing e d'investimenti in ricerca e sviluppo
SVIZZERA
23 ore
Terzo trimestre proficuo per UBS, ha guadagnato oltre due miliardi
Si tratta di un aumento dell'8,9% su base annua. Una performance superiore alle attese degli analisti.
Stati Uniti
1 gior
Sono passati vent'anni dal lancio del primo iPod
Il lettore rivoluzionario che Steve Jobs presentava come «il lettore che contiene mille canzoni e sta nella mia tasca»
SVIZZERA
1 gior
Il governo Draghi blocca Syngenta
Negata l'acquisizione della produttrice di sementi Verisem, che è stata giudicata d'importanza strategica
SVIZZERA
1 gior
I prezzi delle auto rischiano di salire
La colpa è della mancanza di componenti. E dei prezzi alle stelle delle materie prime
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile