Keystone
Svezia
16.09.21 - 16:060
Aggiornamento : 16:58

Scarsità di beni essenziali e di lusso, il cambiamento climatico inizia dalla spesa

Lo sostiene uno studio svedese secondo il quale i nostri ritmi attuali non possono adattarsi alla crisi climatica

STOCCOLMA - Un mercato in crisi e con prezzi sempre più alti è già stato annunciato e se le abitudini non cambiano, il rischio è che il problema si protragga e influenzi la vita delle prossime generazioni. L'agricoltura è in pericolo e così il nostro sostentamento.

Un nuovo studio del Stockholm environment institute ha evidenziato come, se i ritmi di vita attuali non si adatteranno alla crisi climatica, verranno a mancare nei panieri diversi ingredienti, anche fondamentali, vuoi perché la produzione calerà drasticamente, vuoi perché i prezzi esploderanno. Il massimo protagonista della penuria è lo zucchero di canna che entro il 2070 vedrà le sue colture diminuire del 58%. Meno dolci, quindi, per le generazioni future. E riservato alle popolazioni più ricche.

Dopo lo zucchero, segue il caffè. Il futuro della varietà arabica si annuncia simile a quello della robusta, la quale ha già visto aumentare il suo prezzo del 50% nella prima metà del 2021 a causa del lockdown in Vietnam. Entro i prossimi 50 anni sarà molto meno presente sul mercato, con un calo del 45%. Il suo maggiore produttore per l'Europa è il Brasile.

Sono quindi i beni di lusso quelli che verranno maggiormente toccati dalle conseguenze più prossime della crisi climatica, ma nella classifica non mancano dei beni considerati essenziali, quali riso e mais. Quest'ultimo sul lungo termine rischia di perdere un raccolto pari al 27%, mentre il riso all'8%.

«I risultati mostrano che i rischi climatici per la sicurezza alimentare globale sono sproporzionati, ma non esclusivi». I ricercatori evidenziano come il mercato ricco odierno dipenda da poche nazioni, in alcuni casi povere. E di come questa dipendenza sia il riflesso storico, regionale e geopolitico dei legami instaurati negli anni. Legami che vanno sfruttati per costruire un mercato da cui trarre tutti beneficio, ma solo se reso responsabile. Inoltre lo studio evidenza come sia importante giocare anche di strategia con il clima, spostando delle produzioni dove oggi sembrano sfavorite, perché un giorno potrebbero essere invece le più adatte.

È necessario un adattamento da diversi punti di vista: politico, ecologico e sociale. Perché «in un mondo sulla via della globalizzazione, non possiamo più considerare l'adattamento ai cambiamenti climatici come una questione locale o nazionale. Piuttosto, man mano che le nostre comunità ed economie diventano più interconnesse, la nostra esposizione agli effetti negativi del riscaldamento è condivisa e la costruzione della resilienza climatica deve essere trattata come una sfida globale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Regno Unito
41 min
Non cibo, ma foto che lo ritrae, per riempire gli scaffali vuoti
Reparti troppo grandi o penuria nell’approvvigionamento: così i supermercati britannici ci “mettono la pezza”
SVIZZERA
11 ore
«Prima costavano 80 centesimi, adesso anche 300 franchi»
La crisi dei chip raccontata dall'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».
ITALIA
13 ore
Ita Airways, atterraggio non consentito in caso di nebbia
Lo prevedono le norme internazionali per le compagnie durante il periodo di "rodaggio"
MONDO
16 ore
Harvard, MIT, Stanford: ecco le migliori università al mondo
Il Politecnico federale di Zurigo è il quinto istituto in Europa e il 26esimo su scala globale
SVIZZERO
18 ore
Posta nel mirino, Cirillo si difende
Il numero uno del gigante giallo risponde alle accuse per le recenti acquisizioni aziendali
STATI UNITI
20 ore
Mai nessuno è stato ricco tanto quanto Elon Musk
Merito dell'exploit di lunedì, con l'annuncio dell'acquisto di 100mila Tesla da parte di Hertz
SVIZZERA
22 ore
Logitech, fatturato oltre le attese
Cala però la redditività nel terzo trimestre, con più spese per il marketing e d'investimenti in ricerca e sviluppo
SVIZZERA
1 gior
Terzo trimestre proficuo per UBS, ha guadagnato oltre due miliardi
Si tratta di un aumento dell'8,9% su base annua. Una performance superiore alle attese degli analisti.
Stati Uniti
1 gior
Sono passati vent'anni dal lancio del primo iPod
Il lettore rivoluzionario che Steve Jobs presentava come «il lettore che contiene mille canzoni e sta nella mia tasca»
SVIZZERA
1 gior
Il governo Draghi blocca Syngenta
Negata l'acquisizione della produttrice di sementi Verisem, che è stata giudicata d'importanza strategica
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile