ARCHIVIO KEYSTONE
Ford ha deciso d'interrompere la produzione in India.
INDIA
09.09.21 - 16:330
Aggiornamento : 18:04

Un altro colosso dell'industria automobilistica ha deciso di lasciare l'India

Ford ha annunciato la chiusura di entrambi gli stabilimenti nel paese

NEW DELHI - Un altro colosso dell'industria automobilistica ha deciso di lasciare l'India: Ford ha annunciato la chiusura di entrambi gli stabilimenti presenti nel paese asiatico.

Gli impianti degli stati del Gujarat e Tamil Nadu cesseranno l'attività entro il secondo trimestre del 2022, si legge in un comunicato della società. A proseguire sarà la sola produzione di motori per automobili destinati all'esportazione. Ford ha affermato che continuerà a fornire i servizi di assistenza, di parti di ricambio e manutenzione ai clienti che hanno acquistato negli anni i cinque modelli prodotti per il mercato locale.

L'azienda guarda già al futuro, che prevede «veicoli iconici globali e Suv elettrificati», ma senza precisare se questi veicoli saranno realizzati in India oppure no.

Quale ragione ha spinto Ford ad abbandonare una nazione nella quale è presente da 25 anni? Nell'ultimo decennio le perdite operative hanno superato i due miliardi di dollari e la domanda di nuovi veicoli - che non è mai stata "frizzante" - si è ulteriormente indebolita. La quota attuale di Ford nel settore dei veicoli per il trasporto di passeggeri è inferiore al 2%, con un nono posto nell'elenco dei maggiori produttori in India.

Ford segue quindi l'esempio di altri due marchi storici del panorama motoristico statunitense: nel 2017 fu General Motors ad annunciare l'interruzione della produzione, seguita lo scorso anno da Harley-Davidson che in contemporanea ha lanciato un ridimensionamento di quello che è il maggiore mercato motociclistico al mondo. Un ulteriore colpo agli sforzi del primo ministro Narendra Modi di trattenere i produttori stranieri e di attirarne di nuovi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
ITALIA / SVIZZERA
48 min
Garage Italia ceduta in Lussemburgo, ecco perché Lapo Elkann si è dimesso
Emergono nuovi dettagli sulla decisione dell'imprenditore di lasciare: una cessione ai lussemburghesi
GERMANIA
3 ore
L'aeroporto di Francoforte-Hahn è in insolvenza
È da anni che il numero di passeggeri era in calo, ancor prima della crisi legata al coronavirus
REGNO UNITO
7 ore
Commercio internazionale, Londra non respingerà Pechino
L'apertura del premier Boris Johnson alla Cina in occasione del "Global Investment Summit". Ma «non saremo ingenui»
SVIZZERA/ITALIA
8 ore
Lapo Elkann ha dato le dimissioni dall'ormai "svizzera" Garage Italia
Non sarà più il Presidente del Cda di Garage Italia Customs, di proprietà della basilese Youngtimers
CINA
10 ore
Dopo il terremoto Evergrande, la Cina rallenta e si scopre un po' più fragile
Crescita azzoppata e molte nubi all'orizzonte, la Repubblica Popolare scampa alla recessione Covid ma cede a sé stessa
FOTO
STATI UNITI
22 ore
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
REGNO UNITO
1 gior
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
2 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
2 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
2 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile