Depositphotos (billiondigital)
Tra Australia e Cina è in corso una guerra del vino, che finirà probabilmente davanti al WTO.
AUSTRALIA
19.06.21 - 15:160

La guerra del vino tra Australia e Cina

Il governo di Canberra presenterà un reclamo al WTO, ma Pechino si difende e contrattacca

CANBERRA - L'Australia ha comunicato la sua intenzione di presentare un reclamo all'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) a causa delle tariffe imposte dalla Cina sui suoi prodotti vinicoli.

Pechino afferma che i rincari, che sono arrivati fino al 218%, sono dovuti alla negligenza commerciale australiana. Canberra, però, nega questa circostanza e afferma di essersi impegnata direttamente con la Cina per risolvere il problema. I dazi sul vino australiano, imposti alla fine del 2020, potrebbero rimanere in vigore per cinque anni se le cose non cambieranno.

La decisione di ricorrere al WTO, spiega il governo australiano, è giunta dopo una consultazione con i produttori di vino, che hanno nella Cina il principale mercato per le esportazioni. Il ministro per il Commercio, il Turismo e gli Investimenti Dan Tehan ha affermato: «Il governo continuerà a difendere con forza gli interessi dei produttori di vino australiani utilizzando il sistema stabilito nel WTO per risolvere le nostre divergenze».

Da parte sua, la Cina accusa l'Australia di dumping, ovvero di esportare il suo vino a un prezzo inferiore a quello normalmente praticato nel mercato interno. La pratica, non consentita nel diritto commerciale internazionale, ha lo scopo di aumentare la propria quota di mercato e danneggiare la concorrenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 gior
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
2 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
2 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
2 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
2 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
3 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
3 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
3 gior
Che sprint per il settore della costruzione
Il fatturato del terzo trimestre è il più elevato degli ultimi tre decenni, ma la SSIC mette in guardia
GIAPPONE
3 gior
Giappone, budget miliardario per i semiconduttori
Le anticipazioni di Nikkei parlano di uno stanziamento pari a 4,87 miliardi di franchi per rilanciare i settori chiave
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 gior
Ecco cosa ci aspetta per il Black Friday
A causa dei problemi di fornitura, i rivenditori hanno dovuto adattare le offerte
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile