keystone-sda.ch (UEFA HANDOUT)
Via le bottigliette di Coca-Cola: così Cristiano Ronaldo ha fatto perdere valore alle azioni per quattro miliardi di dollari.
MONDO
16.06.21 - 12:000
Aggiornamento : 14:53

Come Cristiano Ronaldo ha fatto perdere quattro miliardi di dollari a Coca-Cola

È bastato un gesto durante una conferenza stampa prima di un match di Euro 2020

Paul Pogba ha fatto qualcosa di molto simile con una bottiglia di birra, ma con esiti opposti...

BUDAPEST - In una ventina di secondi Cristiano Ronaldo ha fatto perdere quattro miliardi di dollari a Coca-Cola.

Come è stato possibile? Lunedì il campione portoghese si è recato alla conferenza stampa di presentazione del match contro l'Ungheria, valido per il girone di Euro 2020. CR7 aveva davanti a sé due bottigliette della bibita gassata, ma una volta seduto davanti al microfono le ha spostate e ha mostrato invece una bottiglietta d'acqua, invitando le persone a preferirla alla Coca-Cola e alle altre bevande zuccherate. «Acqua. Ecco cosa bisogna bere, acqua» ha dichiarato il bomber, visibilmente scocciato.

Le azioni calano - Apriti cielo: il titolo della compagnia, che valeva 56,1 dollari all'apertura delle Borse europee lunedì, alla fine della conferenza stampa di Ronaldo era sceso a 55,2 dollari. Un calo dell'1,6%, pari a una capitalizzazione di mercato di quattro miliardi di dollari. Il titolo ha poi recuperato parzialmente terreno e martedì ha chiuso a 55,45 dollari. Le quotazioni odierne si attestano all'incirca su quelle cifre.

Coca-Cola minimizza - Coca-Cola - che, nonostante il gesto di Ronaldo, vale all'incirca 240 miliardi di dollari - è tra gli sponsor principali del campionato europeo di calcio. «Ai giocatori viene offerta acqua, insieme a Coca-Cola e Coca-Cola Zero, all'arrivo alle nostre conferenze stampa», ha spiegato un portavoce del colosso Usa, che ha cercato di minimizzare. «Ognuno ha diritto alle proprie preferenze nelle bevande» e ha «gusti ed esigenze» diversi. 

Pogba e la birra - Un gesto del tutto simile è stato compiuto ieri sera dal centrocampista della Francia Paul Pogba, che ha spostato una bottiglia di birra Heineken che aveva davanti a sé in conferenza stampa. Pogba era stato nominato "man of the match" nell'incontro con la Germania - riconoscimento sponsorizzato proprio da Heineken, ironia della sorte. Il motivo, in questo caso, è religioso: il campione francese è musulmano praticante e non ha evidentemente gradito di essere accostato a una bevanda alcolica. Anche se, nel caso specifico, la Heineken in questione era analcolica.

Il gesto di Pogba non ha avuto, al momento, ripercussioni economiche negative sulla quotazione di mercato di Heineken. Anzi: il titolo guadagna al momento l'1,30%, arrivando a sfiorare i 100 euro per azione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
9 ore
Rihanna è la più ricca musicista del mondo (ma la musica c'entra ben poco)
Forbes ha quantificato il suo patrimonio in 1,7 miliardi di dollari, grazie ad attività inizialmente collaterali
EUROPA
11 ore
Smartphone, Xiaomi toglie il trono a Samsung
Il nuovo leader del mercato europeo degli smartphone è il colosso cinese Xiaomi
SVIZZERA
15 ore
La Delta non fa paura all'economia elvetica
È quanto sostiene il Centro di ricerca KOF, del Politecnico di Zurigo
STATI UNITI
19 ore
Amazon investe nella "seconda vita" delle merci
Il colosso ha presentato due programmi di logistica destinati a piccoli e medi rivenditori
ITALIA
21 ore
Stellantis punta forte sull'elettrico
Tra il 2024 e il 2027 DS, Lancia e Alfa Romeo abbracceranno questo comparto
AUSTRALIA
1 gior
«Congedo non pagato» per 2'500 dipendenti di Qantas
Gli impiegati dovranno stare due mesi a casa. Il motivo? Le chiusure per contenere la diffusione del Covid
STATI UNITI
1 gior
Sindacato in casa Amazon, si potrebbe votare di nuovo
La scoperta di un funzionario federale: le elezioni sono state "contaminate" da tattiche anti-sindacali
SVIZZERA
1 gior
Il franco svizzero si rafforza a causa della variante Delta (ma non solo)
Oggi si è toccato il corso minimo dal novembre 2020
SVIZZERA
1 gior
Ritorno della produzione industriale in Svizzera? Per ora più parole che fatti
Il costo dei trasporti e la guerra dei dazi potrebbero cambiare le carte in tavola nel prossimo futuro
SVIZZERA
1 gior
La crisi dei semiconduttori frena le vendite di auto nuove
È il peggior mese di luglio del nuovo millennio, secondo Auto-Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile