Immobili
Veicoli
Reuters
REGNO UNITO
05.06.21 - 11:340
Aggiornamento : 19:11

G7, una tassa minima sulle multinazionali al 15%

Il titolare delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, ha parlato di un accordo destinato a «cambiare il mondo»

LONDRA - Cresce l'ottimismo fra i ministri delle Finanze europei sull'obiettivo di un primo accordo in sede G7 su una tassazione più equa nei confronti delle multinazionali con l'adozione di un'aliquota globale minima del 15% di imposta sui profitti d'impresa.

È quanto emerge dalla riunione ministeriale in corso da ieri e fino al primo pomeriggio di oggi a Londra.

Dopo l'appello lanciato ieri al riguardo sul Guardian da tre dei ministri invitati (d'Italia, Francia e Germania) assieme al collega della Spagna, sono arrivate le dichiarazioni fiduciose su un'intesa anche da parte del padrone di casa, Rishi Sunak, cancelliere dello Scacchiere nel governo di Boris Johnson.

In un'intervista rilasciata in queste ore alla BBC, il titolare delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, ha addirittura evocato un accordo destinato a «cambiare il mondo». Soprattutto laddove fosse poi adottato anche nella sede più estesa del G20, di cui fanno parte fra gli altri pure Cina o Russia.

«Se condivideremo una tassazione minima sulle imprese - ha detto Scholz - aiuteremo a interrompere la corsa fiscale verso il basso che vediamo oggi e faremo sì che i nostri Paesi possano sostenere finanziariamente gli impegni necessari, soprattutto dopo tutto il denaro speso per affrontare l'emergenza Covid, e a difendere la salute della gente e a difendere l'economia».

Resta tuttavia da superare - secondo la BBC - il tentativo degli USA di condizionare questa intesa alla rinuncia dei regimi di digital tax già annunciati da vari Paesi europei per imporre regole specifiche a giganti americani del tech come Amazon o Microsoft per esempio: tuttora in grado di sfuggire potenzialmente a qualunque aliquota attraverso il meccanismo della domiciliazione legale in luoghi diversi (paradisi fiscali) da quelli in cui intascano i loro profitti, esplosi ulteriormente durante la pandemia. Fino a casi clamorosi come le zero tasse versate in Irlanda dalla filiale locale di Microsoft su 315 miliardi di euro di profitto annuale, grazie alla domiciliazione nelle Bermuda.

Aggiornamento - I ministri delle Finanze del G7 hanno raggiunto un accordo »sul principio di una aliquota globale minima del 15% per la tassazione delle grandi imprese, applicata Paese per Paese¢.

Lo scrive su Twitter il Tesoro britannico, parlando «una stretta sull'elusione fiscale» che farà pagare «la giusta quota» alle multinazionali di Big Tech. Secondo il Tesoro, «le maggiori imprese globali, con margini di profitto di almeno il 10%, vedranno il 20% di tutti gli utili al di sopra di tale soglia riallocato e tassato nei Paesi dove effettuano vendite».

Si tratta di un «impegno senza precedenti che metterà fine alla corsa al ribasso nella tassazione aziendale, assicurando equità per i lavoratori negli Stati Uniti e in tutto il mondo», ha commentato in una nota la segretaria al Tesoro Usa Janet Yellen.


 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
9 ore
La svolta sui tassi d'interesse è dietro l'angolo
La Banca Nazionale Svizzera seguirà le decisioni della Bce? Le opinioni degli esperti
STATI UNITI
11 ore
Gli investitori di Twitter hanno fatto causa a Elon Musk
«Denigra la società per rinegoziare il prezzo d'acquisto»
SVIZZERA
1 gior
Frutta e verdura? La bontà, prima della bellezza
Il WWF se la prende con il "culto della bellezza" che crea grandi sprechi
MONDO
1 gior
Le Big Tech consumano più energia del Portogallo
Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google hanno adoperato 49,7 milioni di megawattora in un anno
MONDO
1 gior
Guerra, inflazione e lockdown ostacolano la crescita
La frenata del Pil delle economie avanzate è pari allo 0,6% in un paio di mesi, secondo Moody's
STATI UNITI
1 gior
Privacy e pubblicità, Twitter sborsa 150 milioni
L'azienda era accusata di aver «impropriamente raccolto dati degli utenti»
CANTONE / ZURIGO
2 gior
Fallimenti, Ticino in controtendenza
Sensibile l'aumento delle aziende che devono abbassare la saracinesca.
ZUGO 
2 gior
Corruzione, Glencore dovrà pagare 1 miliardo di dollari a Usa e Brasile
La società si è dichiarata colpevole di attività di corruzione in Africa e in Sudamerica.
REGNO UNITO
2 gior
Un centesimo qua, un centesimo là: ecco come il pollo diventa caro come il manzo
I fast food hanno già rivisto il prezzo verso l'alto e nei supermercati è necessario spendere 50 centesimi in più
STATI UNITI
3 gior
Un algoritmo per far collaborare al meglio umani e robot
A svilupparlo sono stati ricercatori americani dell'Istituto di robotica della Carnagie Mellon
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile