Archivio Keystone
STATI UNITI
06.05.21 - 17:000

Perché al mondo in questo momento ci sono così pochi chip?

La crisi globale dei semiconduttori frena la produzione di tantissimi prodotti ma il Covid non c'entra

NEW YORK - Servono a tutti, da chi fa i computer a chi fa automobili - passando per elettrodomestici, impianti audio, smartphone e chi più ne ha - e al mondo pare che ce ne sia un'endemica carenza. Stiamo parlando dei chip, attualmente una delle risorse di cui nel nostro presente vi è scarsità (un'altra è il legno) e che preoccupa le aziende a livello globale.

In un recente articolo, Bloomberg ha tentato di capire i motivi alla base di questo ammanco mondiale di semiconduttori. Se da una parte, la componente materie prime - con diverse di queste che diventano più rare e difficili da estrarre anno dopo anno - dall'altra, il fattore davvero cruciale riguarda infrastrutture e know-how.

Sempre più potenti e polivalenti, ma anche più piccoli, complessi e fragili - i chip sono una risorsa difficilissima da assemblare: richiedono catene di produzioni all'avanguardia, tremendamente costose e che possono diventare obsolete in poco tempo con un impatto devastante sulla produzione e sulla forza lavoro.

In un momento storico in cui i semiconduttori sono una delle risorse più preziose, sono diversi i paesi che li hanno inseriti nelle loro politiche economiche. La Cina ha un piano quinquennale per raggiungere l'autosufficienza, Biden punta sulla produzione americana per tornare in vetta mentre l'UE valuta nuove misure affinché anche il Vecchio continente possa fare i suoi chip.

Ma perché è così difficile? Perché si tratta di piccoli, con componenti ancora più piccole e che devono essere assemblati in ambienti praticamente sterili e senza polvere. Per realizzarli vengono usati dispositivi di ultraprecisione, tra i quali anche i laser. Per la gran parte del tempo vengono maneggiati da macchine e gli uomini che ci lavorano sono infagottati in tute protettive.

Le fabbriche di chip sono la cosa più vicina alla fantascienza che ci sia sulla Terra e, per costruirne una ci vogliono dai 15miliardi di dollari. E molto probabilmente 5 anni dopo saranno già obsolete. Per questo motivo vengono fatte funzionare 7 giorni su 7 e 365 giorni all'anno.

Vincono solo i pesci più grossi: come scritto da Bloomberg si tratta di un mercato estremamente competitivo, e chi è sconfitto viene cancellato dalla faccia della terra. Al momento i tre leader sono Intel, Samsung e Tsmc che assieme nel 2020 hanno guadagnato 188 miliardi.

Le loro fabbriche sono molto avanzate, si stima che valgano circa 20 miliardi l'una, e generano di fatto una situazione di oligopolio. Con l'asticella ormai così alta, è difficile che altri attori possano introdursi nel mercato, indipendentemente dagli aiuti statali (come quelli pensati dall'amministrazione Biden) che rischiano di essere solo una goccia nel mare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Francia
6 ore
Wish è stato bannato dai motori di ricerca
La decisione arriva in seguito al rilevamento di un numero ingente di prodotti non conformi alla legge e pericolosi
STATI UNITI
11 ore
Jack Dorsey non è più a capo di Twitter
Il creatore del celebre social abbandona la poltrona di Ceo sostituito dal CTO Parag Agrawal
SVIZZERA
11 ore
Black Friday, quest'anno meno acquisti rispetto al 2020
Le difficoltà di approvvigionamento possono aver pesato sul più grande evento promozionale dell'anno
SVIZZERA
16 ore
Domanda alta, offerta bassa: schizzano i prezzi di beni e servizi
I prezzi sono cresciuti, e pesano in particolare i combustibili: la benzina fa registrare un +26,3% su base annua
GIAPPONE
19 ore
Svolta green anche per Nissan: metà dei veicoli saranno elettrici
L'obbiettivo per il raggiungimento della quota green del 50% del parco veicoli è il 2030
REGNO UNITO
1 gior
Nel Regno Unito potrebbe mancare l'alcol per Natale
Un "cocktail perfetto" sta rallentando la distribuzione di superalcolici e bollicine, rendono attenti gli specialisti
SVIZZERA
3 gior
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
4 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
4 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
4 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile