Imago
MONDO
21.04.21 - 13:150

Superlega, sarebbe uno "tsunami" anche per i videogames

Il progetto, che mirava a riconquistare l'interesse dei giovani, avrebbe un impatto anche sull'industria videoludica

MADRID - Quella che alla mezzanotte tra domenica e lunedì si annunciava come una svolta nella storia del calcio, pronto a giocare una delle sue partite più importanti senza neanche mettere il pallone a centrocampo, potrebbe infine ridursi a una breve parentesi, il cui ricordo verrà soffiato via dal vento. Certo, le ultime 48 ore hanno mostrato che tutto e il suo contrario sono possibili, ma il progetto "Super League" - dopo il domino di defezioni che ha preso il via nel Regno Unito, con il Manchester City e il Chelsea prime a sfilarsi - sembra già ai titoli di coda. Le sue possibili implicazioni però travalicano il solo ambito sportivo, toccando anche un'industria come quella dei videogiochi, che - come ben sanno gli appassionati delle simulazioni sportive - vive anche delle licenze sportive che riesce a conquistare.

Gli avversari del calcio? «I giochi come Fortnite»
Quelli dello sport e del gaming non sono più mondi così distanti. Soprattutto perché ambiscono a conquistare e fidelizzare una stessa fetta di pubblico: i più giovani. Già in tempi non sospetti, eravamo nell'autunno del 2019, il presidente della Juventus Andrea Agnelli - uno dei principali "azionisti" della nuova Super League - aveva spiegato in veste di esponente dell'ECA alla Leaders Week di Londra come i veri avversari del calcio in questo momento fossero proprio alcuni videogiochi di successo come "Fornite" e "League of Legends", che non a caso sono i due titoli che guidano le classifiche dei contenuti in streaming "consumati" su piattaforme come Twitch. Quello streaming che sta gradualmente prendendo piede anche nella diffusione degli eventi sportivi, soppiantando - come avvenuto in Italia, con DAZN che ha strappato i diritti esclusivi per la Lega Serie A a Sky per il triennio 2021/2024 - le vecchie televisioni.

Lo stesso Florentino Perez, presidente del Real Madrid e numero uno della nuova Superlega, ha dichiarato lunedì - presentando il progetto - che per i giovani tra i 16 e i 24 anni il pallone sembra aver smarrito la sua attrattiva. «Hanno perso interesse per il calcio. E questo succede perché ci sono molte partite che sono poco interessanti». Un dilemma che invece sembra porsi molto più raramente quando le immagini che scorrono sul monitor (o il display) di turno sono quelle di uno sgargiante gameplay. E, se questo non fosse sufficiente, va messo in conto anche l'interesse crescente delle singole società sportive nell'avere un proprio team ufficiale di e-sports.

Uno "tsunami" anche per i videogames
Nelle ultime ore il terremoto si è placato. Ma, nel caso di una secessione sportiva come quella ipotizzata dagli architetti della Superlega, l'eventuale "tsunami" andrebbe a impattare anche su alcuni storici e gettonatissimi titoli (e di conseguenza sulle tasche dei videogiocatori). E in prima fila ci sono senza dubbio i due grandi classici del calcio su console (e PC): FIFA e PES, che ogni anno fanno a gara per accaparrarsi quante più licenze di squadre e campionati possibili e sono giocati da milioni di persone.

E, sempre restando nel campo del condizionale, a seconda degli accordi questo potrebbe tradursi in situazioni diverse. Dalla necessità di rinegoziare i termini per ogni singola squadra di stagione in stagione, alla scomparsa di alcuni grandi club - e quindi dei rispettivi giocatori che, per alcune fasce d'età, sono diventati motivo di interesse più delle stesse squadre - dai titoli fino all'eventuale sviluppo di un terzo titolo ufficiale esclusivamente legato alla nuova Super League. Anche in quest'ultimo senso però, la strada - e la storia videoludica può testimoniarlo con diversi esempi - è di quelle in salita.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
4 ore
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
20 ore
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
22 ore
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
1 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
SVIZZERA
1 gior
«La Svizzera non deve temere carenze di approvvigionamento»
Secondo il presidente di Galliker Transport, nel nostro paese la situazione è migliore rispetto al resto d'Europa
GERMANIA
1 gior
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
1 gior
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
2 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
3 gior
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
3 gior
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile