Reuters
CINA
19.04.21 - 11:040
Aggiornamento : 11:42

Evergrande, la Tesla cinese da 87 miliardi che non ha venduto nemmeno un'auto

Vale più di Bmw e Ford ma non è chiaro se sia in grado di produrre in serie, gli addetti ai lavori: «Una compagnia strana»

SHANGHAI - Una concessionaria sfavillante nel centro di Shanghai, una massiccia presenza al Salone Cinese dell'auto di questo 2021, e un catalogo con ben 9 modelli. Evergrande o Hengchi, la risposta cinese a Tesla, ha anche convinto gli investitori ed è valuta a 87 miliardi di dollari, più di Ford, Bmw, Renault e General Motors.

Questo, malgrado non abbia ancora venduto una singola automobile. Già perché, come spiega Bloomberg, il produttore cinese ha più volte ritardato la data di produzione di massa e messa in commercio. Una mossa che, per molti ricorda la strategia di Elon Musk per l'avvicinamento alla serie S, ma per molti altri sarebbe un palese sintomo di bolla.

Al di là delle difficoltà produttive, infatti, è indubbio che il settore dei veicoli elettrici in Cina è particolarmente competitivo con circa 400 marchi, tra i quali anche Tesla che nella Repubblica Popolare produce e vende, a contendersi il mercato.

Per ora Evergrande non ha ancora iniziato nemmeno la produzione di un lotto di prova. La data prevista di settembre 2020 è stata abbandonata per un indicativo "termine del 2021". Ci si aspetta quindi una consegna ipotetica per il 2022, ma i dubbi restano.

Secondo Bloomberg, pur avendo almeno tre centri di produzione in diverse parti del paese, l'azienda non ha nemmeno una catena produttiva per le sue auto: «È una compagnia decisamente strana», spiega al portale Bill Russo dell'azienda di consulenza Automobility di Shanghai, «hanno investito un sacco di soldi, ma non hanno niente per le mani... Sono entrati a testa bassa in un settore che sembrano non conoscere nemmeno un po', dubito che potranno essere all'altezza della concorrenza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
59 min
«Non voglio essere CEO di niente»
Elon Musk ha commentato la sua relazione con la posizione di Amministratore delegato
SVIZZERA
1 gior
Il commercio online continua a crescere in Svizzera, ma non come l'anno scorso
Le vendite al dettaglio invece dovrebbero registrare un lieve calo
SVIZZERA
1 gior
Sunrise UPC: affari in crescita nel secondo trimestre
Complice il B2B, il gruppo di telecomunicazioni ha incrementato la cifra d'affari. Il risultato operativo è però sceso.
STATI UNITI
1 gior
I dipendenti di LinkedIn potranno scegliere di lavorare al 100% da casa
La rete sociale ha aggiornato la sua politica post-pandemica: il provvedimento vale per l'intera forza lavoro globale
MONDO
1 gior
Abbiamo già finito le risorse del 2021
Lanciata anche una campagna "100 giorni di Possibilità" in vista della COP26
ZURIGO
2 gior
Credit Suisse: crolla l'utile nel secondo trimestre
Già nel primo trimestre l'istituto bancario era finito nelle cifre rosse.
STATI UNITI
2 gior
Twitter fa un passo verso l'e-commerce
Il social permetterà ad alcuni rivenditori di pubblicizzare i prodotti direttamente sul profilo
STATI UNITI
2 gior
Mattel avvisa: a Natale i giocattoli saranno più cari
Colpa dell'aumento dei costi delle materie prime e dell'approvvigionamento, ha spiegato il colosso dei giocattoli
MONDO
2 gior
Londra al top per studiare, ma se la cavano anche Zurigo e Losanna
Tra le prime venti anche le due città svizzere. Sul podio, Monaco di Baviera e Seul/Tokyo
STATI UNITI
3 gior
Apple: guadagni alle stelle, ma aleggia l'ombra dei chip (mancanti)
Un raddoppio nell'ultimo trimestre porta ottimismo, ma la carenza di semiconduttori urge cautela
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile