Depositphotos (josekube)
Anche Toyota ha sospeso la produzione negli stabilimenti in Brasile a causa della pandemia.
BRASILE
26.03.21 - 08:160
Aggiornamento : 11:43

L'industria automobilistica si ferma per Covid

Toyota sospende la produzione, seguendo l'esempio di Volkswagen, Mercedes-Benz e Nissan

SAN PAOLO - Dal 29 marzo al 5 aprile Toyota fermerà i suoi impianti produttivi in Brasile. È una diretta conseguenza delle misure di lockdown dichiarate a livello locale, per contrastare la pandemia di coronavirus.

Una decisione, spiega il colosso giapponese, presa in accordo con i sindacati e che mira a «contribuire a ridurre la circolazione delle persone nel momento più critico della pandemia nel Paese». Sono 5'600 i dipendenti interessati dal provvedimento in quattro stabilimenti, quelli di Sao Bernardo do Campo, Sorocaba, Porto Feliz e Indaiatuba.

Non è il primo caso - Toyota non è la prima casa automobilistica a decidere di sospendere la produzione a causa della sempre più grave emergenza sanitaria. Una settimana fa era stata Volkswagen a decidere per la chiusura degli impianti, dal 24 marzo fino al 4 aprile. «Con l'aggravarsi dei casi della pandemia e l'aumento dell'occupazione dei posti in terapia intensiva negli stati brasiliani» spiegava il colosso tedesco in una nota «l'azienda adotta questa misura per preservare la salute dei suoi dipendenti e dei loro familiari. Nelle fabbriche saranno mantenute solo le attività essenziali. I dipendenti dell'area amministrativa lavoreranno in remoto. La misura è stata decisa d'intesa con i sindacati».

Identico provvedimento è stato preso negli scorsi giorni da Mercedes-Benz e Nissan.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SINGAPORE / SVIZZERA
11 ore
Niente WEF nel 2021, nemmeno a Singapore
Il prossimo incontro annuale è previsto nella prima parte del 2022
STATI UNITI
12 ore
C'è un nuovo colosso dello streaming
La fusione di WarnerMedia e Discovery è una sfida a Netflix e Disney
SVIZZERA
15 ore
«Siate solidali, siamo a un punto drammatico»
L'appello ai clienti arriva dalla Centrale svizzera dei costruttori di finestre e facciate (CSFF)
IRLANDA
18 ore
Perdita da 815 milioni di euro per Ryanair
La compagnia aerea, dopo i 12 mesi «più impegnativi» della sua storia, confida «in un rimbalzo»
STATI UNITI
19 ore
«Tesla non ha venduto alcun Bitcoin»
Una risposta di Musk su Twitter ha fatto scendere le quotazioni della criptovaluta, ma poi è arrivata la precisazione
EMIRATI ARABI UNITI
21 ore
«Il Pass Covid è inevitabile per tornare a viaggiare»
Lo sostiene Paul Griffiths, a capo dell'aeroporto di Dubai: «Non ci sono alternative»
GERMANIA
1 gior
Aviazione in crisi, e i piloti passano dal cielo alle rotaie
Le ferrovie federali tedesche hanno assunto recentemente 280 professionisti dell'aviazione
SVIZZERA
1 gior
Swiss dimezza la flotta di Helvetic Airways
Solo quattro degli otto aerei di Helvetic Airways voleranno ancora per Swiss
REGNO UNITO
1 gior
Easyjet: cercasi un nuovo Presidente
Dopo 9 anni, ci sarà un cambio al vertice della compagnia britannica
STATI UNITI
1 gior
I vecchi 737 vanno ispezionati
La Faa ha ordinato di controllare 143 velivoli, dopo l'incidente al largo dell'Indonesia a gennaio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile