Immobili
Veicoli
Depositphotos (teamtime)
Svariati grandi brand sono nel mirino di autorità e internauti cinesi.
CINA
25.03.21 - 13:400
Aggiornamento : 15:22

Il boicottaggio dei marchi che hanno denunciato le violazioni nello Xinjiang

Nel mirino sono finiti H&M, Nike, Adidas e non solo.

I social sostengono invece le aziende nazionali che fanno uso del cotone prodotto nella regione.

PECHINO - Sono sempre di più i marchi internazionali bersagliati sui social media cinesi, per aver preso posizione contro le presunte violazioni dei diritti umani nello Xinjiang.

Tutto è nato mercoledì, con una presa di posizione dei media statali contro H&M, "colpevole" di aver manifestato profonda preoccupazione per le denunce di lavoro forzato nella regione autonoma cinese. Dichiarazioni che peraltro risalgono allo scorso anno e che sono tornate alla ribalta improvvisamente, a sostegno dell'appello del governo a non lasciare che la reputazione della Cina fosse infangata dalle multinazionali straniere.

Brand nel mirino - I media internazionali danno conto di una «frenesia» social, che ha spinto svariati utenti a ricercare dichiarazioni passati di sostegno alla minoranza uigura. Ecco così che sono state prese di mira Nike e Adidas, che avevano espresso in passato le stesse preoccupazioni del brand di abbigliamento svedese. Si va, riferisce l'agenzia stampa Reuters, dall'appello al boicottaggio dei prodotti dei due colossi (a vantaggio di prodotti nazionali come Li Ning e Anta) a esplicite richieste ad Adidas di lasciare la Cina. Secondo il tabloid statale Global Times Inditex, la compagnia proprietaria di Zara, in queste ore ha «rimosso silenziosamente» una dichiarazione sullo Xinjiang dai suoi siti in inglese e spagnolo.

A dare ulteriore ufficialità alla propaganda pro-boicottaggio è stata la televisione statale Cctv. Il portavoce del ministero del Commercio, Gao Feng, bolla come «completamente infondate» le accuse di lavoro forzato nello Xinjiang. La Cina non permetterà ulteriori accuse, aggiunge, auspicando nel contempo che le aziende straniere «rispettino le regole del mercato, correggano le azioni sbagliate ed evitino di politicizzare le questioni commerciali».

La questione del cotone - Anta Sports Products Ltd ha assicurato che continuerà a utilizzare il cotone proveniente dallo Xinjiang; la dichiarazione ha portato il suo titolo alla Borsa di Hong Kong a guadagnare più del 6%. Sostegno è stato manifestato anche ad altre aziende che hanno confermato di utilizzare le materie prime prodotte nella regione. Per contro, la Better Cotton Initiative (Bci), gruppo globale che incoraggia la produzione di cotone sostenibile, è finita nel mirino degli internauti cinesi. I quali «non accettano che le società straniere da un lato guadagnino denaro da loro e dall'altro diffamino la Cina. Rifiutare il cotone dello Xinjiang, tra i migliori al mondo, è una perdita per i marchi» è il commento della portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying.

La scure su H&M - Tra i grandi marchi chiamati in causa solo H&M ha preso posizione in queste ore: l'azienda ha assicurato di essere impegnata in programmi d'investimento e sviluppo a lungo termine in Cina e di rispettare i consumatori locali. Ciò non è servito a evitare l'apparente blocco dei negozi online sul territorio cinese. Un grande magazzino a Urumqi, capitale dello Xinjiang, ha dichiarato di aver chiuso la filiale locale di H&M e di aver chiesto le scuse della società per «aver diffuso voci» che hanno danneggiato gli interessi regionali e nazionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
KOSOVO
5 ore
Kosovo in tackle sul Bitcoin, svendita e fuga dei "minatori"
Lo stato balcanico ha annunciato un blocco delle criptovalute per alleviare la crisi energetica
REGNO UNITO
1 gior
Unilever offre 50 miliardi di sterline per GSK Consumer Healthcare
Se dovesse andare in porto si tratterebbe di una delle operazioni più grandi per la piazza di Londra
SVIZZERA
1 gior
Denner aumenta gli stipendi
Nuovo record di fatturato nel 2021. La catena premia i dipendenti
MONDO
2 gior
Là dove il Bitcoin non è il benvenuto
La controversa regina delle cripto è valuta "non grata" in alcune nazioni. Vediamo quali.
Dal Mondo
2 gior
Pagina del fumetto di Spider-Man venduta per 3'360'000 dollari
Venduta anche una copia del debutto di Superman nel numero 1 di "Action Comics"
SVIZZERA
2 gior
Dodici mesi da record per le saline svizzere
Le consegne complessive del 2021 toccano quota 630mila tonnellate
THAILANDIA
2 gior
Da aprile i turisti diretti in Thailandia dovranno pagare una tassa d'entrata
Il governo utilizzerà i soldi ricavati per mettere a nuovo le strutture e sviluppare nuove attrazioni turistiche
CINA
2 gior
Un materiale per le stampanti 3D che uccide virus e batteri
I suoi realizzatori assicurano che è in grado di debellarli nel giro di 20 minuti. Coronavirus compreso
GIAPPONE
3 gior
Toyota nuovamente in vetta, supera Volkswagen
L'azienda nipponica ha venduto nel corso del 2021 quasi dieci milioni di modelli
FRANCIA
3 gior
La guerra delle baguette, i panettieri contro E.Leclerc
La catena di supermercati ha abbattuto il prezzo del tradizionale pane francese, facendolo scendere da 90 a 29 centesimi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile