keystone-sda.ch / STF (Michael Probst)
GERMANIA
11.06.20 - 21:040

Lufthansa pensa a un taglio di 26mila lavoratori

Il gruppo cerca ora un accordo con i sindacati, prevedendo una ripresa «molto lenta» dell'attività, nel contesto Covid

La metà dei tagli dovrebbe avvenire in Germania

BERLINO - Lufthansa potrebbe tagliare fino a 26 mila posti su scala mondiale, per arginare gli effetti della crisi del Coronavirus: ben più dei 10 mila preventivati dal ceo Carsten Spohr solo di recente.

Entro il 22 giugno il gruppo, che ieri sera ha incontrato i delegati sindacali di Verdi, Ufo e Vereinigung Cockpit, vuole adesso trovare un accordo, prevedendo una ripresa «molto lenta» dell'attività, nel contesto della pandemia.

L'annuncio ha fatto insorgere l'opposizione in Germania, dove Verdi e Linke (Sinistra) hanno sollecitato il governo di Angela Merkel a sedersi di nuovo al tavolo, per rinegoziare le condizioni dei 9 miliardi di euro di aiuti che prevedono un 20% di partecipazione statale nel colosso.

«Senza un significativo calo dei costi del personale durante la crisi perdiamo la chance di una ripartenza migliore e rischiamo che Lufthansa ne esca chiaramente indebolita. Vogliamo evitare questo scenario. Per questo mettiamo ogni impegno per far sì che l'incontro del 22 giugno con i nostri partner possa arrivare a concreti risultati», ha affermato Michael Nieggemann, delegato al Personale a e all'Ufficio legale e direttore del lavoro di Lufthansa, rispondendo a una richiesta dell'ANSA.

100 aerei in meno - «La domanda per il traffico aereo si riprenderà prevedibilmente solo lentamente - ha aggiunto un portavoce -. Riteniamo che la flotta di Lufthansa, dopo questa crisi, conterà 100 aerei in meno», sui 763 complessivi della flotta. «Per questo pensiamo che Lufthansa avrà 22mila posti di full time in meno, la metà dei quali in Germania. L'obiettivo è, col ricorso alla casa integrazione e alle misure di crisi, evitare di arrivare a licenziamenti secchi», ha aggiunto.

Durante i mesi cruciali della pandemia, che ha comportato la chiusura delle frontiere su scala globale, la compagnia di bandiera tedesca ha portato la sua attività al minimo, lasciando a terra il 95% della flotta. Gli aerei Lufthansa hanno continuato a volare soltanto per riportare in patria i molti turisti tedeschi rimasti bloccati in diversi paesi del mondo.

Piano di risanamento - Già nelle scorse settimane il gruppo - che di dipendenti ne conta 135 mila - ha annunciato un piano di risanamento. Ed è recentissimo l'accordo con il governo Merkel, per un salvataggio statale, che ha visto una pesante trattativa, prima interna e poi con Bruxelles (che ha imposto il prelievo dei diritti di atterraggio sugli aeroporto di Francoforte e Monaco).

È di qualche giorno fa inoltre la notizia che il colosso tedesco lascerà il Dax (indice di borsa delle società a più alta capitalizzazione in Germania) il 22 giugno, scivolando nel MDAX (indice delle imprese a capitalizzazione medie). In questo scenario, anche il dibattito politico si è acceso: «9 miliardi di euro per una impresa che ne vale 4, e la rinuncia ad avere voce in capitolo. Se Lufthansa taglierà 22 mila posti di lavoro, il governo federale ne sarà responsabile», si è infiammato il leader Bernd Riexinger, della Linke. Mentre per i Verdi, Anton Hofreiter ha commentato: «Alla luce dei nuovi sviluppi, il governo dovrebbe sedersi d'urgenza nuovamente al tavolo e rinegoziare il pacchetto di aiuti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
16 ore
L'agricoltura svizzera? Più resistente alla crisi e sostenibile
L’Ufficio federale dell’agricoltura dà conto dell'espansione del biologico e di un aumento degli acquisti consapevoli
SVIZZERA
1 gior
SIX pensa a trasferire alcune attività all'estero
Via anche la sede principale e la direzione? «È fuori questione»
SVIZZERA
1 gior
Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento
Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché
ITALIA
1 gior
L'Italia dichiara guerra alle etichette Nutriscore, interviene anche l'Antitrust
Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.
SVIZZERA
1 gior
La domanda di personale è in forte aumento
Mancano però ingegneri, tecnici, informatici e operatori della sanità, secondo Adecco Svizzera
Cina
2 gior
Le navi mercantili cinesi sono scomparse dai radar
Una nuova legge entrata in vigore il primo novembre potrebbe essere la causa della mancanza d'informazioni
STATI UNITI
2 gior
L'usato di Michael Jordan vale sempre come l'oro
Un paio di "Nike Jordan XIII" saranno battute all'asta da Christie's. Valore stimato? Tra 300mila e 500mila dollari.
SVIZZERA
2 gior
Che sprint per il settore della costruzione
Il fatturato del terzo trimestre è il più elevato degli ultimi tre decenni, ma la SSIC mette in guardia
GIAPPONE
2 gior
Giappone, budget miliardario per i semiconduttori
Le anticipazioni di Nikkei parlano di uno stanziamento pari a 4,87 miliardi di franchi per rilanciare i settori chiave
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 gior
Ecco cosa ci aspetta per il Black Friday
A causa dei problemi di fornitura, i rivenditori hanno dovuto adattare le offerte
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile