Keystone
MONDO
06.06.20 - 18:380

A sostegno del petrolio, proseguono i tagli alla produzione

L'Opec+ ha deciso di prorogare i tagli per tutto il mese di luglio

VIENNA - I tagli alla produzione di petrolio dei Paesi aderenti all'Opec+ proseguiranno inalterati a 9,7 milioni di barili al giorno per tutto il mese di luglio.

Il cartello ha prorogato di un mese il contingentamento della produzione deciso ad aprile così da continuare a sostenere le quotazioni dell'oro nero, finito 'sottozero' nelle fasi più drammatiche e incerte della pandemia di coronavirus, a causa del crollo della domanda.

Nell'ambito dell'intesa, che evita una riduzione dei tagli a 7,7 milioni di barili a partire dal prossimo mese, è stato deciso che le nazioni che non hanno rispettato i tetti di produzione, come la Nigeria e l'Iraq, saranno soggette a misure compensative tra luglio e settembre. «Nonostante la situazione finanziaria ed economica che l'Iraq affronta, il Paese conferma la sua adesione all'accordo», ha dichiarato un portavoce del ministro dell'energia iracheno.

Dallo scorso aprile, anche grazie ai tagli dell'Opec+, il prezzo del petrolio è quasi raddoppiato a 42,3 dollari al barile per il brent e a quasi 40 dollari per il wti. Ieri le prime indiscrezioni sull'intesa, accompagnate dagli ottimi dati sull'occupazione americana, hanno spinto il greggio in rialzo di oltre il 5%. I prezzi attuali, secondo Goldman Sachs, incorporano già un prolungamento dei tagli a luglio.

L'intesa rappresenta una vittoria di Arabia Saudita e Russia che, attraverso un paziente lavoro diplomatico, hanno convinto i Paesi più riottosi al rispetto dei loro obblighi. «Solo un mese fa avevamo un disastro per quanto riguarda l'energia. Era a zero, non valeva niente. Abbiamo salvato l'industria in un breve periodo di tempo. E sapete chi ci ha aiutato? La Russia e l'Arabia Saudita», si è congratulato anche il presidente Usa, Donald Trump.

L'Opec+ si riunirà nuovamente nella seconda metà di giugno per riesaminare la situazione del mercato. Il 18 giugno è in programma il Comitato ministeriale congiunto di monitoraggio, che potrebbe raccomandare un prolungamento dei tagli anche ad agosto, nel caso in cui lo ritenesse necessario.

La guerra civile in Libia, costata un milione di barili di produzione al giorno, ha aiutato a ribilanciare domanda e offerta. Ma il cessate il fuoco tra Haftar e al Sarraj potrebbe aprire la porta a una graduale ripresa della produzione.

«A dispetto dei progressi che abbiamo raggiunto fino ad ora non possiamo sederci sugli allori. La sfida che abbiamo davanti è impressionante», ha commentato il presidente dell'Opec e ministro dell'Energia algerino Mohamed Arkab.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Basta petrolio!!!!! Non se ne possono più dei danni che causa!!!
Heinz 1 anno fa su tio
@Canis Majoris Purtroppo non é possibile una transizione immediata, occhio che la cura non diventi peggio del male in quanto a danni ambientali. Questa crisi ha evidenziato una cosa: si puó vivere e lavorare senza voli intercontinentali frequenti, si può limitare il numero di km in auto senza perdere qualità della vita o opportunità di lavoro entro certi limiti. Manca un passo importante: produrre più in Europa e non muovere milioni di tonnellate di merci dall'Asia. Uno Smart phone, un televisore, un computer, un paio di scarpe etc etc non fatto in Cina é quasi impossibile da comprare.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
UNIONE EUROPEA
6 ore
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
REGNO UNITO
9 ore
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
11 ore
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
13 ore
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
16 ore
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
TICINO / SVIZZERA
19 ore
I lingotti ticinesi di PAMP si fondono... con MKS
La nuova azienda impiegherà circa 270 persone in tutta la Svizzera, di cui 200 in Ticino
Francia
1 gior
Wish è stato bannato dai motori di ricerca
La decisione arriva in seguito al rilevamento di un numero ingente di prodotti non conformi alla legge e pericolosi
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey non è più a capo di Twitter
Il creatore del celebre social abbandona la poltrona di Ceo sostituito dal CTO Parag Agrawal
SVIZZERA
1 gior
Black Friday, quest'anno meno acquisti rispetto al 2020
Le difficoltà di approvvigionamento possono aver pesato sul più grande evento promozionale dell'anno
SVIZZERA
1 gior
Domanda alta, offerta bassa: schizzano i prezzi di beni e servizi
I prezzi sono cresciuti, e pesano in particolare i combustibili: la benzina fa registrare un +26,3% su base annua
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile