Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
FRANCIA
29.05.20 - 19:240

La conferma: Renault taglia 15mila posti di lavoro

Il sindacato CFDT ha denunciato una «rottamazione sociale» e garantito che «si farà sentire con tutti i mezzi»

PARIGI - Scure su Renault. Come trapelato nei giorni scorsi, la casa automobilistica simbolo della Francia, in gravi difficoltà finanziarie aggravatesi con la guerra al coronavirus, ha annunciato oggi la soppressione di circa 15'000 posti di lavoro nel mondo, di cui 4'600 in Francia, nel quadro di un piano di risparmi di circa 2 miliardi di euro in tre anni.

Mentre i sindacati annunciano battaglia e il titolo cede in borsa, il presidente del gruppo, Jean-Dominique Sénard, assicura che la direzione intende «chiudere un solo sito entro il 2022, sui nostri 14 siti industriali in Francia». Si tratta dello stabilimento di Choisy-le-Roy, nel dipartimento di Val-de-Marne, la cui attività di riciclaggio della componentistica verrà trasferito a Flins, nel dipartimento delle Yvelines.

Da parte sua, la direttrice generale, Clotilde Delbos ha definito il progetto "vitale", anche per rilanciare l'alleanza con Nissan nel dopo Carlos Ghosn. «Oggi paghiamo il tributo di una strategia che scommetteva su una crescita record del mercato», ha deplorato Delbos, criticando implicitamente l'ex n.1 di Renault, condannato per frode fiscale in Giappone e poi rifugiatosi in Libano dopo la rocambolesca fuga dello scorso anno in mondovisione.

Ma il rilancio del colosso automobilistico, tra i fiori all'occhiello dell'industria europea, sarà anche una prima grande sfida per il maxi-manager italiano, Luca De Meo, che dal primo luglio assumerà ufficialmente l'incarico di amministratore delegato.

In mattinata, il sindacato CFDT ha denunciato una «rottamazione sociale» e garantito che «si farà sentire con tutti i mezzi». Il piano di ristrutturazione della cosiddetta 'Régie' di Boulogne-Billancourt, prevede il taglio di «circa 4'600» posti in patria, su 48'000 e «oltre 10'000» nel resto del mondo. Si fonda essenzialmente "su misure di riconversione, mobilità interna e uscite volontarie", assicura il gruppo in una nota.

Parte dei dipendenti sulla via della pensione non verrà sostituito ma non sono annunciati licenziamenti in tronco. Renault è proprietario di cinque marchi (Renault, Alpine, Dacia, Lada e Samsung Motors). Come richiesto all'amministrazione dal presidente Emmanuel Macron, la tutela del lavoro e dei siti francesi sarà massima. Del resto, si trattava di una delle condizioni fondamentali per ottenere il mega-prestito di 5 miliardi di euro garantito dallo Stato al colosso in crisi.

La strategia include lo stop della produzione a Flins (Yvelines), esaurita la catena di Zoe, dopo il 2024. Lo stabilimento, che conta attualmente 2'600 dipendenti, verrà riconvertito e recupererà l'attività del sito in via di dismissione di Choisy-le-Roi, che occupa attualmente 260 addetti al riciclaggio di pezzi. Resta in sospeso l'avvenire di Fonderie de Bretagne, con circa 400 dipendenti, a Caudan, con un'annunciata "revisione strategica". Stessa cosa a Dieppe, che occupa circa 400 persone.

Renault dice di voler aprire «una riflessione sulla riconversione della fabbrica, finita la produzione dell'Alpine 110». Tra i primi grattacapi a cui De Meo dovrà trovare una risposta. Prevista inoltre la fusione dei siti di Douai e Maubeuge, nel nord della Francia, per creare un centro d'eccellenza di auto elettriche e utilitarie leggere. La produzione dei veicoli utilitari elettrici Kangoo dovrebbe trasferirsi a Douai. A livello internazionale, Renault punta a sospendere «progetti di aumento delle capacità previsti in Marocco e in Romania».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
13 min
L'Unione degli imprenditori vuole promuovere il lavoro oltre la pensione
Perché, vista l'evoluzione demografica, si teme una carenza di manodopera nei prossimi anni
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Affitti, in calo nel 2021 (soprattutto negli edifici vecchi)
Le tendenze a livello nazionale sono state di -0.3% per gli stabili nuovi e -1.7% per quelli più vetusti
STATI UNITI
5 ore
Anche se mancano le materie prime, Apple è comunque da record
Per l'azienda della Mela ricavi in crescita a 123 miliardi, grazie agli iPhone ma soprattutto ai Mac e agli abbonamenti
STATI UNITI
6 ore
Tonfo di Tesla a Wall Street, Musk scommette sui robot
Bruciati, in una sola seduta, ben 109 miliardi.
STATI UNITI
7 ore
La crisi delle criptovalute contribuisce al flop dell'asta di Melania
Il fortunato compratore si è portato a casa tre oggetti per un valore inferiore all'offerta di apertura
SVIZZERA
20 ore
«Nessuna penuria d'elettricità in vista, in Svizzera»
I prezzi però continuano ad aumentare, ha spiegato la Commissione federale dell'energia elettrica (Elcom)
SVIZZERA
1 gior
Gli orologi svizzeri non sono mai andati meglio all'estero
Nel 2021 è stato superato anche l'esercizio del 2014, che era il migliore di sempre
REGNO UNITO
1 gior
EasyJet riprende quota, e sorride in vista dell'estate
«L'offerta è vicina ai livelli pre-pandemici del 2019», ha spiegato il Ceo Johan Lundgren
EURASIA
1 gior
Pressioni della Cina sulla Lituania, Bruxelles si rivolge al WTO
L'Unione europea ha denunciato all'Organizzazione Mondiale del Commercio il comportamento della Cina
STATI UNITI
1 gior
Menù "gentili" che fanno raddoppiare la scelta di un piatto vegetale
Il World Resources Institute ha condotto una ricerca su seimila persone a cui venivano proposte due liste diverse
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile