KEYSTONE
Un lunedì nero per le borse in Europa.
EUROPA
04.05.20 - 20:120

Un lunedì nero per le borse in Europa: colpa delle tensioni tra Washington e Pechino

Solo Londra è riuscita a limitare le perdite, Parigi la piazza peggiore

MILANO - Lunedì nero per le borse europee. Mentre l'Italia e la Germania riaprono con cautela, le piazze finanziarie del Vecchio Continente affondano e bruciano 195 miliardi di euro.

A pesare sono le nuove tensioni fra Stati Uniti e Cina, con Washington che accusa Pechino per il coronavirus e minaccia nuovi dazi.

Dalla forte ondata di vendite in Europa si salva solo Londra che limita le perdite allo 0,16%. Parigi maglia nera chiude in calo del 4,24%, Francoforte del 3,64% e Madrid del 3,60%. Piazza Affari perde il 3,70% nonostante lo spread in calo a 232,8 punti dopo una fiammata a 240 punti in apertura.

Fra i titoli più pesanti Cnh che perde il 6,5% e Fca il 5,6%. La casa automobilistica risente del crollo delle vendite di aprile in Italia, scese del 96,3% portando a -50,39% le immatricolazioni del gruppo nei primi quattro mesi dell'anno.

Debole anche Wall Street che procede in calo. La performance peggiore sui listini americani è quella delle compagnie aeree, che accusano perdite a doppia cifra dopo essere state scaricate da Warren Buffett e dopo che il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin ha paventato l'ipotesi che le restrizioni ai viaggi internazionali da Europa e Cina potrebbero restare in vigore per l'intero anno.

Pesano le tensioni Usa-Cina - Le borse risentono del riaccendersi delle tensioni fra le due superpotenze mondiali, con l'amministrazione Trump che - secondo indiscrezioni - lavora a misure di ritorsione contro Pechino per aver inizialmente nascosto e minimizzato il virus.

Fra le ipotesi sventolate dal presidente americano ci sono nuovi dazi, ipotesi che molti analisti non ritengono perseguibile alla luce dello stato di salute dell'economia mondiale. Un'economia che si è fermata e sulla quale aleggiano molte incertezze su una ripartenza a varie velocità.

Un quadro che penalizza anche il petrolio. le quotazioni sono rialzo ma i prezzi restano al palo di fronte a una domanda ai minimi e che, in prospettiva, salirà a ritmi solo contenuti nei prossimi mesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
9 ore
Alle stelle i prezzi delle auto usate
Visto il rallentamento delle auto nuove (causa mancanza di chip) la domanda si è spostata sull'usato
GIAPPONE
10 ore
Il Governo giapponese valuta la settimana lavorativa di quattro giorni
Tuttavia, l'opzione (volontaria) è accolta con scetticismo dagli esperti
SVIZZERA
14 ore
Il mercato ipotecario si fa più trasparente
Le serie temporali della BNS includeranno nuovi dati basati su un'indagine condotta sui prestiti individuali.
ITALIA
18 ore
L'Italia vince (e guadagna)
L'entusiasmo che circonda gli Azzurri ha un importante risvolto economico per la Figc.
SVIZZERA
1 gior
Sono anni che le banche svizzere non assumevano così
La graduale uscita dalla pandemia ha portato un aumento notevole nel personale bancario e finanziario elvetico
AUSTRALIA
2 gior
La guerra del vino tra Australia e Cina
Il governo di Canberra presenterà un reclamo al WTO, ma Pechino si difende e contrattacca
SVIZZERA
2 gior
La Svizzera sta già tornando alla normalità
Sabine D'Amelio-Favez ritiene che non sia necessario un pacchetto di stimoli
STATI UNITI
2 gior
I super Paperoni che schivano (legalmente) le tasse
Patrimoni a nove (e più) zeri e imposte irrisorie. Ed è tutto perfettamente in regola.
SVIZZERA
3 gior
ABB, un congedo parentale senza più distinzioni fra generi
La misura fa parte della strategia di inclusione e diversità lanciata dall'azienda
SVIZZERA
3 gior
Le assunzioni ripartono «in massa», ma non si trovano «candidati idonei»
Si cerca tanto, ma spesso senza successo. Lo indica una ricerca del gruppo Manpower
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile