Deposit
REGNO UNITO
04.02.20 - 13:230
Aggiornamento : 13:59

Nel 2035 stop alla vendita di auto diesel e benzina nel Regno Unito

Lo ha dichiarato oggi Boris Johnson, presentando a Londra gli eventi della Cop26

LONDRA - Il Regno Unito anticiperà al 2035 il divieto di vendita di nuove auto diesel e benzina, inizialmente previsto per il 2040. Lo ha annunciato il premier britannico Boris Johnson, presentando a Londra gli eventi della Cop26 insieme al premier italiano Giuseppe Conte, e ricordando tra l'altro di essere stato «un sindaco visionario» per aver promosso le auto elettriche a Londra durante il suo mandato.

La misura sui veicoli fa parte dell'obiettivo del Regno Unito di emissioni zero entro il 2050: «Durante tutto quest'anno (in cui Londra presiede la Cop26), inviteremo gli altri Paesi a unirsi a noi», ha aggiunto Johnson.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 1 anno fa su tio
Il progresso va giustamente in quel senso e penso che non si torni indietro. Ovviamente bisognerà partire dal settore pubblico e dalle aziende private, sussidiando invece le fasce più deboli nella fase del cambiamento. Mi sembrano peraltro penosi e ripetitivi i commenti di certi hater che non perdono occasione di insultare una ragazzina e quei governi che, di diversamente da altri, dispongono di strategie a lungo termine in difesa dell'ambiente
miba 1 anno fa su tio
Finalmente uno tra i pochi che parla poco ma concretamente fa qualcosa!
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Ottimo!!!! Così sono già 6 i paesi europei che diranno addio alle stufe a 4 ruote!!!????????????????
Thor61 1 anno fa su tio
Ed ecco un bel modo di perdere consensi, contento lui!!!
Canis Majoris 1 anno fa su tio
@Thor61 Guarda che così li prende i consensi! La maggior parte della gente pretende un cambiamento! Solamente un piccolo 10/15% è contrario all’elettrificazione
Thor61 1 anno fa su tio
@Canis Majoris Hai ragione, lo vedo dai commenti di questo blog, tutti contro le auto a motore termico!!! Non è perchè TU giri con la macchina elettrica che indica che tutti siano pro elettrico! Grazie per la risata, i dati finali di cui parli, saranno solo gli OBBLIGHI a portare l'elettrificazione e tutte le conseguenze gravi che porterà con se, ma alla tetesca non frega nulla, lei DEVE recuperare il denaro speso, con le truffe e con l'elettrico!!!
Galium 1 anno fa su tio
@Canis Majoris Sono completamente d'accordo, ma purtroppo c'e troppa gente che vede la pagliuzza nell'occhio altrui e ignora la trave nel proprio, dimenticando gli enormi interessi di quei settori privati e pubblici che temono una svolta globale in senso ecologico. Purtroppo costoro considerano solo i maggiori costi nel breve periodo per le loro aziende, ignorando i vantaggi a lungo termine per la collettività.
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
certo caro Boris, se il prezzo delle EV scende a favore di un pubblico povero… se questa strategia penalizza i poveri, costretti ad utilizzare mezzi pubblici e perdere il privilegio dell'indipendenza e qualità di vita allora tale progetto non è più sostenibile. È drammatico come molti verdi/ambientalisti non capiscano il concetto di sviluppo sostenibile. La cosa che mi disgusta è la penalizzazione del popolo per strategie ambientali che dapprima dovrebbero gravare sul settore pubblico e aziende private; questi due dovrebbero essere i primi a sostituire il loro parco veicoli, poi il resto della società, con sussidi per chi non dispone dei mezzi necessari
jena 1 anno fa su tio
BP sarà contenta...
pontsort 1 anno fa su tio
I politici con le palle sono proprio quello che manca a noi
Bayron 1 anno fa su tio
Ma questo è diventato Gretino.
Nazgul 1 anno fa su tio
@Bayron Certo che hai proprio paura di 'sta ragazzina.
ugobos 1 anno fa su tio
@Bayron quello é un duro altro che.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
2 ore
L'aeroporto di Zurigo è il migliore in Europa
Clienti soddisfatti e servizi di qualità: lo scalo ha ottenuto (di nuovo) il World Travel Award
STATI UNITI
5 ore
Undici Picasso all'asta per 110 milioni di dollari
Si tratta di opere che ornavano il noto Bellagio Hotel, a Las Vegas
NIGERIA
8 ore
eNaira, la Nigeria lancia la sua moneta virtuale
Si tratta della forma digitale della Naira, la moneta fisica nazionale
MONDO
1 gior
Mai così tante persone sui social media
Spicca la crescita di TikTok, che è riuscita a raggiungere più di un miliardo di utenti in soli cinque anni
REGNO UNITO
1 gior
«Siamo alla fine dell'esame, e il tempo sta per scadere»
Riguardo al clima rimangono le domande più difficili, e non c'è tempo. Lo sostiene il deputato Alok Sharma
SVIZZERA / MONDO
2 gior
Il (breve) sorpasso del bitcoin sul franco svizzero
Il traguardo, in termini di capitalizzazione di mercato, è stato raggiunto durante il recente scatto della criptovaluta
DANIMARCA
2 gior
La casa di "Mamma ho perso l'aereo" in versione LEGO
Il set, in vendita da novembre, comprende ben 3'995 pezzi, e cinque personaggi
Francese
3 gior
Big John è stato battuto all'asta per 6,6 milioni di euro
È il più grande triceratopo mai rinvenuto. Vissuto 66 milioni di anni fa, oggi ha trovato la sua nuova casa
STATI UNITI
3 gior
Elon Musk potrebbe essere il primo “trilionario” della storia
A permettere al magnate americano di superare la soglia dei dodici zeri la crescente fortuna della sua SpaceX
STATI UNITI
3 gior
Più di Instagram e WhatsApp, l'offerta "monstre" è per Pinterest
PayPal starebbe valutando l'acquisizione del social network fotografico per circa 39 miliardi di dollari.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile