Immobili
Veicoli
Keystone
STATI UNITI
26.11.18 - 18:380

General Motors chiude sette impianti e taglia il 15% dei posti di lavoro

Colpite cinque fabbriche in Nord America e due fuori. Il sindacato: «Chiudono qui e si rafforzano in Messico»

NEW YORK - General Motors ridurrà la propria forza lavoro in nord America del 15%, tagliando di fatto 14.700 posti. General Motors potrebbe anche chiudere cinque impianti in Nord America entro la fine del prossimo anno. Lo riporta la stampa americana.

Quattro stabilimenti negli Stati Uniti e uno in Canada potrebbero essere chiusi alla fine del 2019 nel caso in cui non fosse raggiunto un accordo con i sindacati per allocare maggiore lavoro in questi impianti.

Produzione chiusa anche in due impianti fuori dal nord America - Il piano di riorganizzazione di General Motors prevede un possibile stop della produzione entro il 2019 anche in due impianti fuori dal Nord America. Lo afferma Gm in una nota.

«Oltre alla già annunciata chiusura dell'impianto di Gunsan, in Corea del Sud, Gm cesserà le operazioni in altri due impianti fuori dal Nord America entro la fine del 2019», mette in evidenza lil comunicato.

I due impianti internazionali si vanno così ad aggiungere ai cinque nel mirino in nord America - quattro negli Stati Uniti e uno in Canada - portando così il bilancio delle possibili chiusure a sette stabilimenti. L'obiettivo è risparmiare 6 miliardi di dollari in modo da posizionare Gmper far fronte a un rallentamento sul mercato interno e a una guerra commerciale.

Il sindacato attacca: «Si rafforzano in Messico» - Lo United Auto Workers, il sindacato dei metalmeccanici americano, dichiara guerra a General Motors e alla sua decisione di fermare la produzione in alcuni impianti negli Stati Uniti.

«La decisione spietata di Gm di ridurre o fermare le operazioni in impianti americani, aprendo o aumentando quella negli stabilimenti in Messico e in Cina, danneggia profondamente i lavoratori americani» afferma il vice presidente del Uaw, Terry Dittes. «Le decisioni di Gm, alla luce delle concessioni ottenute durante la crisi e il salvataggio con soldi pubblici, mettono i profitti prima della famiglie che lavorano».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
8 ore
Responsabilità digitale delle aziende, la prima etichetta è svizzera
L'obiettivo del marchio? Far sentire i clienti sicuri nell'uso della tecnologia digitale
SPAGNA
10 ore
Vai a vivere da solo? Lo Stato ti aiuta con 250 euro al mese
Il Governo spagnolo ha deciso di andare incontro ai giovani che tentano di vivere in maniera indipendente
STATI UNITI
13 ore
Warcraft, Call of Duty, Candy Crush: ora è tutto di Microsoft
Una decisione per investire ulteriormente sui videogiochi, ma anche sullo sviluppo del metaverso
STATI UNITI
14 ore
Quelle antenne 5G fuori dagli aeroporti che preoccupano le compagnie Usa
Rischiano di interferire con radar e altimetri, rendendo l'atterrare col maltempo difficile: «Rischiamo lo stop totale»
SVIZZERA
17 ore
Le vendite di cioccolato tornano ai livelli pre-Covid
Nel 2021 i ricavi di Lindt & Sprüngli hanno raggiunto i 4,6 miliardi di franchi
SVIZZERA
18 ore
Oltre 200 milioni di pacchi in un solo anno, è record
Il gigante giallo ha pur creato 809 nuovi impieghi a tempo pieno nel 2021
SVIZZERA
21 ore
La prima intervista ad Axel Lehmann: «Io un presidente di transizione? Lasciatemi lavorare»
Le parole del nuovo “boss” del Cda di Credit Suisse in un'intervista: «La strategia non cambierà»
ASIA
23 ore
Tornano a circolare i treni tra Cina e Corea del Nord
È dall'inizio della pandemia che Pyongyang aveva chiuso del tutto i propri confini
LE FOTO
EMIRATI ARABI UNITI
1 gior
"Enigma", il misterioso diamante nero va all'asta
Le sue origini? Ancora enigmatiche, potrebbe essersi formato quando un meteorite ha colpito la Terra
SVIZZERA
1 gior
Una commessa fino a quattro miliardi di euro per Stadler Rail
È la più importante degli 80 anni di storia del costruttore ferroviario elvetico
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile