AFP / Keystone
+6
AFGHANISTAN
16.08.21 - 12:100
Aggiornamento : 22:55

L'incertezza inghiotte l'Afghanistan e i suoi possibili futuri

La riconquista talebana del Paese getta l'intera regione nell'instabilità. Ma le sue implicazioni travalicano i confini

KABUL - La magnitudo della caduta di Kabul è di quelle che si possono percepire ai quattro angoli del globo. La conquista della capitale afghana da parte delle milizie talebane, che ieri hanno proclamato la nascita dell'Emirato Islamico di Afghanistan, sprigiona un ampio velo d'incertezza geopolitica che si espande ben oltre gli orizzonti visibili dalle cime dell'Hindu Kush.

Solo una settimana fa, fonti dei servizi d'intelligence degli Stati Uniti pronosticavano la possibile conquista di Kabul da parte delle colonne talebane in un periodo che andava da un mese a 90 giorni. Ma in pieno contrasto con la natura impervia di quei territori, il ventre molle del Paese non ha saputo opporre alcuna resistenza contro l'avanzata delle milizie. Così, il sipario sulla riconquista talebana è già calato. E nessuno sembra ora in grado di prevedere cosa succederà nel prossimo futuro. In Afghanistan e, in parte, fuori dai suoi confini.

Un orizzonte ancora indecifrabile
Si è parlato di una transizione «pacifica» dei poteri, con tanto di garanzie da parte dei talebani sul fatto che i rappresentanti diplomatici stranieri, inclusi quelli delle «forze occupanti», non saranno toccati. Mentre in Afghanistan si spara, in Qatar si negozia. I tavoli a cui siedono i rappresentanti delle forze talebane e quelli di altri Paesi - tra cui Stati Uniti, Regno Unito e alcuni vicini quali Pakistan e Cina - sono però piuttosto scricchiolanti e non permettono per il momento di escludere dallo scenario alcuna opzione. Neanche quella di una guerra civile.

Muovendosi al di fuori delle frontiere afghane, il primo sguardo è inevitabilmente rivolto a Washington. Il ritiro delle truppe a stelle e strisce - deciso con la firma dei due accordi di Doha e Kabul, il 29 febbraio 2020 - aveva sin da subito collocato il governo afghano in una posizione di sfavore. Politicamente, quello ottenuto dalla Casa Bianca è un risultato in chiaroscuro, che crea difficoltà ai suoi rivali ma per il quale gli americani dovranno anche sopportare quell'indice puntato contro. La "vergogna" in cambio dell'instabilità che si riverbera nella regione e che creerà non poche preoccupazioni a Cina, Russia e Iran. E poi resta sul tavolo l'incognita del terrorismo islamista, che potrebbe trovare nella nuova realtà afghana un terreno fertile per proliferare.

La pressione anche sui confini europei
Ma anche l'Europa guarda con inquietudine a quanto sta accadendo rapidamente nel Paese centro-asiatico. La situazione in "caduta libera" ha innescato la fuga di migliaia di persone che potrebbero affacciarsi alle frontiere degli Stati del vecchio continente per cercare un rifugio. Ma non tutte le porte si annunciano aperte. Ci sono Grecia, Austria e Belgio che mantengono la linea dura in netta opposizione alla volontà di bloccare i rimpatri espressa dalla Commissione europea. In questa lista c'erano fino a pochi giorni fa anche Germania, Danimarca e Paesi Bassi, che però hanno annunciato un passo indietro. Sul fronte opposto si è invece subito schierato il governo albanese, che ha dato disponibilità ad accogliere alcune centinaia di rifugiati provenienti dall'Afghanistan.

keystone-sda.ch / STR (STRINGER)
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 ore
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
8 ore
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
FOTO
STATI UNITI
11 ore
1 milione di cauzione per i genitori del ragazzo autore della strage nel liceo di Oxford
I due, che si erano dati alla macchia, sono accusati di omicidio involontario plurimo. I nuovi dettagli dell'inchiesta
STATI UNITI
16 ore
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
19 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
1 gior
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
1 gior
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
2 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
2 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile