Keystone
UNIONE EUROPEA
14.07.21 - 16:150
Aggiornamento : 16:46

La Commissione Ue ha adottato un pacchetto di proposte in materia di clima, energia e non solo

Tutte le proposte di Bruxelles per il Green Deal, fra queste anche lo stop alle auto con motore a scoppio dal 2035

BRUXELLES - Oggi la Commissione europea ha adottato un pacchetto di proposte per adeguare le politiche Ue in materia di clima, energia, uso del suolo, trasporti e fiscalità.

L'obiettivo: ridurre le emissioni nette di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. «Raggiungere questa riduzione delle emissioni nel prossimo decennio è fondamentale affinché l'Europa diventi il ​​primo continente a impatto climatico zero entro il 2050 e renda il Green Deal europeo una realtà» si legge nel comunicato di Bruxelles. Il pacchetto, che fornisce ai legislatori europei gli strumenti per conseguire gli obiettivi concordati nella legge europea sul clima, punta a un'ambiziosa trasformazione dell'economia e società continentali «per un futuro equo, verde e prospero».

Un insieme completo di proposte - Le proposte odierne consentiranno la necessaria accelerazione delle riduzioni delle emissioni di gas serra nel prossimo decennio. Combinano: l'applicazione dello scambio di quote di emissione a nuovi settori e un inasprimento dell'attuale sistema di scambio di quote di emissione dell'UE; maggiore utilizzo di energie rinnovabili; maggiore efficienza energetica; un'introduzione più rapida dei modi di trasporto a basse emissioni e delle infrastrutture e dei combustibili per sostenerli; un allineamento delle politiche fiscali con gli obiettivi del Green Deal europeo; misure per prevenire la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, e strumenti per preservare e far crescere i sink biosferici, ovvero i depositi di carbonio che contribuiscono a diminuire la quantità di CO2 nell'atmosfera.

Le quote di emissione - Il sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS) abbassa il tetto alle emissioni di determinati settori economici ogni anno. Ha ridotto con successo le emissioni della produzione di energia e delle industrie ad alta intensità energetica del 42,8% negli ultimi 16 anni. Oggi la Commissione propone di abbassare ulteriormente il tetto complessivo delle emissioni e di aumentare il tasso annuo di riduzione. La Commissione propone inoltre di eliminare gradualmente le quote di emissione gratuite per il trasporto aereo e di allineare con il sistema globale di compensazione e riduzione delle emissioni di carbonio per l'aviazione internazionale e d'includere per la prima volta nel sistema le emissioni dei trasporti marittimi. «Per far fronte alla mancanza di riduzioni delle emissioni nel trasporto stradale e negli edifici» aggiunge la Commissione Ue «è stato istituito un nuovo sistema separato di scambio delle emissioni per la distribuzione del carburante per il trasporto stradale e gli edifici. La Commissione propone inoltre di aumentare le dimensioni dei fondi per l'innovazione e la modernizzazione».

Per integrare la notevole spesa per il clima nel bilancio dell'UE, la Commissione auspica che gli Stati membri spendano la totalità delle entrate derivanti dallo scambio di quote di emissioni in progetti relativi al clima e all'energia. «Una parte dedicata delle entrate del nuovo sistema per il trasporto su strada e gli edifici dovrebbe affrontare il possibile impatto sociale sulle famiglie vulnerabili, le microimprese e gli utenti dei trasporti».

Riduzione della CO2 - Il regolamento sull'uso del suolo, la silvicoltura e l'agricoltura fissa un obiettivo generale dell'UE per la rimozione del carbonio da parte dei pozzi naturali, equivalente a 310 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 entro il 2030. Sarà necessario un'espansione dei propri sink biosferici da parte dei governi nazionali per raggiungere l'obiettivo. Entro il 2035, l'UE dovrebbe mirare a raggiungere la neutralità climatica nei settori dell'uso del suolo, della silvicoltura e dell'agricoltura, comprese anche le emissioni agricole non di CO2, come quelle derivanti dall'uso di fertilizzanti e dal bestiame. 

Energia sempre più verde - La produzione e l'uso di energia rappresentano il 75% delle emissioni dell'UE. Con la direttiva sulle energie rinnovabili si punta a produrre il 40% dell'energia da fonti rinnovabili entro il 2030. «Tutti gli Stati membri contribuiranno a questo obiettivo e vengono proposti obiettivi specifici per l'uso delle energie rinnovabili nei trasporti, nel riscaldamento e raffreddamento, negli edifici e nell'industria». Per ridurre il consumo energetico complessivo, ridurre le emissioni e affrontare la povertà energetica, la direttiva sull'efficienza energetica fisserà un obiettivo annuale vincolante più ambizioso per ridurre il consumo energetico a livello dell'UE. Il settore pubblico sarà tenuto a rinnovare il 3% dei suoi edifici ogni anno per guidare l'ondata di ristrutturazioni, creare posti di lavoro e ridurre il consumo di energia e i costi per i contribuenti.

Novità per il parco auto - «È necessaria una combinazione di misure per affrontare l'aumento delle emissioni nel trasporto su strada per integrare lo scambio di emissioni» afferma la Commissione Ue. Standard più rigorosi sulle emissioni di CO2 per auto e furgoni accelereranno la transizione verso una mobilità a emissioni zero richiedendo che le emissioni medie delle nuove auto diminuiscano del 55% dal 2030 e del 100% dal 2035 rispetto ai livelli del 2021. «Di conseguenza, tutte le nuove auto immatricolate a partire dal 2035 saranno a emissioni zero». Saranno aggiornati i regolamenti che dovrebbero consentire di creare una rete di rifornimento per le auto a zero emissioni, con punti di ricarica a intervalli regolari sulle principali autostrade: ogni 60 chilometri per la ricarica elettrica e ogni 150 chilometri per il rifornimento d'idrogeno.

Sono previsti cambiamenti anche nell'ambito dei combustibili per il trasporto aereo e marittimo. «Abbiamo bisogno di questo pacchetto equilibrato e delle entrate che genera per garantire una transizione che renda l'Europa equa, verde e competitiva, condividendo equamente le responsabilità tra i diversi settori e Stati membri e fornendo ulteriore sostegno ove appropriato» aggiungono da Bruxelles.

Una transizione socialmente equa - Mentre nel medio e lungo termine i benefici delle politiche climatiche dell'Ue «superano chiaramente i costi di questa transizione», le politiche climatiche rischiano di esercitare ulteriore pressione sulle famiglie vulnerabili, sulle micro-imprese e sugli utenti dei trasporti nel breve periodo. «La progettazione delle politiche nel pacchetto odierno quindi distribuisce equamente i costi per affrontare e adattarsi ai cambiamenti climatici».

Il Fondo sociale per il clima - Viene quindi proposto un nuovo Fondo sociale per il clima, per fornire finanziamenti dedicati agli Stati membri per aiutare i cittadini a finanziare investimenti in efficienza energetica, nuovi sistemi di riscaldamento e raffreddamento e mobilità più pulita. Verrebbe finanziato dal bilancio dell'Ue, utilizzando un importo equivalente al 25% delle entrate previste dello scambio di quote di emissioni per i combustibili per l'edilizia e il trasporto stradale. Il Fondo fornirà 72,2 miliardi di euro di finanziamenti agli Stati membri, per il periodo 2025-2032, sulla base di una modifica mirata del quadro finanziario pluriennale. «Con una proposta di attingere ai finanziamenti corrispondenti degli Stati membri, il Fondo mobiliterebbe 144,4 miliardi di euro per una transizione socialmente equa».

Le dichiarazioni - La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: «L'economia dei combustibili fossili ha raggiunto i suoi limiti. Vogliamo lasciare alla prossima generazione un pianeta sano, buoni posti di lavoro e una crescita che non danneggi la nostra natura. Il Green Deal europeo è la nostra strategia di crescita che si sta muovendo verso un'economia decarbonizzata. L'Europa è stato il primo continente a dichiararsi climaticamente neutrale nel 2050, e ora siamo i primissimi a mettere sul tavolo una tabella di marcia concreta». Aggiunge il commissario all'Economia Paolo Gentiloni: «I nostri sforzi per affrontare il cambiamento climatico devono essere politicamente ambiziosi, coordinati a livello globale e socialmente equi. Stiamo aggiornando le nostre regole di tassazione dell'energia vecchie di due decenni per incoraggiare l'uso di combustibili più ecologici e ridurre la concorrenza fiscale dannosa sull'energia. Questo è il momento definitivo, ora o mai più. Ogni anno che passa la terribile realtà del cambiamento climatico diventa più evidente: oggi confermiamo la nostra determinazione ad agire prima che sia davvero troppo tardi».

Greenpeace: il programma «non è adatto» - Greenpeace non è convinta della bontà del pacchetto approvato dalla Commissione europea. «Nonostante una serie di annunci accattivanti non è adatto ad affrontare la crisi climatica». Il direzione dell'organizzazione ambientalista per l'Europa, Jorgo Riss, ha spiegato che «l'intero pacchetto è basato attorno a un obiettivo troppo basso, non difende la scienza e non fermerà la distruzione dei sistemi di supporto vitale del nostro pianeta. Nonostante tutto il clamore, molte politiche non entreranno in vigore prima di dieci anni o più, come l'eliminazione graduale delle auto inquinanti a partire dal 2035, mentre altre alimenteranno effettivamente il problema, come la catalogazione della combustione di alberi come energia rinnovabile».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
spike3.0 2 mesi fa su tio
Facile che a parlare siano 2 che la GRANDE rivoluzione se la godranno da una dorata casa anziani...l'anzianità non sempre porta saggezza, spesso solo delirio...
vulpus 2 mesi fa su tio
Proclami che già in partenza non saranno concretizzabili. La conseguenza? Il soliti sistema di procedere di questa UE: se non raggiungi l'obiettivo paghi. Il solito ricatto economico per riempire le casse.Sarebbe tempo e ora di fare altri discorsi : abbiamo continuato a delocalizzare tutto in quei paesi dove non esiste alcuna regola in campo economico , sociale e produttivo. Il tutto deve essere prodotto ai prezzi più bassi possibili. Questo inoltre produce indirettamente i trasporti gli smaltimenti irrispettosi del globo.E non parliamo poi dell'impoverimento di conoscenze oramai dilagante in tutti quei paesi che fino all'altro giorno venivano definiti...industrializzati.
seo56 2 mesi fa su tio
ECOISTERIA di massa! Mai nella mia vita una “bidone” elettrico! L’UE é fuori di testa e la Svizzera non è da meno.
Lore61 2 mesi fa su tio
@seo56 Hai ragione, continua con la tua stufa a 4 ruote, e se ti capita di voler gareggiare con una elettrica, lascia perdere, ti farebbe mangiare polvere... XD
Peter Parker 2 mesi fa su tio
Un nuovo business da sfruttare al massimo, il green deal. Ma chi paga per questa rivoluzione???? Ma chi??? Ma se ci lamentiamo di pagare 150.-- per un PCR!!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CONFINE
53 min
Nubifragio a Malpensa, aerei nel caos
Decine di persone intrappolate in auto. Lo scalo varesino è chiuso e i voli sono dirottati altrove
ITALIA
4 ore
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
ITALIA
6 ore
Berlusconi respinge la visita psichiatrica: «Lesiva della mia onorabilità»
Il leader di Forza Italia respinge la richiesta dei giudici milanesi: «Si proceda in mia assenza»
AFGHANISTAN
10 ore
La fuga di Ghani? Ha rovinato l'accordo con i talebani
Lo sostiene il rappresentante speciale Usa Zalmay Khalilzad
FOTO
Francia
11 ore
Personale sanitario: sospesi in 3'000 perché senza vaccino
L'entrata in vigore della misura ha generato diverse manifestazioni anti-pass. Decine le richieste di dimissioni
Francia
14 ore
Temporali nel sud, nove morti
Nonostante le condizioni meteorologiche avverse, in molti avevano comunque deciso di andare al mare
MALI / FRANCIA
15 ore
È stato neutralizzato il capo jihadista Al-Sahrawi
Al-Sahrawi era a capo dello Stato islamico del Gran Sahara, sulla sua testa c'era una taglia da 5 milioni
VATICANO
16 ore
Papa Francesco, i cardinali No Vax...e quello infetto
Bergoglio ha dichiarato che si tratta di una minoranza e che «bisogna aiutarli», poiché «hanno paura»
STATI UNITI
17 ore
Assume un killer per farsi uccidere, ma sopravvive
Un legale della Carolina del Sud voleva che il figlio incassasse l'assicurazione sulla vita da 10 milioni
STATI UNITI
1 gior
Bambini affetti da Covid-19, è boom a settembre
Rari i ricoveri, ma gli esperti mettono in guardia: «Bisogna studiare le conseguenze a lungo termine»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile