keystone-sda.ch / STF (Tony Dejak)
+3
STATI UNITI
27.06.21 - 15:080

Parla Trump, un ritorno che ha il sapore della vendetta

L'ex presidente ha partecipato a un comizio in Ohio per Max Miller. Ma il mirino si è spostato rapidamente su altro

Trump non ha ancora annunciato se si candiderà o meno per le elezioni presidenziali del 2024. Ma la campagna, ha assicurato, è già iniziata: «Ci riprenderemo Camera e Senato».

WELLINGTON - Donald Trump riparte da Wellington. L'ex presidente degli Stati Uniti ha scelto il piccolo villaggio, a meno di un'ora di auto da Cleveland, per tornare a far sentire la sua voce. L'obiettivo del comizio era sostenere la campagna di Max Miller in vista delle elezioni parlamentari del 2022, ma il mirino dell'ex inquilino della Casa Bianca si è poi inevitabilmente orientato contro i suoi avversari politici.

Di fronte a migliaia di persone che sfoggiavano cartelli e cappellini con gli slogan "Save America" e "Make America Great Again" a lui tanto cari, Donald Trump è tornato a parlare delle elezioni presidenziali dello scorso novembre, insistendo sul fatto di averle vinte. «Le elezioni del 2020 sono state truccate». Elezioni che «abbiamo vinto in modo schiacciante», ha detto alla folla, che ha subito risposto intonando cori da stadio: «Ha vinto Trump!».

Quello dell'ex presidente è stato a tutti gli effetti un comizio di ritorno con un marcato retrogusto di vendetta. E anche se non ha ancora esplicitamente sciolto le riserve riguardo a una sua possibile candidatura per il 2024, Trump ha però fatto capire ai suoi "tifosi" che la campagna è già partita. «Vinceremo nel 2022 e nel 2024» e «ci riprenderemo Camera e Senato», ha detto, definendo come una «completa catastrofe» questi primi mesi dell'Amministrazione Biden che «sta distruggendo la nazione sotto i nostri occhi».

Nella linea di tiro però non trova posto solo chi lo ha rimpiazzato alla Casa Bianca ma anche chi ha votato contro di lui in occasione del secondo impeachment innescato dall'assalto al Campidoglio del 6 gennaio scorso. In quell'occasione furono ben 10 i senatori repubblicani che votarono a favore della messa in stato di accusa del presidente che, pochi giorni dopo, avrebbe lasciato il Distretto di Columbia. E Trump ha promesso che farà campagna contro ognuno di loro.

keystone-sda.ch / STF (Tony Dejak)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Princi 5 mesi fa su tio
ti aspettiamo
Peter Parker 5 mesi fa su tio
I repubblicani si riprenderanno camera e senato senza problemi. I democratici stanno rendendo questo risultato molto facile. In questi 6 mesi, nonostante la protezione dei media, Biden e la sua amministrazione ha perso consensi in modo costante. Riguardo alle elezioni passate, ci sono delle audit in corso in alcuni Stati ed i risultati saranno presto resi pubblici. E’ comunque interessante notare come i democratici abbiano tentato di tutto per fermare queste audits….come se ci fosse qualcosa da temere? Se tutti i nemici di Trump dicono che le elezioni sono state regolarissime, allora perché tanta opposizione a queste audits?
seo56 5 mesi fa su tio
💪💪💪💪💪
Ro 5 mesi fa su tio
Mi sa che ha ragione. Non dovevano annullare tutto quello che ha fatto, anche se la maggior parte era da annullare. Sono errori che non dovrebbero essere fatti.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
12 ore
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
15 ore
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
LIVE
MONDO
LIVE
La variante Omicron è sbarcata anche in Canada
Sono stati rilevati due casi che riguardano due persone arrivate di recente dalla Nigeria
ITALIA
1 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
1 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
1 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
CINA
1 gior
«Profondamente preoccupato per Peng Shuai»
Il presidente della Wta Steven Simon non è tranquillo sulle condizioni della tennista cinese.
SUDAFRICA
1 gior
Tutti in fuga da Omicron
Fuggi fuggi generale tra i viaggiatori che stanno cercando di prendere gli ultimi voli per abbandonare il Sudafrica.
Stati Uniti
1 gior
La pillola di Merck è meno efficace del previsto
La Food and drug amministration si è attivata per capire se l'uso di questo farmaco dovrebbe essere limitato
MESSICO
2 gior
Freni rotti, poi lo schianto. Sono 19 le vittime
L'incidente sembra essere stato causato dalla rottura dei freni del veicolo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile