AFP
STATI UNITI
06.05.21 - 11:100
Aggiornamento : 16:19

Vaccini e brevetti, si riapre una vecchia ferita

Gli Stati Uniti favorevoli alla sospensione sui sieri anti-Covid. Una posizione che ha deluso le case farmaceutiche.

Katherine Tai, rappresentante per il commercio Usa: «Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di Covid-19 richiedono misure straordinarie».

WASHINGTON D.C. - La presa di posizione degli Stati Uniti è di quelle che fanno rumore e non lasciano nessuno indifferente: favorevoli a sospendere i brevetti sui vaccini anti-Covid.

L'Organizzazione mondiale della sanità l'ha definita, senza tanti giri di parole, una decisione storica. Le case farmaceutiche, sul fronte opposto, si sono dette - come era facilmente pronosticabile - deluse dalle parole "pronunciate" ieri per conto di Washington da Katherine Tai, rappresentante per il commercio del Paese a stelle e strisce. «Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di Covid-19 richiedono misure straordinarie. L'Amministrazione crede fermamente nell'importanza della proprietà intellettuale, ma per mettere fine a questa pandemia sostiene la rinuncia a questa protezione sui vaccini».

E quel «ma», e tutto ciò che ne segue, è di quelli che pesano. Soprattutto perché Kai ha confermato che la Casa Bianca si sta già adoperando «attivamente» nei negoziati in corso presso l'Organizzazione mondiale del commercio «necessari affinché tutto questo avvenga». Negoziati che richiederanno del tempo e che dalle parti di Ginevra, dove ha sede la Federazione internazionale delle aziende farmaceutiche (IFPMA), sono stati probabilmente recepiti come uno schiaffo.

«Risposta semplice e sbagliata a un problema complesso»
«Siamo totalmente allineati con l'obiettivo di assicurare che i vaccini per il Covid-19 siano rapidamente ed equamente distribuiti in tutto il mondo - si legge nella presa di posizione pubblicata dall'IFPMA in risposta alle dichiarazioni americane -. Ma, come abbiamo più volte ripetuto, una sospensione è la risposta semplice ma sbagliata a un problema complesso». Al contrario, secondo la Federazione, la scelta di sospendere i brevetti «non permetterà di incrementare la produzione» ma sarà piuttosto fonte di altre «perturbazioni» nella distribuzione.

Per farla breve, la decisione degli Stati Uniti, secondo le case farmaceutiche, «non risponde alle vere sfide poste dal riuscire a vaccinare il mondo intero». Ma quali sarebbero quindi queste sfide? L'IFPMA ne indica alcune: eliminare le barriere commerciali; trovare una soluzione ai cosiddetti "colli di bottiglia" nelle catene di produzione (dovuti alla scarsità di alcuni componenti) e, non da ultimo, la volontà dei Paesi più ricchi nel condividere le proprie dosi di vaccino con quelli più poveri.

Brevetti e crisi: una vecchia ferita riaperta
Quello della sospensione dei brevetti è un dibattito che la pandemia ha riaperto come fosse una vecchia ferita, mai del tutto cicatrizzata. È giusto proteggere la proprietà intellettuale a ogni costo mentre si attraversa una crisi che cinge in una morsa il mondo intero? Nei Paesi del G7, secondo un recente sondaggio pubblicato dalla People's Vaccine Alliance, il 70% della popolazione si è detto favorevole alla sospensione per velocizzare la produzione di vaccini anche in altri Paesi.

Una richiesta di congelare temporaneamente la proprietà intellettuale sui preparati anti-Covid è stata presentata lo scorso autunno all'OMC da un centinaio di Paesi (con l'India e il Sudafrica in testa). La proposta si era scontrata però con l'opposizione delle nazioni più ricche. Tra le quali si contavano anche gli Stati Uniti, prima della storica retromarcia delle ultime ore.

A Bruxelles: «Pronti a discuterne»
Dopo lo slancio americano però qualcosa sembra essere cambiato anche nel Vecchio Continente. E sulla deroga discuteranno nel corso del prossimo fine settimana anche i leader europei in occasione di un summit informale a Porto. E in questo senso, la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha detto questa mattina che a Bruxelles si è «pronti a discutere qualsiasi proposta che affronti la crisi» pandemica «in modo efficace e pragmatico».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skypuma 4 mesi fa su tio
Ci sono tre industrie dove mai nessuno dovrebbe trarre vantaggi. Quella sanitaria (farmaceutica, cure mediche ecc.), quella della sicurezza (industria delle armi, eserciti, polizia, ecc.) e quella dell’istruzione. Quindi per me ben venga la decisione dell’amministrazione USA e anche quella brasiliana di voler sospendere i brevetti per i vaccini COVID-19!!!
Mattiatr 4 mesi fa su tio
@skypuma Il problema alla base è che nessuno, noi compresi, fa qualcosa senza trarne vantaggi. Se non ci sono dei guadagni i lavori non vengono fatti o vengono svolti male (esempio gran parte delle scuole). Io ritengo giusto per esempio che nei settori sanitari ci siano dei vantaggi anche rilevanti, perché sprona le aziende a sviluppare sempre nuovi medicamenti (guarda la velocità con la quale hanno fatto il vaccino covid). Ovviamente però in settori così delicati la sorveglianza statale (e non) deve essere massima.
Ro 4 mesi fa su tio
Buon giorno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
8 ore
Dieci civili vittime del drone: il Pentagono ammette
L'episodio è avvenuto poco prima del ritiro delle truppe Usa da Kabul
Egitto
11 ore
In progetto una ferrovia lunga 1'800 chilometri per attraversare il deserto
Firmato l'accordo per la costruzione della prima tratta con la multinazionale tedesca Siemens
STATI UNITI / CINA
13 ore
ll boom del traffico intercontinentale dei falsi certificati Covid
Le dogane Usa intercettano migliaia di pacchi provenienti dalla Cina
BELGIO
16 ore
Attentati di Bruxelles, Salah Abdeslam rinviato a giudizio
Sei dei 10 imputati sono alla sbarra anche per le stragi di Parigi del 2015
DANIMARCA
18 ore
Verso una nuova regolamentazione sulla caccia alle balene
Non sono mancate le risposte alle accuse sui social: «È solo che il nostro mattatoio è a cielo aperto»
RUSSIA
20 ore
I russi al voto, tra «censure», «scelte limitate» e «attacchi hacker»
Con l'esclusione dei maggiori oppositori, il partito di maggioranza - Russia Unita - punta a riconfermarsi
Stati Uniti
22 ore
In migliaia stipati sotto un ponte aspettano per attraversare il confine
Le condizioni igienico-sanitarie sono al limite, mancano acqua, cibo e una risposta concreta all'emergenza umanitaria
REP. DEMOCRATICA DEL CONGO
1 gior
Traumatizzati e dimenticati: sono gli orfani dell'Ebola
Molti faticano a ricostruirsi una vita a causa dello stigma sociale che circonda il morbo
CONFINE
1 gior
Nubifragio a Malpensa, aerei nel caos
Decine di persone intrappolate in auto. Lo scalo varesino è chiuso e i voli sono dirottati altrove
ITALIA
1 gior
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile