keystone-sda.ch (Yuri Gripas / POOL)
«La violenza delle armi in America è un'epidemia, una fonte di imbarazzo per il nostro Paese nel mondo» ha dichiarato Joe Biden.
STATI UNITI
08.04.21 - 20:460
Aggiornamento : 21:31

Le armi da fuoco sono «una fonte d'imbarazzo internazionale» per gli Usa

La mini-stretta dell'amministrazione Biden scontenta tutti, favorevoli e contrari al controllo di pistole e fucili

Il presidente ne è consapevole e assicura: «È solo un primo passo».

Fonte Ugo Caltagirone, Ansa
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

WASHINGTON - «"La violenza delle armi in America è un'epidemia, una fonte d'imbarazzo per il nostro Paese nel mondo». Joe Biden non usa mezzi termini nel presentare il giro di vite sulle armi da fuoco, attesissimo dopo le ultime stragi avvenute in Georgia e in Colorado.

«Basta preghiere» è il monito del presidente americano, che dal Giardino delle rose della Casa Bianca ha lanciato un chiaro monito: è l'ora di fermare questa violenza che ogni anno negli Stati Uniti uccide almeno 40mila persone. Le ultime vittime poche ore prima in una sparatoria in un'abitazione in South Carolina, dove per motivi ancora sconosciuti un ex giocatore di football americano prima di suicidarsi ha ucciso il suo medico, la moglie e i due nipotini della coppia di 5 e 9 anni.

La mini-stretta (che delude tutti)

«Tutto questo deve finire», ha affermato Biden, anche se in realtà quella annunciata per ora è una mini-stretta che, se fa infuriare la lobby delle armi, delude invece i tanti che stavolta speravano in una vera e propria svolta. L'inquilino della Casa Bianca lo sa, e ha assicurato come i decreti annunciati costituiscano solo «un primo passo». Come quello che limita la vendita delle cosiddette 'ghost guns', le pistole fatte in casa grazie al facile acquisto di kit fai da te. Armi che, non avendo il numero di serie, sono praticamente impossibili da tracciare e che ogni anno provocano tantissime vittime, anche in incidenti domestici in cui spesso sono coinvolti bambini o la cui causa è un suicidio.

Offensiva anche contro le bretelle utilizzate per fissare le pistole sul braccio e così stabilizzare l'arma mentre si spara: d'ora in poi queste pistole saranno classificate come fucili a canna corta, dunque soggette a controlli più severi. Il pacchetto prevede poi maggiori aiuti alle agenzie che si occupano della lotta alla violenza delle armi e la richiesta di rapporto complessivo sul traffico di armi negli Usa dal 2000 in poi.

No al divieto ai fucili d'assalto

Ancora una volta niente di niente, invece, sulla misura che davvero imprimerebbe un cambio di passo, salvando ogni anno decine e decine di vite umane: il divieto di vendere i fucili d'assalto ai privati, armi come i famigerati AK-47 o AR-15 ideate per i campi di battaglia e che invece sono state le responsabili delle più sanguinose stragi della storia degli Stati Uniti, anche le più recenti. Fucili semiautomatici nati per uso militare ma che circolano per le strade americane e che in molti stati Usa possono essere tranquillamente acquistati anche al supermercato. Biden ha quindi lanciato un appello al Congresso perché trovi finalmente il coraggio di decidere il bando di questi fucili, una misura che si è invano tentato di introdurre in maniera permanente fin dai tempi di Bill Clinton.

Il presidente americano ha anche invitato il Senato a varare le due leggi già approvate dalla Camera che inaspriscono i cosiddetti 'background check', i controlli su chi acquista armi per verificare se abbia precedenti penali o soffra di disturbi psichici. Biden sa che non sarà facile andare fino in fondo, memore anche delle enormi difficoltà che incontrò il pacchetto di misure che tentò d'introdurre Barack Obama. E la Nra, da sempre alleata di Donald Trump, è già sul piede di guerra: »Siamo pronti a combattere», afferma in un tweet.

Scontro sul secondo emendamento

Pronta la risposta di Biden: «Nessuno vuole violare il secondo emendamento, ma nessun emendamento della costituzione americana è permanente». Ma la lobby delle armi, per la quale il secondo emendamento è sacro, mette in guardia dal fatto che le misure proposte «potrebbero richiedere a cittadini rispettosi della legge di consegnare le armi di loro proprietà e potrebbero spingere gli stati a estendere i provvedimenti di confisca». Un riferimento anche all'invito di Biden agli stati Usa perchè promuovano le cosiddette 'red flags law', leggi che premettono di chiedere a un tribunale di togliere le armi dalle mani di chi viene ritenuto un pericolo per gli altri e per sé stesso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
15 min
Vigilia agitata per il "green pass"
Le norme per bar e ristoranti entreranno in vigore da domani. Ma la partita sui trasporti e la scuola è ancora aperta
MONDO
3 ore
Terza dose, tra chi ha già iniziato e chi ci pensa
Israele è partito domenica. La Germania pronta a iniziare a settembre. Italia e Francia ci pensano. La Svizzera osserva
FOTO
LIBANO
15 ore
Beirut, commemorazione e scontri
Il cordoglio per le vittime si è mescolato con momenti di elevata tensione
MONDO
17 ore
«Ritardare la terza dose, almeno fino a settembre»
Tedros Adhanom Ghebreyesus ha chiesto che per ora non vengano effettuati richiami, in nome dell'equità
ITALIA
17 ore
I cyber-criminali attaccano e l’Italia trema
Il riscatto richiesto sarebbe di cinque milioni di euro, tutto non sarebbe partito dalla Germania ma dalla Russia
PAESI BASSI
21 ore
Ransomware, Paesi Bassi sull'orlo di una crisi di sicurezza nazionale
Le società informatiche non riescono a soddisfare tutte le richieste che ricevono
Italia
22 ore
Spiagge italiane sotto sequestro, ecco dove non andare
Dall’inizio della stagione estiva i Carabinieri hanno effettuato controlli in 886 strutture
UCRAINA
22 ore
Con una granata al Governo: «Siete sotto sequestro!»
Un video mostra l'uomo armato agitarsi e discutere con un funzionario
GIAPPONE
1 gior
Il Giappone gioca la carta della vergogna: diffusi i nomi di chi viola le regole
I tre uomini non avevano rispettato l'obbligo di quarantena di ritorno dall'estero
LIBANO
1 gior
Un anno dopo l’esplosione, Beirut continua a sanguinare
Il disastro del porto, avvenuto alle 18.08 del 4 agosto 2020, ha esasperato la situazione già critica del Paese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile