Immobili
Veicoli
AFP
TURCHIA
07.04.21 - 17:030

Colloqui UE-Erdogan, niente sedia per Ursula von der Leyen: è polemica

Sul web è bufera nei confronti dell'accoglienza in Turchia della leader europea

Diversi europarlamentari hanno denunciato l'accaduto e criticato apertamente il governo di Erdogan

ANKARA - Quando il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha incontrato martedì i due Presidenti dell'Unione europea, Ursula von der Leyen e Charles Michel, un momento imbarazzante ha avuto luogo all'ingresso nel complesso presidenziale di Ankara: le due sedie sono state occupate da Erdogan e Michel, lasciando la leader europea in piedi e incerta su dove si sarebbe dovuta accomodare.

«Ehm», si vede poi mormorare Von der Leyen con un gesto verso i posti occupati. Le immagini della scena hanno fatto rapidamente il giro dei social media, e sono anche state riprese da diverse testate internazionali, causando polemiche e qualche scompiglio diplomatico.

Alla fine è stata fatta sedere su un divano beige, a una certa distanza, di fronte al Ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu, che occupa però un rango inferiore nel tipico protocollo diplomatico che si applica alle visite ufficiali.

Il Guardian sottolinea poi che tra i punti all'ordine del giorno c'era anche il rispetto dei diritti delle donne in Turchia, alla luce del ritiro del paese dalla convenzione di Istanbul sulla violenza di genere. Ciò che ha reso ancora più significativa l'immagine agli occhi di molti.

La Von der Leyen, tramite il suo portavoce, ha dichiarato oggi che è rimasta chiaramente sorpresa dalla situazione, che le ha fatto solo acuire ancor di più l'attenzione sulla disparità di genere. Inoltre, la Presidente ha dichiarato che «si aspetta che l'istituzione che lei rappresenta sia trattata con il protocollo richiesto», e ha quindi chiesto al suo team di prendere tutti i contatti necessari per garantire «che un tale incidente non si verifichi in futuro».

Nel mirino delle critiche, in parte, è finito anche Charles Michel. Per il momento, però, il suo portavoce che non ha risposto alle richieste di commento.

Le reazioni

Iratxe García Pérez, l'eurodeputata spagnola che guida il gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, ha espresso il proprio disappunto in un tweet: «Prima si ritirano dalla convenzione di Istanbul e ora lasciano la presidente della commissione europea senza un posto in una visita ufficiale. Vergognoso».

«"Ehm" è il nuovo termine per "non è così che dovrebbe essere la relazione UE-Turchia"» ha twittato invece Sergey Lagodinsky, membro tedesco del Parlamento europeo.

Anche la legislatrice olandese Sophie in 't Veld si è espressa sull'accaduto, notando che negli incontri precedenti tra Erdogan e i presidenti dell'Ue - che erano entrambi uomini - i tre leader erano seduti uno accanto all'altro, su tre sedie equivalenti. «Non è stato un errore, è stato deliberato», ha denunciato quindi l'eurodeputata.

Nel frattempo, su Twitter continuano ad essere utilizzati gli hashtag #GiveHerASeat e #ChairGate per discutere dell'accaduto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Questa è la parità di genere ?
Güglielmo 1 anno fa su tio
ahahah al maia kebab la fai al giöc dala cadrega...
madras 1 anno fa su tio
E poi lo vogliono portare nell’unione Europea, no comment
vulpus 1 anno fa su tio
Questi sono risultati a rincorrere nazioni come la Turchia, che poi pretenderebbe di aderire alla UE. Tagliare i ponti con queste nazioni , che dell'oppressione e della violenza ne fanno legge. La signora avrebbe dovuto andarsene dalla sala.
pag 1 anno fa su tio
@vulpus Concordo pienamente.. ma prima di girare i tacchi un bello schiaffone al suo compagno di viaggio Michel nn meno maleducato di Erdogan e ancora piu ' colpevole di lui per aver accettato quella situazione assurda.
Tato50 1 anno fa su tio
Per fortuna c'era il divano altrimenti dichiaravano guerra alla Turchia. Ma queste persone che in un posto che non cito sono uguali a me, lo sanno che mentre cercavano il posto per metterci il sedere, nel mondo sono morti 100'000 bambini di fame, di sete, di dissenteria e di tutte le malattie che non sono in grado, anzi non possono, combattere ? E questi sono i problemi di quei due strapagati per fare danni assieme alle migliaia di altri che "lavorano" per l'UE ?
seo56 1 anno fa su tio
🤐🤐
Ro 1 anno fa su tio
Sicuramente il sig. Charles Michel non conosce il galateo. Sicuramente gli piace essere al centro dell’attenzione. Va beh !
Princi 1 anno fa su tio
eh chi prima arriva meglio alloggia
Wunder-Baum 1 anno fa su tio
Si vede che lo stile è poco curato anche in questi livelli.
Jenaplynski 1 anno fa su tio
Ok, dal presidente turco ci si può anche aspettare certi comportamenti retrogradi e paleolitici... ma il “collega presidente” Charles Michel avrebbe anche potuto alzarsi e lasciar sedere la collega... 😏
Booble63 1 anno fa su tio
Troglodita lui, ma anche Michel non è da meno. Di sarebbe dovuto alzare e lasciarle il posto, per sottolineare il suo sostegno alla collega e per mettere in imbarazzo il talebano.
Mat78 1 anno fa su tio
Avete ancora dei dubbi su ErdoAdolf e su chi lo sostiene? Via via per carità, che Vienna alla fine non è caduta per fortuna...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
38 min
Sopravvissuta al killer, a 11 anni: «Ho finto di essere morta»
«È stato terrificante», racconta il piccolo Jayden. «Qualcuno ha acceso della musica triste», ricorda Miah
FOTO
UCRAINA
1 ora
Ricostruire l'aereo più grande del mondo per «onorare la memoria degli eroi»
Per il presidente Zelensky è «una questione di ambizione», ma l'investimento economico sarà ingente
UCRAINA:SEGUI IL LIVE
LIVE
«L'Occidente ha dichiarato una guerra totale al mondo russo»
Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov: «Cancellazione della cultura russa? Abbiamo raggiunto l'assurdità»
FRANCIA
5 ore
Eliminate più di 3'000 tonnellate di prodotti Kinder
Il Direttore di Ferrero Francia: «È una crisi straziante»
CANADA
7 ore
Si aggira con un fucile vicino a una scuola, ucciso dagli agenti
Ampio dispiegamento di polizia quest'oggi a Toronto: un uomo armato ha creato il panico
STATI UNITI
7 ore
Il marito dell'insegnante eroica è morto «dal troppo dolore»
Un attacco cardiaco ha stroncato il marito di Irma García, a soli due giorni dalla sparatoria
MONDO
9 ore
Se il riscaldamento globale ti raggela la camera da letto
L'aumento delle temperature potrebbe avere un'influenza sulla riproduzione della specie umana. L'allarme degli esperti
ITALIA
17 ore
Errori umani e una fune vecchia
L'inchiesta tecnica sulla tragedia del Mottarone ha portato i primi risultati, a un anno dall'evento
UCRAINA
19 ore
A Mariupol i bambini vengono "de-ucrainizzati"
La denuncia di Kiev: nella città conquistata dai russi è partita la propaganda di massa, anche nelle scuole
UCRAINA
21 ore
I destini paralleli delle fabbriche-bunker in Ucraina
Prima la Azovstal a Mariupol, ora la Azot di Severodonetsk
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile