keystone-sda.ch (Michael Kappeler)
GERMANIA
24.03.21 - 19:000

«È stato un errore», la retromarcia sotto pressione di Merkel

La revoca della decisione del governo per una Pasqua "blindata" è arrivata dopo un fuoco incrociato di critiche

La cancelliera ha convocato questa mattina un vertice a sorpresa con i Länder e ha chiesto scusa ai cittadini.

BERLINO - Il 24 marzo 2021 resterà con ogni probabilità ben stampato nei ricordi di Angela Merkel. All'indomani della decisione, fortemente voluta dalla cancelliera tedesca, di stringere ulteriormente la vite in vista del periodo delle festività pasquali, tutta la frustrazione della Germania - che, lo ricordiamo, si trova in stato di lockdown dal 16 dicembre scorso - si è riversata questa mattina sui titoli dei giornali, che in apertura hanno attaccato frontalmente la strategia del governo. Poche ore dopo, a sorpresa, Merkel ha fatto un passo indietro, revocando tutto.

Un piano - quello concordato dopo oltre dodici lunghe ore di trattative tra Berlino e i rappresentanti dei Länder - «senza coraggio e senza idee» ha tuonato la Bild. Il conservatore Die Welt lo ha etichettato come «stupido». Mentre la Süddeutsche Zeitung ha riassunto il tutto con un perentorio «dodici ore e molta frustrazione».

I due giorni della discordia
E nel mirino delle critiche non ci sono finite solo le restrizioni, ma soprattutto la decisione di istituire due "Ruhetage" in aggiunta ai giorni festivi già in calendario. Uno stop che il mondo economico ha subito bersagliato e che è stato messo in dubbio da alcuni Stati federati che lo ritenevano inapplicabile.

Nel mezzo di un fuoco incrociato di pressioni, il risveglio di Merkel non sarà stato dei più rilassati. Sulla cancelliera, che vive un momento politicamente poco sereno dopo il crollo accusato dal suo partito alle recenti regionali, pesa anche la diffusa frustrazione di una popolazione che ormai vive "sotto chiave" da quasi tre mesi e mezzo. Una serie di tasselli del domino allineati che questa mattina sono crollati innescando la convocazione di un vertice blitz con i Länder.

«È stato un errore. Chiedo scusa»
A quel punto il "mea culpa" di Merkel è stato immediato. «È stato un errore» e quindi «deve essere chiamato come tale» e «corretto per tempo». Poi è stata la volta delle scuse. «So che questo procura dell'altra insicurezza e chiedo perdono a tutti i cittadini e a tutte le cittadine», ha detto la cancelliera dopo l'incontro con i Länder, confermando la revoca dei due "Ruhetage", che ha riconosciuto essere non realizzabili «in così poco tempo».

Ma anche i ministri presidenti dei Länder, o perlomeno alcuni di loro, hanno riposto l’ombrello per mettersi sotto la pioggia al fianco di Angela Merkel. «Credo sia necessario che tutti si scusino» ha detto il presidente bavarese, Markus Söder, ricordando che la decisione era stata presa in modo collegiale dagli Stati. E sulla stessa linea si sono schierati anche Winfried Kretschmann e Armin Laschet, rispettivamente ministri-presidenti del Baden-Württemberg e del Nordreno-Westfalia. «Tutti abbiamo concordato» le misure e «tutti abbiamo espresso preoccupazione», ha rimarcato il numero uno dell’Unione Cristiano-Democratica. Però «alla fine tutti e sedici abbiamo detto: “Facciamo così”».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Cai Cai 7 mesi fa su tio
I nostri governanti, dovrebbero prendere lezioni da questa signora.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
13 min
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
2 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
4 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
6 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
14 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
16 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
19 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
21 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
22 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
23 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile