Keystone
STATI UNITI
12.11.20 - 07:390
Aggiornamento : 10:27

Ron Klain a capo dello staff di Biden

Il veterano del partito democratico non ha mai nascosto la sua contrarietà alle mosse della Casa Bianca sulla pandemia

WASHINGTON - Joe Biden compie il primo passo per la formazione della sua squadra e nomina Ron Klain capo dello staff.

Veterano del partito democratico e da decenni a fianco di Biden, Klain era lo 'zar per l'Ebola' dell'amministrazione di Barack Obama, colui chiamato a delineare la risposta americana all'emergenza.

Ora Klain si trova ad affrontare il Covid-19, una pandemia a suo avviso non gestita in modo appropriato da Donald Trump. E Klain non ha mai nascosto su Twitter la sua contrarietà alle mosse della Casa Bianca per affrontare il coronavirus.

Avvocato con una profonda conoscenza di Capitol Hill, Klain era da tempo il favorito per l'incarico visti i trascorsi con Biden. Era infatti a fianco del presidente-eletto negli anni 1980 quando Biden era presidente della commissione Giustizia del Senato e lui si era appena laureato alla Harvard Law School. Klain era poi stato capo dello staff di Biden durante i suoi anni alla vicepresidenza. Un rapporto quindi lungo e basato su una fiducia reciproca che ha spinto Biden a nominarlo.

Una nomina che, secondo gli osservatori, segnala un'inversione di rotta rispetto al caos della Casa Bianca di Trump. Conosciuto per avere i nervi saldi, Klain è un uomo della politica di Washington dotato di esperienza e competenza.

«Ron è stato preziosissimo durante gli anni che abbiamo lavorato insieme, incluso quando abbiamo salvato l'economia americana nel 2009 da una delle peggiori recessioni della storia», afferma Biden. «La sua profonda e variegata esperienza e la sua capacità di lavorare con gli altri nell'ambito di tutto lo spettro politico è precisamente quello di cui ho bisogno nel capo dello staff della Casa Bianca», aggiunge il presidente-eletto. Klain accetta con «umiltà» l'offerta e si dice «onorato» dell'incarico.

Sanders pronto a fare il ministro del Lavoro - «Se avessi un portafoglio che mi permettesse di lottare per i diritti delle famiglie che lavorano lo accetterei? Sì, lo farei», ha dichiarato alla Cnn Bernie Sanders, anima della sinistra progressista dei democratici e in odore d'incarico nell'amministrazione Biden.

Alla domanda se sia vero che stia pensando al dicastero al Lavoro, il senatore del Vermont ha risposto: «Quello che è vero è che voglio fare tutto quello che posso per proteggere le famiglie lavoratrici di questo Paese, che al momento stanno soffrendo in modo tremendo», aggiungendo di accettare volentieri un incarico che glielo consenta: «Che sia al Senato o nella futura amministrazione Biden, chi lo sa?».

L'Independent, invece, afferma che nel Partito Democratico sta facendosi strada l'idea di escludere i principali rappresentanti della sinistra, Sanders ed Elizabeth Warren, da qualunque incarico di governo, nel timore di perdere ancora nelle elezioni di medio termine dopo che il partito dell'asinello si è già visto decurtare la maggioranza alla Camera dei rappresentanti di sei deputati ed è in bilico al Senato.

Portavoce delle preoccupazioni dei centristi Dem al quotidiano britannico è il deputato della Virginia Gerry Connolly: «L'amministrazione Biden deve essere più sensibile sulla provenienza delle persone se si guardano ai numeri al Congresso. Non possiamo permetterci di mettere in pericolo i nostri seggi», dice il parlamentare.

Di tono opposto, alcuni giorni fa, era stato il monito della giovane deputata Alexandria Ocasio-Cortez, anche lei rappresentante dell'anima di sinistra, secondo la quale è stato invece proprio l'atteggiamento conservatore della campagna Biden ad aver fatto perdere voti ai dem.

Giappone e Stati Uniti - Il rafforzamento dell'alleanza bilaterale tra Giappone e Stati Uniti, la cooperazione nella battaglia per sconfiggere la pandemia del coronavirus e gli sforzi comuni contro il cambiamento climatico. Sono stati questi i temi al centro della prima conversazione telefonica intercorsa tra il premier nipponico Yoshihide Suga e il presidente americano eletto Joe Biden, dopo le congratulazioni di rito.

Parlando ai cronisti, Suga ha spiegato che l'alleanza tra i due Paesi si inserisce in un momento di crescente instabilità per la regione dell'Asia Pacifico e la sua esistenza servirà garantire il mantenimento della pace e della prosperità per la comunità internazionale.

Il premier giapponese ha aggiunto che ha anche discusso con Biden circa la possibilità di un incontro di persona «appena le contingenze lo permetteranno». Una visita a Washington che - secondo fonti del governo citate dai media nipponici - potrebbe concretizzarsi subito dopo l'inizio del mandato di Biden, il prossimo 20 gennaio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ARABIA SAUDIT
14 min
Negli Stati Uniti via libera al vaccino Johnson&Johnson
Lo ha dato la commissione della FDA. Per oggi è attesa l'approvazione da parte dei vertici
GIAPPONE
44 min
Niente cognome da nubile una volta sposate, lo dice la ministra delle pari opportunità
La giapponese Tamayo Marukawa è tra i firmatari di una lettera che osteggia la proposta di riforma.
STATI UNITI
13 ore
Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi
È questo in sostanza il contenuto del rapporto dell'intelligence Usa diffuso questa sera
ITALIA
13 ore
La Lombardia da lunedì si tinge d'arancione
Aumenta il tasso di positività. Le province più colpite sono quelle di Milano, Brescia e Monza e Brianza
REGNO UNITO
14 ore
A 15 anni fuggì in Sira per unirsi allo Stato Islamico, ora non può più tornare a casa
La decisione della Corte Suprema britannica condanna una giovane sposa dell'Isis a un destino da apolide
GERMANIA
15 ore
Le famose calzature Birkenstock sono state rilevate da LVMH
L'affare si aggira attorno ai 4 miliardi di euro. L'intenzione è quella di espandersi anche in Asia
ITALIA
17 ore
Monitoraggio: Lombardia e altre quattro regioni ad «alto rischio»
Regioni italiane confinanti con il Ticino verso l'arancione, confermano i dati. Livello di rischio in peggioramento.
ITALIA
20 ore
«La terza ondata ha inizio»: l'Italia si tinge di rosso e arancione
Due regioni si apprestano a entrare in massima allerta. Sei potrebbero diventare arancioni. Una, la Sardegna, bianca.
STATI UNITI
23 ore
Attacchi in Siria: quando Biden e la sua portavoce criticavano Trump
Dopo il raid nella notte, emergono tweet che fanno indignare anche i sostenitori del neopresidente.
SIRIA
1 gior
Il primo attacco missilistico dell'era Biden, è in Siria e ha causato almeno 17 morti
Si tratta di una rappresaglia e ha colpito una base di miliziani sostenuti dall'Iran
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile