Immobili
Veicoli
Keystone
CILE
26.10.20 - 07:080
Aggiornamento : 09:28

I cileni vogliono la nuova Costituzione

Il sì al referendum è passato a larghissima maggioranza: il nuovo testo sostituirà quello risalente all'era Pinochet.

SANTIAGO - I cileni hanno votato ieri a larghissima maggioranza a favore di una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall'era di Pinochet, in un referendum tenuto un anno dopo una massiccia rivolta popolare contro le disuguaglianze sociali.

I risultati - Secondo i risultati quasi definitivi che coprono oltre il 99% dei seggi elettorali, i voti a favore di una nuova Costituzione hanno vinto di gran lunga con il 78,3%. L'affluenza è stata intorno al 50%, secondo l'autorità elettorale del Cile.

Il popolo cileno ha pure deciso (maggioranza del 79.3%) chi scriverà questo testo. Il lavoro di riscrittura della Costituzione ereditata da Augusto Pinochet sarà realizzato da una assemblea costituente composta al 100% da persone scelte attraverso un voto popolare. L'altra opzione, di un organismo formato per il 50% da parlamentari e dal 50% da persone scelte attraverso una elezione ha ottenuto soltanto il 21% di consensi.

Quindi i 155 membri del'assemblea costituente saranno scelti in occasione delle elezioni amministrative dell'11 aprile 2021, sulla base di un criterio di parità di genere e con una rappresentanza di delegati delle popolazioni indigene.

L'assemblea avvierà i suoi lavori nel maggio 2021 e il risultato sarà sottoposto a un referendum di ratifica popolare che si svolgerà nel secondo semestre del 2022. In caso di approvazione la nuova Costituzione entrerà in vigore immediatamente, sostituendo automaticamente la precedente.

Le dichiarazioni del presidente - Il presidente cileno Sebastián Piñera ha dichiarato, dopo aver conosciuto l'ampia vittoria del sì (78,3%) alla riforma della Costituzione, che «i cileni hanno espresso la loro volontà, scegliendo un'assemblea costituente che avrà piena uguaglianza tra uomini e donne per redigere una nuova Costituzione per il Cile».

«Ciascun voto - ha proseguito - ha avuto lo stesso valore, ha trionfato la cittadinanza e la democrazia, l'unità sulla divisione, la pace sulla violenza, e questo è un trionfo dei cileni. Questo trionfo della democrazia ci deve riempire di gioia e speranza, perché abbiamo dimostrato che il dialogo è più fecondo dell'intolleranza».

Questo «plebiscito» (referendum), ha concluso, «non è la fine, ma l'inizio di un cammino che tutti insieme dobbiamo percorrere per arrivare alla nuova Costituzione che (...) deve essere la casa di tutti».

Fin dalla diffusione dei primi dati migliaia di cileni si sono riversati nelle strade del centro di Santiago, e di molte altre città cilene (Iquique, La Serena, Valparaíso, Santiago, Talca, Concepción e Punta Arenas) per celebrare la vittoria. Nella Plaza Baquedano della capitale, ribattezzata da un anno Plaza Dignidad, i manifestanti hanno esposto un enorme striscione in cui si leggeva "Plaza Dignidad, non dimentichiamo il 1973", anno del cruento colpo di stato che pose fine al governo di Unidad Popular del presidente Salvador Allende.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
49 min
Quirinale, i "bookmaker" oggi dicono Casini
L'ex presidente della Camera parte in pole. Il centrodestra compatto su Sabino Cassese? Alle 11 via al quarto scrutinio
TAGIKISTAN
4 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
11 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
15 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
18 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
22 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
1 gior
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
1 gior
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile