Keystone
Boris Johnson.
REGNO UNITO
30.09.20 - 19:580

Lasciare «che il virus faccia il suo corso»? Johnson non ci sta

Il premier britannico ha difeso le restrizioni imposte nelle ultime settimane

LONDRA - «Sono profondamente in disaccordo» con chi suggerisce di lasciare che «il virus faccia il suo corso» anche a costo di avere più morti. Lo ha sottolineato oggi il premier britannico Boris Johnson in un briefing di aggiornamento sull'emergenza Covid.

Johnson ha difeso le restrizioni estese nelle ultime settimane nel Regno Unito, pur ammettendo che per verificarne l'efficacia occorrerà ancora tempo. Il premier ha inoltre confermato che il trend dei contagi resta in aumento e che questo «tragicamente» sta facendo riaumentare anche il numero quotidiano dei decessi «come avevano anticipato».

Boris Johnson ha spiegato la necessità del giro di vite locale sui contatti sociali ripristinato in diverse aree del Regno, fino a un totale di 16 milioni di persone, come essenziale in questa fase. Ha aggiunto di comprendere le difficoltà di chi deve rispettare le nuove regole, ma ha ribadito che il governo «non esiterà a prendere misure ancor più severe» se le direttive non saranno rispettate o comunque il tasso di contagi, dei ricoveri e dei decessi - tutti «in ascesa», come ha fatto eco il consigliere scientifico capo di Downing Street, Patrick Vallance - non scenderà.

Fra i focolai riemergenti, il premier ha citato quello dei campus di varie università, lasciando peraltro intendere di non voler arrivare a richiudere gli atenei, come le scuole o la generalità delle attività economiche, ed evocando invece la definizione di «piani che permettano agli studenti (fuori sede) di tornare a casa in sicurezza per Natale».

In positivo ha in ogni modo notato che il Paese «è molto meglio preparato» rispetto alla primavera sul fronte delle terapie, dell'organizzazione ospedaliera, dei ventilatori disponibili e si è detto «fiducioso» che l'incremento dei test, l'uso dell'app di tracciamento «scaricata da 14 milioni di persone» in pochi giorni e «naturalmente la prospettiva di un vaccino» saranno fondamentali in una situazione nella quale la diffusione preoccupa, ma sembra seguire un trend «diverso» rispetto ai primi mesi della pandemia: «più lento» per ora, secondo le parole del chief medical officer, Chris Whitty.

Il primo punto chiave, ha insistito il premier, resta tuttavia quello d'affrontare la sfida «insieme» come nazione, «rispettare le linee guida», seguire «il buon senso» e «sacrificarsi» ove necessario individualmente «per la sicurezza di tutti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dioneus 3 sett fa su tio
Se l'è davvero fatta sotto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
8 ore
Il "motore" della pandemia? Un mosaico di fattori
I ricercatori sottolineano come la gran parte dei contagi avvenga in casa
STATI UNITI
9 ore
Caso George Floyd, confermate le accuse di omicidio volontario per l'ex agente
Il giudice ha lasciato cadere solo l'accusa di omicidio di terzo grado
STATI UNITI
11 ore
Wall Street ha investito meno per la rielezione di Trump
A scaricare l'inquilino della Casa Bianca sono molti investitori degli ambienti conservatori
FRANCIA
11 ore
Il coprifuoco ora tocca 46 milioni di persone
Nuovo record di contagi: sono più di 41mila in 24 ore
BRASILE
11 ore
Il volontario deceduto del vaccino Oxford-Astrazeneca aveva il Covid-19
All'uomo, un medico di 28 anni, era stato somministrato il placebo
CINA
13 ore
Huawei lancia le Petal Maps, l'alternativa alle mappe di Google
Supportate le indicazioni in 79 lingue. Le notifiche vocali sono disponibili anche in italiano, francese e tedesco
BELGIO
14 ore
Preoccupazioni da Liegi, «la Lombardia della seconda ondata»
L'allarme è lanciato da un dottore del reparto di terapia intensiva di un ospedale locale
ITALIA
16 ore
Organizzano la partitella di soppiatto, ma alla fine i carabinieri li pizzicano
E scatta la multona. È successo in quel di Castellanza (VA) a un gruppetto che proprio non ce la facevano a non giocare
FRANCIA
17 ore
L'assassino di Samuel Paty era in contatto con la Jihad
Il 18enne sarebbe stato in contatto diretto con un terrorista, forse suo connazionale, di stanza in Siria
STATI UNITI
18 ore
Con Facebook Dating, Zuckerberg sfida Tinder
L'app di appuntamenti sbarca in 32 paesi dopo una lunga fase di test, riuscirà a convincere?
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile