KEYSTONE
Sarà con tutta probabilità una donna a prendere il posto di Ruth Bader Ginsburg.
STATI UNITI
21.09.20 - 06:300

Trump pensa a una donna per sostituire Ruth Bader Ginsburg alla Corte Suprema

La favorita di queste ore è la 48enne Amy Coney Barrett.

Le sue posizioni, diametralmente opposte a quelle della giudice scomparsa, sono sia la sua forza che la sua debolezza.

WASHINGTON - Donald Trump non ha intenzione di lasciar passare troppo tempo prima di comunicare agli Stati Uniti il nome del giudice prescelto per colmare il vuoto lasciato da Ruth Bader Ginsburg alla Corte Suprema.

Sabato, nel corso di un evento elettorale nella Carolina del Nord, il presidente ha assicurato che la scelta verrà resa nota «la prossima settimana». Ovvero tra oggi e domenica. «Abbiamo numerose donne sulla lista» ha dichiarato Trump, lasciando intendere che la prescelta sarà proprio una donna.

La favorita - Il nome che circola maggiormente sui media a stelle e strisce è quello della 48enne Amy Coney Barrett, che fu a un passo dall'essere scelta nel 2018 - quando prevalse Brett Kavanaugh. Trump ha detto di lei che è «molto rispettata». Altri punti a suo favore: l'aver lavorato per un giudice della Corte Suprema, lo scomparso Antonin Scalia, l'ardente fede cattolica e le sue posizioni contro l'aborto (che la rendono molto gradita alla destra religiosa), l'essere madre di sette figli e, appunto, l'essere donna. Che appare come un requisito imprescindibile per la futura nomina.

Gli outsider - Su molte tematiche Barrett e Ginsburg hanno visioni diametralmente opposte - e questo potrebbe essere un problema, se il presidente dovesse decidere per una nomina maggiormente "moderata". Si fanno quindi i nomi della 38enne Allison Rushing e della 52enne Barbara Lagoa. Non è escluso nemmeno il giudice Amul Thapar, se non altro perché si tratta del favorito del leader della maggioranza repubblicana al senato Mitch McConnell.

Una Corte nettamente conservatrice - Trump potrebbe quindi rompere gli indugi già nelle prossime ore. Con buona pace di Ginsburg e del suo "testamento": la giudice scomparsa auspicava infatti che il processo di selezione e nomina avesse luogo dopo le elezioni del 3 novembre. Per scongiurare, dal suo punto di vista, un ulteriore "slittamento" della Corte (sarebbe il terzo giudice nominato da Trump). Negli ambienti liberal si è tornati a parlare delle sue mancate dimissioni all'epoca della seconda presidenza Obama: la sua rinuncia avrebbe aperto la strada a un giudice progressista più giovane e avrebbe evitato lo scenario che sembra delinearsi: quello di una Corte a schiacciante maggioranza conservatrice.

KEYSTONE
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Nata da un embrione congelato... 28 anni fa
Il record precedente, di 25 anni, era stato stabilito nel 2017. Dalla stessa coppia di genitori adottivi
Unione europea
1 ora
L'Ue? «Un matrimonio in crisi, serve un esame di coscienza»
A Mateusz Morawieczki non va giù lo sfogo dell'Unione contro Polonia e Ungheria
STATI UNITI
4 ore
«Restate a casa», disse il sindaco dalla sua vacanza in Messico
Bufera sul sindaco di Austin, in Texas, molto attivo nell'esortare al rispetto delle raccomandazioni.
MONDO
4 ore
È TikTok il social dell'anno
Tuttavia, negli Stati Uniti, lo scontro con la Cina sta ancora tenendo l'app musicale sulle spine
STATI UNITI
6 ore
È già iniziato il pressing della Cina sul team di Biden
Lo sostiene l'intelligence Usa che ha parlato di spionaggio e campagne d'influenza di Pechino negli States
ITALIA
8 ore
Natale blindato, Conte firma stasera
Le conferme: regioni "chiuse" dal 21 dicembre al 6 gennaio. Blindati il 25 e 26 dicembre e Capodanno
EUROPA
9 ore
I "rifiuti d'oro" del Covid
Una maxi-operazione dell'Europol su scala europea ha portato a oltre 100 arresti
EUROPA
17 ore
EasyJet: bagaglio a mano? Presto solo uno zainetto
Da febbraio si potrà portare in cabina solo una piccola borsa da tenere sotto il sedile
BIELORUSSIA / LITUANIA
18 ore
«Quella centrale nucleare non rispetta gli standard internazionali»
La Lituania è preoccupata della gestione bielorussia della nuova centrale nucleare di Astravyets
MONDO
18 ore
L'Onu rimuove la cannabis dalla lista dei narcotici più pericolosi
Nella stessa tabella figuravano anche eroina e cocaina
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile