Immobili
Veicoli
Keystone
BIELORUSSIA
29.08.20 - 19:510

Lukashenko contro i reporter stranieri

Proseguono tuttavia le proteste di massa contro colui che governa il paese da 26 anni

Fonte Giuseppe Agliastro - ats ans
elaborata da Alessandra Ferrara
Giornalista

MINSK - Aleksandr Lukashenko non vuole testimoni. Vorrebbe che le proteste di massa contro di lui in Bielorussia fossero raccontate solo dalla propaganda del suo regime. Si può leggere in questo modo il nuovo giro di vite dell'"ultimo dittatore d'Europa" contro i giornalisti.

Un numero imprecisato di reporter che lavorano per testate straniere si sono visti privare del loro accredito giornalistico, e quindi della possibilità di lavorare e raccontare cosa sta avvenendo nel Paese. Decine di cronisti sono stati fermati in questi giorni dalla polizia e Aleksandr Vasilievich, il fondatore di due testate online critiche nei confronti del governo, è finito dietro le sbarre.

Decine, a volte forse addirittura centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza in queste settimane contro colui che governa la Bielorussia col pugno di ferro ormai da 26 anni. Il suo trionfo elettorale con l'80% dei voti alle presidenziali del 9 agosto è considerato da molti il risultato di massicci brogli elettorali e proteste pacifiche e scioperi si sono registrati praticamente in tutto il Paese.

Il regime di Lukashenko ha reagito reprimendo brutalmente le manifestazioni e ora pare volersi concentrare sui giornalisti. «Quando un governo manda via i giornalisti stranieri c'è da preoccuparsi», ha commentato su Twitter il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni. I nuovi provvedimenti liberticidi sono stati condannati anche dall'ambasciata americana a Minsk.

Non dalla Russia però, che si è schierata dalla parte del suo vecchio e non sempre fedele alleato minacciando un intervento militare o di polizia in caso di "necessità". Putin, che teme che Minsk possa uscire dalla sfera di influenza del Cremlino, oggi ha ribadito il suo sostegno a Lukashenko precisando che Mosca considera «valide» le tanto contestate presidenziali di tre settimane fa.

Tra i giornalisti a cui è stato revocato l'accredito figurano reporter della Bbc, di Radio Liberty, delle agenzie di stampa France Presse, Reuters e Associated Press e della tv tedesca Ard. Almeno quattro di loro, di cittadinanza russa, hanno già lasciato la Bielorussia. «È un altro segnale che questo regime è assolutamente privo di principi morali», ha commentato Svetlana Tikhanovskaya, la leader dell'opposizione che tanti ritengono la vera vincitrice delle presidenziali e che è stata costretta a emigrare in Lituania dopo il voto.

Tikhanovskaya però è ottimista sul futuro: il governo di Lukashenko - ha dichiarato - «tenterà di restare aggrappato al potere intimorendo e minacciando», ma «questa tattica non funzionerà: il popolo bielorusso non ha più paura. Vinceremo. L'ora più buia precede sempre l'alba».

Domani in Bielorussia è in programma un'altra protesta di massa contro il regime.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TAGIKISTAN
1 ora
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
8 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
13 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
15 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
19 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
23 ore
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
1 gior
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
1 gior
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile