keystone-sda.ch (Gali Tibbon)
Il presidente israeliano Rivlin ha dato mandato a Benjamin Netanyahu di formare il nuovo governo.
ISRAELE
07.05.20 - 21:100

Tocca di nuovo a Netanyahu

Finisce così una crisi politica durata oltre un anno

TEL AVIV - Il pallino torna in mano a Benjamin Netanyahu. Questa sera, bruciando i tempi, il presidente Reuven Rivlin gli ha assegnato l'incarico di formare il nuovo governo israeliano. E il nuovo esecutivo non potrà che essere che quello di emergenza nazionale in coabitazione con l'ex rivale Benny Gantz: 18 mesi premier l'uno, 18 mesi l'altro.

Dopo oltre un anno finisce così - a meno d'improbabili clamorosi sviluppi - una crisi politica che ha visto ben tre elezioni, senza precedenti nella storia del paese.

A mettere il sigillo finale sulla prolungata impasse e dare l'input a Rivlin ci hanno pensato oggi 72 deputati su 120 della Knesset che, in una lettera al presidente, hanno indicato Netanyahu come il deputato prescelto per formare l'esecutivo, il quinto da lui presieduto anche se questa volta in condominio forzato con Gantz. Una maggioranza ben più vasta di quei 61 seggi necessari alla bisogna e che premia l'incontrastata padronanza di Netanyahu dei meccanismi politici del paese.

Tuttavia il vero semaforo verde all'ardita ingegneria istituzionale ideata per il governo nato sotto la spinta della lotta al coronavirus lo ha dato ieri la Corte suprema, fino allora ostacolo fortemente temuto. Sono stati ben 11 giudici su 15, presieduti da Esther Hayut, a non accogliere, in diretta streaming, la sostanza delle istanze con cui varie organizzazioni di opposizione e il partito centrista di Yair Lapid (un tempo alleato di Gantz) avevano cercato di far cadere l'intesa.

La Corte - tranne alcuni rilievi subito accolti dal Likud, il partito di Netanyahu, e da Gantz - non ha avuto da obiettare né sulla nuova forma di un governo bicefalo, purché venisse approvato dalla Knesset, né sul fatto che un deputato incriminato di corruzione, frode e abuso di potere, come Netanyahu, diventasse premier.

Dopo la decisione, la maggioranza del parlamento - il cui incarico di cercare un nuovo premier scadeva questa sera a mezzanotte (le 23.00 in Svizzera) - ha prontamente votato a favore dell'intesa e, in breve successione, indicato l'attuale primo ministro a interim.

Rivlin, fatte le verifiche previste dalla legge che potevano durare anche due giorni, non ha atteso oltre e ha affidato al premier più longevo della storia d'Israele l'agognato incarico formale.

Il quadro generale del governo - che potrebbe giurare mercoledì prossimo - è già largamente segnato. I ministri - se le anticipazioni si confermeranno - saranno, nel corso triennale dell'esecutivo, da 32 a 36: mentre Netanyahu sarà capo per i primi 18 mesi, Gantz andrà agli esteri o alla difesa ma con la qualifica di "premier alternato" in attesa di guidare a sua volta.

Ammesso e non concesso che il processo a Netanyahu fissato il 24 maggio non riservi ulteriori colpi di scena o che - come hanno maliziosamente osservato alcuni analisti - il capo del Likud faccia veramente il passo indietro quando sarà il turno di Gantz.

Se lo farà - hanno sostenuto gli stessi analisti altrettanto maliziosamente - potrebbe essere per puntare alla presidenza di Israele che Rivlin lascerà nel luglio del 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Il Green pass passa, senza problemi, anche in Senato
Il decreto per l'introduzione dell'obbligo nelle scuole e sui mezzi di trasporto è stato approvato dal Senato
MONDO
4 ore
A caccia di streghe
Non siamo più nel medioevo ma il sospetto e la superstizione uccidono e mutilano ancora, migliaia di persone ogni anno
FOTO
ISRAELE
5 ore
Eitan per ora resterà in Israele
Lo hanno deciso in tribunale questa mattina le due famiglie che si contendono il piccolo, il processo al via a ottobre
REGNO UNITO
7 ore
«È l'ultima chance per l'umanità»
I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»
MONDO
10 ore
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
17 ore
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
STATI UNITI
21 ore
Perché il caso di Gabby Petito ha lasciato tutta l'America con il fiato sospeso
Fra teorie e ipotesi su TikTok e Instagram, la storia della 22enne scomparsa ha catalizzato la curiosità di una nazione
Italia
23 ore
Le mafie stanno sfruttando l'emergenza Covid per arricchirsi
L'Antimafia lancia un appello ai governi: «Bisogna far fronte comune e trattare questa emergenza come quella sanitaria»
GERMANIA
1 gior
Se non sei vaccinato e finisci in quarantena, il datore non deve pagarti
In Germania sarà così dal 1 novembre, conferma il Governo. Il motivo è che «esiste un vaccino che funziona»
AFGHANISTAN
1 gior
I talebani: «Fateci parlare alle Nazioni Unite»
Suhail Shaheen avrà il ruolo di esporre il punto di vista talebano nello scenario internazionale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile