keystone-sda.ch / STF (Alex Brandon)
STATI UNITI
08.03.20 - 18:490

Quel silenzio di Trump sul coronavirus

Per il presidente Usa è un "non problema" (e non ne parla) ma intanto il contagio si diffonde e spaventa

WASHINGTON D.C. - Toni bassi o, ancora meglio, il silenzio. L'emergenza coronavirus, con l'epidemia che accelera anche negli Usa, sta creando scompiglio alla Casa Bianca. Donald Trump, a caccia del secondo mandato e già in piena campagna elettorale, è ben consapevole che più sale il numero di casi in America più scendono le chance di rielezione.

E non è un caso, notano in molti, che a differenza degli altri Paesi occidentali, europei in testa, il governo federale Usa non stia comunicando giorno per giorno il bilancio dei contagi su scala nazionale. I dati che arrivano sono solo quelli dei governatori dei vari Stati, alcuni dei quali hanno dichiarato lo stato di emergenza. E continuano a crescere, malgrado i costi proibitivi dei test sanitari per chi non ha un'assicurazione medica.

Al pressing degli esperti della sanità che spingono affinché l'amministrazione spieghi con chiarezza e urgenza il rischio agli americani, la Casa Bianca - secondo una ricostruzione del New York Times - sta opponendo resistenza nel timore di far crollare del tutto i mercati e creare panico fra la gente. Uno scenario che Trump sembra intenzionato ad evitare a tutti i costi, considerato che l'economia è stata finora il suo cavallo di battaglia per la rielezione.

E così ai primi avvertimenti lanciati dal ministro della Sanità Alex Azar sulla serietà del problema, il presidente ha risposto minimizzando: meglio parlare dell'emergenza delle sigarette elettroniche. Il tycoon, noto germofobico, ha continuato per settimane a smorzare i toni e mostrare ottimismo: lo ha fatto al World Economic Forum di Davos così come in altri eventi pubblici e nelle riunioni con i suoi più stretti collaboratori. «Andrà tutto bene. Tutti devono stare calmi», è il suo mantra.

La partita del coronavirus all'interno della Casa Bianca è stata complicata dall'accordo commerciale con la Cina, siglato dagli americani in dicembre. Da qui il serrato confronto andato avanti per giorni all'interno della Situation Room su come procedere nei confronti di Pechino e mettere al riparo gli Stati Uniti, dove ogni giorno arrivano 23.000 cinesi. Sull'ipotesi di un blocco dei voli si è consumato un duro scontro fra le varie anime dell'amministrazione: molti si sono opposti, definendo la misura inutile.

Dopo un iniziale tentennamento, le autorità sanitarie si sono invece espresse a favore, perché lo stop avrebbe consentito agli Stati Uniti di guadagnare tempo e mettere in atto misure preventive. Il tema è stato poi portato nello Studio Ovale al presidente, che ha sposato la linea più drastica, quella del blocco totale a rischio di irritare Pechino.

Una decisione dettata dalla volontà di frenare il più possibile il numero di contagi negli Stati Uniti. Il timore più grande di Trump, racconta chi gli sta vicino, è che il coronavirus diventi quello che Katrina ha rappresentato per George W. Bush: un disastro di immagine totale, che avrebbe un impatto devastante alle urne.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE FOTO
STATI UNITI
1 ora
L'aereo si schianta, ma sopravvivono tutti: «È un giorno di festa»
«È il miglior esito in cui potessimo sperare» hanno commentato le autorità in seguito a quanto accaduto
MONDO
1 ora
Il clima va da una parte, i governi dall'altra
Petrolio, gas e carbone allargano il gap tra i piani produttivi degli Stati e gli obiettivi climatici per il 2030.
REGNO UNITO
5 ore
Quasi 50'000 casi al giorno, il disastro Covid del Regno Unito
Ancora una volta il Paese al di là della manica è messo alle strette dal coronavirus, ecco come (e perché) è successo
MONDO
8 ore
Quando il drone uccella il carcere
Sono sempre più frequenti i tentativi di bucare dall'alto la sorveglianza nei penitenziari
MONDO
8 ore
Cosa mancherà nei prossimi mesi e dove
Non tutti i problemi di approvvigionamento sono collegati alla pandemia. Ad incidere è anche il clima.
Cina
14 ore
Gli sconosciuti che danno le caramelle ai bimbi uiguri per spiarli
Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»
REGNO UNITO
20 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
Germania
22 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
AUSTRALIA
1 gior
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
STATI UNITI
1 gior
La morte di Powell fa il pieno ai "no vax"
L'ex Segretario di Stato americano è morto per complicazioni da Covid-19. Una prova che il vaccino non funziona? No.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile